Mimmo Lucano è al settimo cielo: "Mi sento rinascere, a Riace l'accoglienza è ancora viva"
Top

Mimmo Lucano è al settimo cielo: "Mi sento rinascere, a Riace l'accoglienza è ancora viva"

Mimmo Lucano: "Mi sono sentito rinascere. Sistema clientelare? Che assurdità, proprio io, che non mi sono mai voluto candidare. Ma adesso la verità è stata ristabilita".

Mimmo Lucano è al settimo cielo: "Mi sento rinascere, a Riace l'accoglienza è ancora viva"
Mimmo Lucano
Preroll

globalist Modifica articolo

12 Ottobre 2023 - 10.51


ATF

Mimmo Lucano è felice, dopo l’assoluzione arrivata in appello dalle accuse di aver trasformato in un sistema clientelare il suo modello d’integrazione a Riace. Intervistato da La Repubblica, l’ex sindaco ha raccontato le sue prime sensazioni.

«In pochi secondi tutti i dispiaceri, l’amarezza, i momenti più duri, quelli in cui non credevo di farcela, tutto è stato cancellato. Mi sono sentito rinascere. Sistema clientelare? Che assurdità, proprio io, che non mi sono mai voluto candidare. Ma adesso la verità è stata ristabilita».

«È stata dura, è stata lunga, ci sono stati i domiciliari, le misure cautelari che mi hanno tenuto lontano da Riace, poi la sentenza di primo grado, il fango. Ma adesso è come se tutto fosse sparito, in questo momento non pesa più», aggiunge Lucano, ricordando che è stato difficile sopportare «il sospetto. Quelle ombre che sono state evocate su di me, l’idea che è stata instillata che avessi fatto tutto per un tornaconto personale. Riace era ed è un’idea di umanità, di rinascita per gli ultimi, per tutti. Adesso la verità è venuta a galla».

Leggi anche:  Mimmo Lucano day: eletto europarlamentare e anche sindaco di Riace

«La contestazione di associazione a delinquere è quanto di più lontano da quello che il villaggio globale, la comunità che qui avevamo costruito, rappresenta. Noi abbiamo sempre lottato per la fratellanza, perché tutti avessero un’opportunità, questa è l’antitesi alle associazioni criminali, che qui significano mafia. E noi l’abbiamo sempre combattuta. I miei primi passi in politica sono stati proprio contro la mafia». E alla domanda se pensa di candidarsi nuovamente, una volta caduta l’interdizione ai pubblici uffici, risponde: «È presto, la sentenza è appena arrivata, solo adesso inizio a realizzare, ma ci sto pensando. Sicuramente adesso si apre una fase nuova, di rinascita e di speranza».

«Fin dall’inizio della sua storia – prosegue – Riace è stata un’avanguardia in termini di difesa dei diritti umani, anzi dell’umanità. Abbiamo mostrato concretamente che accoglienza non è un problema di ordine pubblico o motivo di allarme sociale, ma occasione per il territorio che la sperimenta, crescita, rinascita per tutti, per chi c’era e per chi viene accolto». 

Leggi anche:  Mimmo Lucano day: eletto europarlamentare e anche sindaco di Riace

«In questo momento storico così buio, con i decreti Cutro e Piantedosi che criminalizzano i migranti e chi prova a essere solidale, che i giudici cancellino una sentenza che provava a smentirlo trasforma Riace nuovamente in un’avanguardia – aggiunge -. Della speranza di un’altra Riace possibile, di un’altra Italia possibile, di un altro mondo possibile. Noi abbiamo sempre lottato per questo».

«Paradossalmente la sentenza di primo grado ha scatenato un’ondata incredibile di solidarietà – ricorda ancora Lucano -. Associazioni come `A buon diritto´ hanno promosso persino una raccolta fondi per aiutarmi a pagare la sanzione pecuniaria che mi era stata inflitta. Ma quando il presidente Luigi Manconi mi ha chiamato, gli ho chiesto di usare quei fondi per altro. Qui a Riace vivono ancora tante famiglie di rifugiati, quei fondi sono stati utilizzati per dei progetti di lavoro che adesso impiegano tantissime persone anche in strutture come il frantoio, che inizialmente era stato letto come parte di un progetto criminale ed è speranza per chi è arrivato senza più avere nulla».

Leggi anche:  Mimmo Lucano day: eletto europarlamentare e anche sindaco di Riace

L’accoglienza a Riace non è morta, «assolutamente no e questo si deve anche a tutte le persone che in questi anni non hanno mai fatto mancare il proprio sostegno né a me, né a Riace. Il mio primo pensiero oggi è stato per loro, per i miei legali, l’avvocato Mazzone soprattutto, il primo a credere in me e che adesso non c’è più», conclude Mimmo Lucano, che rivolgendosi al leader della Lega Matteo Salvini, che in passato l’aveva definito uno zero, dice: «So che è uno che guarda il calcio. E a lui che ha usato la mia condanna per criminalizzare l’accoglienza direi che i risultati si commentano a fine partita».

Native

Articoli correlati