Pd, i riformisti scrivono a Schlein: "Non scelga l'Aventino, è un regalo alla destra"
Top

Pd, i riformisti scrivono a Schlein: "Non scelga l'Aventino, è un regalo alla destra"

Elly Schlein potrebbe scegliere la via dell'Aventino sul tema delle riforme istituzionali, una scelta contestata dall'ala riformista del Pd: "Finirebbe per trasferire gratuitamente alla destra un patrimonio di riformismo istituzionale"

Pd, i riformisti scrivono a Schlein: "Non scelga l'Aventino, è un regalo alla destra"
Elly Schlein
Preroll

globalist Modifica articolo

18 Maggio 2023 - 09.50


ATF

L’ala riformista del Pd scrive a Elly Schlein. In una lettera aperta a La Repubblica, Stefano Ceccanti, Enrico Morando e Giorgio Tonini contestano la linea aventiniana della neo segretaria dem. 

«La Segretaria Schlein ha pieno diritto di tentare di realizzare la piattaforma politico-culturale e programmatica con cui ha vinto il Congresso del Pd. Noi, che abbiamo limpidamente avversato quella piattaforma, mettendo in evidenza il rischio di un regresso verso un antagonismo identitario incoerente con la natura stessa del Pd come partito a vocazione maggioritaria, abbiamo non solo il diritto, ma anche il dovere di far vivere (e di far percepire all’esterno del partito) una visione, una cultura politica e una proposta programmatica distinta e, per molti aspetti, alternativa a quella di Schlein». 

«Abbiamo questo diritto, perché la nostra cultura politica (espressione, al pari di quella di cui Schlein è portatrice, di quelle `grandi tradizioni che, consapevoli della loro inadeguatezza, da sole, a costituire un nuovo quadro politico di riferimento per la società italiana´, confluiscono nel Pd), è essenziale per comporre quella ideologia democratica che nel nostro tempo sta sprigionando – da Hong Kong all’Iran, dalla Cina all’Ucraina – la sua straordinaria forza emancipatrice», scrivono. 

Leggi anche:  Europee, il Pd esulta: "Risultato molto positivo, ora abbiamo la responsabilità di costruire l'alternativa"

«Rendere visibile ed efficace la presenza riformista nel Pd è soprattutto un dovere. Innanzitutto perché questa presenza è in grado di migliorare le performance del partito nella gestione dell’agenda politica, condizionando la Segretaria e la sua maggioranza sulle scelte fondamentali, grazie a concrete proposte di iniziativa politica» 

«Quando invece Schlein sembra tentata – in tema di riforme istituzionali – dal rifugiarsi nell’Aventino, con il fallace argomento che non si tratterebbe di questione prioritaria nell’agenda del Paese, tocca a noi riformisti un’aperta contestazione di una scelta che – contraddicendo una delle architravi della piattaforma del Pd e, prima ancora, dell’Ulivo del 1996 – finirebbe per trasferire gratuitamente alla destra un patrimonio di riformismo istituzionale costitutivo dell’identità stessa del Partito Democratico», aggiungono. 

«Il timore di non riuscire a modificare l’orientamento di Schlein non può tuttavia indurci al silenzio rassegnato della fase post-congressuale: c’è una larga parte dell’elettorato di centrosinistra che ha bisogno di un riferimento solido, e oggi non lo trova. I riformisti del Pd, con una visibile battaglia delle idee all’interno del partito, possono fornirglielo. È molto probabile che non si tratterà di una battaglia breve, accompagnata da risultati immediati. Anche per questo, è indispensabile che cominci subito, prima dell’estate, promuovendo un’occasione di confronto, aperto anche all’esterno del partito, per discutere, aggiornare e rilanciare un’ambiziosa agenda riformista».

Native

Articoli correlati