Crosetto ha voglia di scherzare: "Meloni può essere il perno per la stabilità in Medio Oriente"
Top

Crosetto ha voglia di scherzare: "Meloni può essere il perno per la stabilità in Medio Oriente"

Il ministro della Difesa Guido Crosetto ha detto che Giorgia Meloni può avere un ruolo per la stabilità del Medio Oriente

Crosetto ha voglia di scherzare: "Meloni può essere il perno per la stabilità in Medio Oriente"
Guido Crosetto e Giorgia Meloni
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Aprile 2023 - 18.27


ATF

Sarò piaggeria, sarà la voglia di scherzare, ma come si fa a dire che Giorgia Meloni può essere una mediatrice di pace in Medio Oriente?

«Meloni può essere il perno del dialogo per cercare stabilità in Medio Oriente» e «Un’escalation avrebbe ripercussioni anche su di noi porterebbe centinaia di migliaia di profughi sulla rotta balcanica o mediterranea». Lo ha detto il ministro della Difesa Guido Crosetto.

L’allerta è molto alta”, ammette il ministro della Difesa Guido Crosetto, appena rientrato da una missione in Libano dove ha fatto visita al contingente italiano e incontrato il governo libanese.

«Durante il mio viaggio – racconta – ho vissuto in diretta il blocco, di terra ed aria, ordinato dall’Onu, e i nostri militari costretti a chiudersi nei bunker, mentre da Israele partivano razzi sugli appostamenti palestinesi che si trovano in territorio libanese, in risposta agli attacchi ricevuti. È qualcosa che non accadeva, in questa misura, da molti anni». 

La preoccupazione, dunque, «è doppia», sottolinea Crosetto, «intanto per l’incolumità dei nostri militari, di cui ogni giorno sento in modo pressante la responsabilità, ma anche perché ogni ferita che si apre nel mondo, in questo momento, è più difficile da rimarginare. E dobbiamo capire che queste ferite provocano effetti negativi anche sull’Italia».

Leggi anche:  Europee, Giorgia Meloni: "L'Europa ha limitato la libertà degli Stati nazionali, è ora di tornare indietro"

Cosa può fare il governo? «Giorgia Meloni, – risponde Crosetto a La Stampa – con la sua leadership, può e deve essere un perno per il dialogo in Israele, così come in Libano e in Egitto. L’Italia può contribuire alla stabilizzazione di quell’area, perché gode di «rispetto e attenzione», come mi ha assicurato il governo libanese. E lo stesso ho percepito in Arabia Saudita, negli Emirati Arabi, in Egitto. Meloni ha la possibilità di accollarsi questa sfida che è fondamentale, anche in chiave europea».

«In Israele c’è una conflittualità esterna che è cresciuta molto nell’ultimo periodo, a cui si è affiancato uno scontro politico interno molto violento. Sono chiaramente tutti elementi di instabilità che ci preoccupano», prosegue Crosetto.

E su Israele Crosetto intervistato da La Stampa aggiunge: Non mi intrometto nelle scelte politiche di un altro Paese. Quello che posso dire è che spero diminuisca al più presto la tensione politica. Abbiamo bisogno che Israele, la cui legittimità ad esistere come Stato è piena ed incontrovertibile, possa affrontare il tema dei rapporti con i palestinesi nel modo più sereno possibile. Se ha due fronti aperti, interno ed esterno, il problema è maggiore e le difficoltà aumentano”.

Leggi anche:  Prodi su Meloni al convegno dell'estrema destra internazionale: "È tornata al suo gregge"

Alla domanda «crede che la Russia, giocando di sponda con l’Iran, stia soffiando sul fuoco per aprire un altro fronte alle porte dell’Europa?, Crosetto risponde sulle pagine de La Stampa:«L’instabilità genera instabilità. Chi ha interesse a creare il caos, in questo momento, ha interesse che questo caos si crei in Siria, Libano, Egitto, Tunisia, Libia. Stavolta non vedo però lo zampino della Russia. Credo piuttosto sia in atto un rimescolamento degli equilibri in Medio Oriente e che sia difficile avere una sola chiave di lettura. È anche vero che il mondo di oggi è in ogni sua parte collegato. La crisi del grano ucraino, ad esempio, è diventata uno dei grandi fattori di instabilità in un Libano messo in ginocchio da crisi economica ed inflazione».

Native

Articoli correlati