Cosa succederebbe senza Bitcoin Supply?
Top

Cosa succederebbe senza Bitcoin Supply?

 Il futuro di Bitcoin è un mistero che continua a sconcertare molte persone. Scopri cosa succederebbe se la fornitura di Bitcoin finisse.

Cosa succederebbe senza Bitcoin Supply?
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Novembre 2022 - 12.04


ATF

Un limite di fornitura limitato è una delle caratteristiche più dominanti di Bitcoin. I suoi creatori, Satoshi Nakamoto, hanno progettato Bitcoin per servire essenzialmente come oro digitale, con una fornitura limitata per imitare la quantità finita del metallo prezioso. Il numero massimo di Bitcoin che entrerà mai nel mercato è di 21 milioni. 

I minatori aggiungono in media nuovi token alla fornitura esistente ogni dieci minuti. Il numero di token Bitcoin estratti per blocco si riduce del 50% ogni 210.000 blocchi o quattro anni. I minatori hanno coniato circa 19 milioni di gettoni, lasciando solo altri 3 milioni. 

Il seguente articolo spiega l’offerta di Bitcoin e cosa accadrebbe dopo che i minatori raggiungono l’obiettivo di 21 milioni di token. 

Raggiungimento della soglia di 21 milioni di BTC 

Gli esperti dicono che l’offerta di Bitcoin non raggiungerà mai i 21 milioni perché la rete utilizza operatori bit-shift che arrotondano alcuni punti decimali al numero intero più piccolo più vicino. Ciò può verificarsi quando la rete dimezza la ricompensa del blocco per la creazione di un nuovo blocco Bitcoin e ricalcola il nuovo premio. Le persone esprimono il premio in satoshi, con un satoshi equivalente a circa 0,00000001 BTC.

Leggi anche:  Itinerario di 7 giorni in Sicilia partendo da Catania: tutte le mete

Tuttavia, un satoshi non è divisibile a metà perché è l’unità di misura più piccola nella rete Bitcoin. Gli operatori bit-shift sono programmati per arrotondare i numeri all’intero più vicino quando viene richiesto di dividere un satoshi a metà per calcolare nuove ricompense per i minatori. L’arrotondamento sistematico per difetto delle ricompense di blocco Bitcoin è il motivo principale per cui l’offerta di Bitcoin probabilmente non raggiungerà i 21 milioni. 

Cosa succede dopo aver estratto tutti i 21 milioni di BTC?

Non verranno emessi nuovi Bitcoin una volta che i minatori avranno raggiunto il massimo di 21 milioni, anche se quel numero è leggermente al di sotto del limite. I minatori continueranno a verificare e convalidare le transazioni Bitcoin in blocchi per ottenere ricompense. Tuttavia, i loro premi saranno limitati alle commissioni di elaborazione delle transazioni, spesso imposte agli utenti da scambi di criptovalute come https://bitsoft360.it/.

Il Bitcoin che raggiunge il suo obiettivo di fornitura di 21 milioni di token probabilmente avrà un impatto sui minatori. Tuttavia, gli effetti dipenderanno in parte dall’evoluzione di Bitcoin come criptovaluta. I minatori di Bitcoin continueranno a generare profitti dalle commissioni di elaborazione delle transazioni se la blockchain Bitcoin elabora molte transazioni nel 2140. Lo stesso potrebbe ancora accadere se Bitcoin diventasse principalmente una riserva di valore piuttosto che una valuta di transazione nel 2140, anche con la scomparsa delle ricompense di blocco e la diminuzione dei volumi di transazione. 

Leggi anche:  Da EdiliziAcrobatica ad Acrobatica: il rebranding per celebrare i 30 anni

I minatori potrebbero addebitare commissioni di transazione più elevate per l’elaborazione di transazioni Bitcoin di alto valore o lotti di pagamenti più grandi. Ciò sarebbe possibile con il livello più efficiente di due blockchain come la Lightning Network che facilita la pronta spesa giornaliera di Bitcoin. Di conseguenza, alcuni risultati negativi possono emergere se il mining cessa di fornire profitti affidabili. 

Uno dei risultati è che i minatori possono formare cartelli o gruppi per controllare le risorse minerarie e gestire commissioni di transazione più elevate. 

Un altro potenziale risultato sono le operazioni minerarie egoistiche, in cui i minatori colludono per nascondere nuovi blocchi validi e poi rilasciarli come blocchi orfani, non ancora confermati dalla rete Bitcoin. La pratica può aumentare significativamente i tempi di elaborazione dei pagamenti e costringere gli utenti Bitcoin a pagare commissioni di transazione più elevate per i nuovi blocchi quando i minatori li convalidano sulla blockchain. 

Anche il raggiungimento del limite di offerta da parte di Bitcoin avrebbe un impatto sui suoi prezzi. Gli investitori possono aspettarsi che i prezzi di Bitcoin salgano man mano che la sua offerta diminuisce. Tuttavia, gli esperti sottolineano che è difficile prevedere cosa ne sarà del valore di Bitcoin nei prossimi 120 anni. I prezzi dipenderanno principalmente dalla domanda e dalle normative future. 

Leggi anche:  Itinerario di 7 giorni in Sicilia partendo da Catania: tutte le mete

L’offerta finita di Bitcoin non può superare i 21 milioni di token, che alla fine si esauriranno. Anche se ciò avrà impatti diversi sugli utenti di criptovalute in tutto il mondo, è probabile che i minatori sentano il calore. 

Native

Articoli correlati