Conte e il no alla protesta del Pd sotto la Rai: "I partiti devono impegnarsi in Parlamento, non servono i sit-in"
Top

Conte e il no alla protesta del Pd sotto la Rai: "I partiti devono impegnarsi in Parlamento, non servono i sit-in"

Conte non aderisce alla protesta del Pd sotto la Rai: «Ai partiti non serve un sit-in, basta impegnarsi seriamente nelle commissioni parlamentari per una riforma».

Conte e il no alla protesta del Pd sotto la Rai: "I partiti devono impegnarsi in Parlamento, non servono i sit-in"
Il leader M5s Giuseppe Conte
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Gennaio 2024 - 16.55


ATF

Giuseppe Conte, leader del M5s, con un post sui social ha motivato la sua decisione di non aderire alla protesta del Pd sotto la sede della Rai.

«Ai partiti non serve un sit-in, basta impegnarsi seriamente nelle commissioni parlamentari per una riforma. Io stesso, a inizio legislatura, ho lanciato l’idea di lavorare, attraverso un ampio confronto in Stati generali, a una organica riforma della Rai, da attuare però nella prossima legislatura, indipendentemente da chi sarà il vincitore».

«Perché è, ad un tempo, furbo e illusorio imporre un cambiamento normativo al governo di turno, che delle norme attuali si sta avvantaggiando. In Commissione di vigilanza la presidente Floridia sta lavorando proprio a questo progetto, con Stati Generali da tenersi subito dopo le elezioni europee, al fine di promuovere un più ampio pluralismo e una maggiore qualità dell’informazione, rendendo la Rai sempre più digitalizzata e sostenibile, accrescendone la competitività rispetto alle ormai predominanti piattaforme digitali».

«Mettere da parte l’ipocrisia significa partecipare costruttivamente a questo progetto per pervenire a una riforma quanto più condivisa, che tenga la Rai al sicuro dall’influenza dei governi e delle maggioranze di turno. Combattiamo questa battaglia senza infingimenti. Lanciare allarmi democratici a giorni alterni e prendere di mira il singolo servizio giornalistico non può essere la soluzione. Perché serve solo ad alimentare la reazione di chi oggi può facilmente opporre che, per quanto siano poco commendevoli servizi adulatori dei politici oggi al potere, non sarà facile eguagliare il record dei servizi accortamente confezionati negli anni per soffiare il vento del consenso a favore del Pd».

Leggi anche:  Scontro tra dem e M5s, Sarracino (Pd): "Conte non ha la credibilità per accusarci, concentrati sulle nostre battaglie"
Native

Articoli correlati