Conte attacca Meloni sulla questione morale: "Prenda posizione su Delmastro, Santanché e Lollobrigida"
Top

Conte attacca Meloni sulla questione morale: "Prenda posizione su Delmastro, Santanché e Lollobrigida"

Conte a Meloni sui casi Delmastro, Santanché e Lollobrigida: «Prenda finalmente decisioni chiare su queste condotte. Spetta a lei il compito di salvaguardare l'onore e il prestigio delle istituzioni».

Conte attacca Meloni sulla questione morale: "Prenda posizione su Delmastro, Santanché e Lollobrigida"
Giuseppe Conte
Preroll

globalist Modifica articolo

11 Dicembre 2023 - 09.59


ATF

Giuseppe Conte, presidente del M5s, in un intervento su La Repubblica si è rivolto direttamente a Giorgia Meloni, ribadendo la richiesta di rimuovere Daniela Santanché, Andrea Delmastro e Francesco Lollobrigida dai propri incarichi.

«In un video Giorgia Meloni si è rivolta ai cittadini sostenendo di aver portato al Governo `l’Italia di quelli che si sono sempre rimboccati le maniche ma sono stati puntualmente scavalcati da furbi e privilegiati, in una società nella quale per andare avanti dovevi soprattutto far parte del giro giusto di amicizie. Credo che, con queste parole, abbia fotografato l’aspirazione autentica degli italiani ad avere una politica nuova che si spoglia degli odiosi privilegi e rinuncia a proteggere solo se stessa. Una politica che ha come priorità i bisogni dei cittadini e non la tutela degli interessi di potenti, di colleghi di partito, di amici o magari parenti appartenenti a un cerchio magico».

«Purtroppo, le scelte fin qui compiute vanno in direzione diametralmente opposta rispetto a quelle parole. Guardiamo alla vicenda del sottosegretario alla giustizia di Fratelli d’Italia, Andrea Delmastro. Il M5s ha chiesto le sue dimissioni ben prima che venisse rinviato a giudizio. Gli auguriamo l’assoluzione, ma la nostra richiesta esula dall’esito del procedimento penale. Punta a proteggere il prestigio e l’imparzialità dell’istituzione di governo agli occhi dei cittadini. Possono sentirsi tranquilli gli italiani se due esponenti di Fratelli d’Italia, che ricoprono ruoli così delicati, rispettivamente, al ministero della Giustizia e al Copasir, antepongono gli interessi di partito alla sicurezza del Paese? C’è poi la vicenda della ministra Daniela Santanchè e il suo operato in alcune società. La ministra ha preso in giro il Parlamento e i cittadini su molte circostanze che le sono state contestate e che riguardano anche questioni fondamentali come il trattamento dei lavoratori, che si incrocia in questo caso anche con l’uso di fondi statali per l’emergenza Covid».

Leggi anche:  Landini (Cgil) al governo: "Il vostro metodo di confronto è inadeguato, ora vogliamo delle vere trattative"

«Presidente Meloni, il suo primo incarico elettivo risale a 25 anni fa. E’ probabile che questa consolidata conoscenza del `mestiere´ l’abbia spinta a degradare le nostre richieste a iniziative scontate per chi si trova nel ruolo di oppositore al governo. Non è assolutamente questa la motivazione che ci ispira. Auguriamo ai membri del suo governo coinvolti in procedimenti penali di potersi difendere efficacemente in giudizio, con tutte le garanzie del giusto processo. Il compito del Presidente del Consiglio è pero quello di assicurare che gli esponenti di governo svolgano le proprie funzioni con `onore e disciplina´, come prescrive la nostra Costituzione».

«Prenda finalmente decisioni chiare su queste condotte. Spetta a lei il compito di salvaguardare l’onore e il prestigio delle istituzioni. Non abbracci la logica corporativa di difesa, assoluta e intransigente, dei membri di governo, dei suoi compagni di partito o dei suoi sodali di coalizione. La sua inerzia contribuirebbe a far perdere a tanti cittadini la speranza che qualcosa possa cambiare». 

Native

Articoli correlati