Governo, quel genio di Salvini vuole vietare anche i monopattini veloci: "Ecco il nostro nuovo codice della strada"
Top

Governo, quel genio di Salvini vuole vietare anche i monopattini veloci: "Ecco il nostro nuovo codice della strada"

«Stiamo lavorando perché alcuni mezzi a due ruote come i monopattini, che troppo spesso sfrecciano senza regole, limiti e controlli ovunque, raggiungendo anche velocità elevate e pericolose, non possano più essere venduti e acquistati».

Governo, quel genio di Salvini vuole vietare anche i monopattini veloci: "Ecco il nostro nuovo codice della strada"
Italian Minister for Infrastructure and Deputy Prime Minister Matteo Salvini during a question time at the Senate, Rome 1 December 2022. ANSA/FABIO FRUSTACI
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Gennaio 2023 - 10.47


ATF

Il governo Meloni va avanti a colpi di slogan e di divieti e Matteo Salvini è tra i degni portabandiera dell’esecutivo di destra. In un post su Facebook, il leader della Lega ha annunciato che sta lavorando a un nuovo codice della strada e che tra gli obiettivi c’è quello di chiudere la vendita dei monopattini elettrici a velocità sostenuta.

«Troppi incidenti sulle strade italiane, troppi morti e troppi feriti, soprattutto fra i più giovani. Per portare più sicurezza sulle strade stiamo lavorando ad un nuovo Codice della strada, puntando su educazione, prevenzione e sanzione. Stiamo anche lavorando perché alcuni mezzi a due ruote come i monopattini, che troppo spesso sfrecciano senza regole, limiti e controlli ovunque, raggiungendo anche velocità elevate e pericolose, non possano più essere venduti e acquistati».

«Il limite di 20 chilometri orari a cui viaggiano i monopattini a noleggio, dovrà essere il massimo di velocità oltre il quale non si possano più vendere o acquistare. Insieme ad un controllo sulla velocità, sono in corso approfondimenti sui temi del casco, dell’immatricolazione e della targa. La sicurezza viene prima del business».

Leggi anche:  Il governo Meloni dichiara guerra ai diritti: la destra ricorre al Tar contro la Regione Emilia Romagna per il fine vita
Native

Articoli correlati