Fosse Ardeatine, Meloni evita ancora di definire 'antifascisti' i trucidati e sorvola sulle responsabilità fasciste
Top

Fosse Ardeatine, Meloni evita ancora di definire 'antifascisti' i trucidati e sorvola sulle responsabilità fasciste

Ancora una volta l'ex missina Giorgia Meloni dedica il minimo sindacale al ricordo di una strage nazi-fascista a dimostrazione che è ancora a Colle Oppio

Fosse Ardeatine, Meloni evita ancora di definire 'antifascisti' i trucidati e sorvola sulle responsabilità fasciste
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Marzo 2024 - 20.28


ATF

La cosa buona (se proprio vogliamo trovare qualcosa con il lanternino) è che La Russa ci ha risparmiato le sue falsificazioni storiche per sminuire il ruolo dei partigiani. Ma cosa aspettarsi da coloro che sono, seppur indiretti, eredi del fascismo e che ancora hanno nel simbolo ma fiamma missina?

Ancora polemiche sull’omaggio alle vittime delle Fosse Ardeatine. Esattamente come un anno fa, quando il ricordo della premier Giorgia Meloni dei «335 italiani innocenti massacrati» sollevò la reazione di Anpi e della sinistra per non avere sottolineato l’estrazione antifascista delle vittime, ora è sempre l’Associazione partigiani ad andare all’attacco. L’Anpi infatti critica il messaggio della presidente del consiglio che parla della responsabilità dei nazisti «dimenticando le responsabilità dei fascisti».

«Oggi l’Italia onora e rende omaggio alla memoria delle 335 vittime dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, terribile massacro perpetrato dalle truppe di occupazione naziste come rappresaglia dell’attacco partigiano di via Rasella. L’eccidio ardeatino è una delle ferite più profonde e dolorose inferte alla nostra comunità nazionale e ricordare cosa accadde in quel funesto 24 marzo di ottant’anni fa è un dovere di tutti», ha sottolineato Meloni. Parole che suscitano la reazione dell’associazione dei partigiani.

Leggi anche:  Schlein definisce Meloni sedicente patriota che spacca l'Italia e parla delle libertà negate

«Ancora una volta la presidente del consiglio omette e confonde. Non parla della responsabilità dei fascisti italiani a cominciare dal questore Caruso che fu condannato a morte per aver approntato la lista di 50 persone da sopprimere alle Ardeatine. Non dice che le vittime furono in grande maggioranza antifascisti ed ebrei. È la solita rilettura capziosa della storia che tende sempre a coprire le responsabilità dei fascisti e a negare il valore dell’antifascismo. Un’altra occasione perduta», le parole di Gianfranco Pagliarulo, presidente nazionale dell’Anpi. E se il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera Tommaso Foti ricorda i «335 italiani trucidati dalle truppe di occupazione naziste» di «orrori del nazifascismo» parla invece, nel suo omaggio alle vittime dell’eccidio, la segretaria del Pd Elly Schlein che stigmatizza anche chi «vorrebbe cancellarne la memoria», un riferimento a chi vorrebbe riscrivere la storia. Il forzista Giorgio Mulè, vicepresidente della Camera, ricorda «la grande infamia nazifascista» mentre Rifondazione Comunista chiede a «Giorgia Meloni, Ignazio La Russa e altri esponenti del partito erede del fascismo di chiedere perdono per i crimini commessi contro il popolo italiano».

Leggi anche:  Meloni, livore contro De Luca mentre ignora la strage fascista di Brescia: premier di Colle Oppio non degli italiani

A ricordare quel momento tragico della storia italiana sono state oggi tutte le maggiori istituzioni del Paese. Per il presidente del Senato Ignazio La Russa, che ricorda «l’uccisione da parte dei nazisti di 335 persone», «quanto avvenne il 24 marzo 1944 è un orrore di fronte al quale ci si può solo inchinare, confidando e lavorando affinché mai più possa ripetersi una simile atrocità».

Per il presidente della Camera Lorenzo Fontana si tratta di «una data simbolo della crudeltà dell’occupazione nazifascista, che deve rimanere scolpita nella memoria collettiva e in particolar modo in quella delle nuove generazioni, chiamate a costruire il futuro nella piena consapevolezza del passato».

Native

Articoli correlati