Il monito di Papa Francesco: "Non sempre le apparizioni della Madonna sono vere"
Top

Il monito di Papa Francesco: "Non sempre le apparizioni della Madonna sono vere"

Bergoglio ribadisce la sua perplessità non solo su Trevignano ma anche su altre apparizioni a suo giudizio fasulle che ingannano solo i fedeli che ci credono

Il monito di Papa Francesco: "Non sempre le apparizioni della Madonna sono vere"
Papa Francesco
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Giugno 2023 - 11.29


ATF

“Non sempre le apparizioni della Madonna sono vere”. Così Papa Francesco nella prima intervista di un pontefice negli studi Rai di Saxa Rubra ha risposto alla conduttrice di ‘A Sua Immagine’ Lorena Bianchetti che, dopo avergli chiesto del suo rapporto con Maria da bambino, ha incalzato il pontefice sulle «apparizioni della Madonna di cui si parla molto in questi giorni».

Un chiaro riferimento alla vicenda della Madonna di Trevignano Romano, nell’ambito della quale molti fedeli si sono sentiti truffati dall’autoproclamata veggente Gisella Cardia, che chiedeva donazioni a chi partecipava ai pellegrinaggi alla statua di Maria sulle sponde del Lago di Bracciano.

La veggente aspettava il vescovo a certificare l’autenticità dei miracoli, ma forse non si aspettava che a risponderle sarebbe stato quello di Roma.

A tal riguardo, l’opinione di Papa Francesco è netta: «Ci sono state apparizioni vere. Ma la Madonna ha sempre e solo segnalato dov’era Gesù. Quando la devozione Mariana è incentrata troppo su sé stessa, qualcosa non va. Questo è molto chiaro. A me la madonna piace vederla così, col dito verso l’alto, che indica Gesù».

Leggi anche:  Papa Francesco contro le tentazioni autocratiche: "Democrazia è risolvere 'insieme', non dirigismo"

La guerra come il bullismo «La malvagità è una delle possibilità della persone: è una malattia. Ma ci sono persone, anche bambini, che sentono questo piacere nel torturare. Lo stiamo vedendo nella guerra, nei filmati di guerra, il piacere di tanti soldati nel torturare i soldati ucraini. Io stesso l’ho visto in tanti filmati».

Così, poi, il pontefice ha commentato il caso di una ragazza vittima di bullismo.

Alla domanda su come reagire, Francesco ha risposto «con l’affetto, con l’abbraccio. Abbracciarli, far sentire loro che l’amore, la dolcezza è più forte di quell’aggressione». «O scegliamo la via dell’amore, della tenerezza o scegliamo l’altra via dell’indifferenza, che lascia lì il bambino, che subisca i guai», ha aggiunto, tornando sul bullismo in un continuo parallelismo con l’invasione dell’Ucraina.

«Questi ragazzi sembrano vincitori ma fanno finta, è una vittoria finta, perché è una vittoria sull’aggressione, una vittoria sul dolore degli altri. La vera vittoria è armoniosa, non è aggressiva, è mite».

Leggi anche:  Francesco scuote la platea e dice che l'indifferenza è il cancro della democrazia

Il Papa pochi minuti dopo è tornato sulle guerre, lanciando il suo appello alla pace. «Con la pace si guadagna sempre. Forse poco ma si guadagna, mentre con la guerra si perde tutto, e anche i cosiddetti guadagni sono perdite. Una delle cose più belle è imparare a perdonare, come fa Dio. Ognuno di noi deve farlo», ha dichiarato nell’intervista.

Native

Articoli correlati