Top

Calenda si dimette dal Consiglio comunale romano: "Si lavora in modo assurdo. E' impossibile"

Ha poi annunciato il suo erede: "Non riesco a fare un lavoro serio perché non è compatibile con il fare anche l’eurodeputato. Francesco Carpano mi succederà".

Calenda si dimette dal Consiglio comunale romano: "Si lavora in modo assurdo. E' impossibile"
Carlo Calenda

globalist

21 Dicembre 2021 - 11.18


Preroll

Annunciate le dimissioni da consigliere comunale di Roma di Carlo Calenda che fa l’ennesimo passo indietro: “Avevo detto che se non fossi stato eletto sindaco me ne sarei andato dal consiglio comunale, per lasciare spazio a questo ragazzo molto in gamba che ha coordinato tutto il programma – ha detto il leader di Azione a Radio Capital -. Poi c’è stata un’alzata di scudi ed io ho provato un po’ a stare in consiglio comunale però non riesco a fare un lavoro serio perché non è compatibile con il fare anche l’eurodeputato. Quindi lascerò il posto a Francesco Carpano, un ragazzo che non vede l’ora di fare questo dalla mattina alla sera e mi sembra più serio”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Calenda dovrebbe formalizzare le dimissioni nelle prossime ore. “Mi dimetterò? Sì – ha ribadito – c’ho provato ma è tutto organizzato in modo assurdo. Ti avvertono delle riunioni con pochissimo anticipo. È un lavoro che, per farlo, devi dedicargli il 100% del tuo tempo”.

Middle placement Mobile

Nell’intervista Calenda ha rivelato di essere rimasto stupito dal modo di lavorare in consiglio comunale. “Io con tutta franchezza ci sono andato” in aula Giulio Cesare – ha detto -. Ho commentato le linee guida di Gualtieri, ho partecipato alle prime votazioni però non avevo mai sperimentato nella mia vita una cosa simile: la prima volta che sono andato sono arrivato all’orario stabilito ed eravamo in quattro. Premesso che lavorare così è sbagliato in assoluto ma sicuramente non lo può fare chi è un segretario di partito e un europarlamentare”.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage