Migranti, trovato l'accordo tra i Paesi membri Ue: "E' una buona notizia, ci sono stati compromessi"
Top

Migranti, trovato l'accordo tra i Paesi membri Ue: "E' una buona notizia, ci sono stati compromessi"

Migranti, Sanchez: «Credo che sia un accordo su cui alla fine abbiamo dovuto tutti scendere a compromessi, ma credo che sia un accordo che getta le basi per poter finalmente lavorare insieme». 

Migranti, trovato l'accordo tra i Paesi membri Ue: "E' una buona notizia, ci sono stati compromessi"
Migranti alla frontiera con la Francia
Preroll

globalist Modifica articolo

5 Ottobre 2023 - 11.36


ATF

L’accordo sui migranti trovato dai 27 Paesi membri della Ue, secondo l’Alto Rappresentante Ue per la Politica Estera Josep Borrell «è una buona notizia. Questo è un momento decisivo affinché l’Ue adotti accordi operativi che facciano fronte a flussi via via maggiori, che pesano sul continente e su alcuni Paesi in particolare. Quanto agli interessi nazionali, questo non è il momento né il luogo per parlarne». 

Anche il premier spagnolo Pedro Sanchez si è detto soddisfatto. «Credo che sia un accordo su cui alla fine abbiamo dovuto tutti scendere a compromessi, ma credo che sia un accordo che getta le basi per poter finalmente lavorare insieme al Parlamento europeo per arrivare al Patto sulla migrazione e l’asilo. La Spagna è un Paese che ha molto interesse ad avere il Patto di migrazione e asilo perché stiamo parlando di due cose fondamentali: la solidarietà e la responsabilità». 

«Responsabilità significa controllare le frontiere, controllare e lottare contro l’immigrazione irregolare e promuovere quella regolare. Ma in secondo luogo c’è la solidarietà. Non è possibile che le zone di confine del nostro Paese, come il Sud della Spagna o le isole Canarie o Baleari, debbano affrontare il fenomeno dell’immigrazione irregolare senza la solidarietà degli altri Paesi europei. Penso che abbiamo raggiunto un punto di equilibrio che è nell’interesse della Spagna».

Leggi anche:  La Cassazione stabilisce che consegnare i migranti alla Guardia Costiera libica è reato
Native

Articoli correlati