Sanità pubblica, Schlein: "Il governo Meloni uccide la prevenzione, non ce lo possiamo più permettere"
Top

Sanità pubblica, Schlein: "Il governo Meloni uccide la prevenzione, non ce lo possiamo più permettere"

Liste d'attesa, Schlein: «Il problema si risolve sbloccando le assunzioni e riuscire a far riempire questi reparti, in modo che anche le liste d'attesa vengano drasticamente abbassate». 

Sanità pubblica, Schlein: "Il governo Meloni uccide la prevenzione, non ce lo possiamo più permettere"
Elly Schlein
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Maggio 2024 - 15.10


ATF

La segretaria del Pd, Elly Schlein, parlando con i giornalisti a Osimo prima delle tre tappe nelle Marche per sostenere i candidati sindaci del centrosinistra, ha parlato della questione liste d’attesa nella sanità pubblica e delle responsabilità del governo Meloni.

«Anche nelle Marche vediamo la sofferenza di chi non riesce a prenotare una banale visita specialistica prima di un anno, un anno e mezzo: questo vuol dire uccidere la prevenzione, non ce lo possiamo permettere come Paese». 

«Alle operatrici e agli operatori della sanità, il nostro messaggio è chiaro: siamo al loro fianco. Questo governo, che peraltro è della stessa maggioranza che governa nelle Marche, l’anno scorso pensava di rispondere alle liste d’attesa incentivando gli straordinari, il che vuol dire non aver incontrato, parlato con un medico o un infermiere negli ultimi mesi, perché loro sono già sottoposti a turni massacranti». 

Secondo la leader del Pd, il problema si risolve «sbloccando le assunzioni e riuscire a far riempire questi reparti, in modo che anche le liste d’attesa vengano drasticamente abbassate». 

Leggi anche:  Premierato, De Cristofaro denuncia: "Sta succedendo qualcosa di clamoroso, la crisi democratica è gigantesca"

Schlein ha ricordato di essere la prima firmataria di una proposta di legge che «chiede di mettere più risorse sulla sanità pubblica, di sbloccare il tetto alle assunzioni fissato nel 2009, che impedisce alle Regioni di farlo, e di riuscire a fare un piano straordinario». «Visto che ho sentito il governo, che ci sa prendendo in giro, dirci che ci sta già lavorando – ha poi concluso – non c’è occasione migliore per dimostrarlo che votare questa legge insieme in Parlamento». 

Native

Articoli correlati