Top

Aborto, +Europa attacca Fratelli d'Italia: "Programmano l'assalto ai diritti, altro che applicare la 194"

L'accusa di Riccardo Magi, candidato al collegio uninominale Torino 1 per la coalizione di centrosinistra, e Silvja Manzi, candidata nei collegi plurinominali di Piemonte 1 per la lista +Europa con Emma Bonino

Aborto, +Europa attacca Fratelli d'Italia: "Programmano l'assalto ai diritti, altro che applicare la 194"
Riccardo Magi

globalist Modifica articolo

19 Settembre 2022 - 17.32


Preroll

A parole Giorgia Meloni dice di non voler toccare la legge 194. Ma come sappiamo le leggi possono essere anche disapplicate o si può rendere impossibile l’esercizio di un diritto. Il caso delle Marche guidate da Fratelli d’Italia insegna.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Altro che garanzia del rispetto della 194, l’assalto ai diritti è già programmato per il giorno dopo le elezioni”.

Middle placement Mobile

 Così in una nota Riccardo Magi, candidato al collegio uninominale Torino 1 per la coalizione di centrosinistra, e Silvja Manzi, candidata nei collegi plurinominali di Piemonte 1 per la lista +Europa con Emma Bonino

Dynamic 1

«Fratelli d’Italia getta la maschera prima di raggiungere il traguardo. Il convegno organizzato con le associazioni `provita´ dall’ineffabile assessore Maurizio Marrone, dà l’esatta misura di cosa potrà aspettarci in caso di vittoria del centrodestra. Nessuna considerazione per la libertà di scelta, in questo caso delle donne. Cosa ne pensa la collega di Giunta e di partito Chiorino?».

 Ma alle provocazioni di Marrone rispondiamo con i fatti, da decenni, da quando – proseguono Magi e Manzi – nel 1975 Emma Bonino, ricercata per procurato aborto, si consegnò ai carabinieri a Bra, all’uscita del seggio elettorale. E non va dimenticato Silvio Viale, anche lui candidato con la lista +Europa con Emma Bonino, che nel settembre 2005 faceva partire la sperimentazione della RU486 all’ospedale Sant’Anna di Torino. Oggi (dato 2020 del Ministero Salute) il 35% delle Ivg vengono effettuate col metodo farmacologico. Occorre andare avanti sulla strada dei diritti, non tornare indietro, senza cedere agli imperativi morali di chi vuol farci vivere come crede, garantendo invece libertà di scelta per chiunque, anche per chi non la pensa come noi. L’improvvida sortita di Marrone, che, ricordiamolo, da amico dei separatisti filorussi del Donbass se ne era fatto addirittura portavoce proprio in questa regione, ci svela la vera faccia di Fratelli d’Italia, nonostante i tentativi di mascheramento di Giorgia Meloni. Anche per questo – concludono i due candidati – occorre votare la lista `+Europa con Emma Bonino´ domenica 25 settembre”.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile