Mentre la destra retrograda parla di eterosessuali discriminati tanti sostengono la panchina arcobaleno
Top

Mentre la destra retrograda parla di eterosessuali discriminati tanti sostengono la panchina arcobaleno

Le adesioni all’iniziativa del deputato di Forza Italia, Elio Vito: da Boldrini a Fornaro a Zan. “Volontà di proseguire la lotta ad ogni forma di odio, discriminazione fondata sul sesso, sul genere, sull'orientamento sessuale, sull'identità di genere”.

Mentre la destra retrograda parla di eterosessuali discriminati tanti sostengono la panchina arcobaleno
Panchina arcobaleno
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Novembre 2021 - 17.54


ATF

Lui, il deputato di Forza Italia ex radicale e da tempo in posizioni di dissenso dal partito sui diritti civili e non solo, aveva lanciato la proposta della panchina arcobaleno.

E nel silenzio della destra si sono levate le voci dei soliti sovranisti – in particolare quelli di Fratelli d’Italia – che avevano in maniera greve proposto come ‘par condicio’ di fare qualcosa anche in favore degli eterosessuali discriminati.

Eterosessuali discriminali? E dove e quando? A meno che da quelle parti discriminazione voglia dire che non è più consentito allungare impunemente le mani o importunare il prossimo per strada con epiteti sessuali.
Ma mentre la destra si mostra ancora una volta per quel che è, ossia oscurantista e retrograda altri vanno in altra direzione.

“Sono già diverse decine i deputati di vari gruppi parlamentari che hanno aderito alla proposta del deputato di Forza Italia, Elio Vito, di installare una panchina arcobaleno a Montecitorio, “in segno di solidarietà e rispetto nei confronti della comunità Lgbt+” e per testimoniare “la volontà di proseguire la lotta ad ogni forma di odio, violenza e discriminazione fondata sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere”.

Leggi anche:  Pride Village Virgo: Padova ospita la XVIl edizione del più grande Festival LGBTQIA+ italiano

Lo ha annunciato sui social Elio Vito, deputato azzurro e promotore dell’iniziativa. Tra le prime adesioni, assicura Vito, quella della ex presidente della Camera, Laura Boldrini, del presidente del Gruppo parlamentare di LeU, Federico Fornaro, dei presidenti della IV Commissione Difesa, Gianluca Rizzo (M5S) e della VIII Commissione Lavori Pubblici, Alessia Rotta (Pd), del Vicepresidente per la componente Azione, +Europa, Radicali italiani del gruppo Misto, Riccardo Magi, della vicepresidente del Copasir, Federica Dieni (M5S), del vicepresidente della Commissione Infanzia, Paolo Siani (PD), del segretario di Presidenza, Luca Pastorino (LeU).

Ora i numerosi parlamentari del Pd che hanno per ora aderito”, ha sottolineato l’ex ministro, “ci sono tre componenti la segreteria nazionale, Enrico Borghi, Chiara Gribaudo e Lia Quartapelle, oltre ad altri come Stefania Pezzopane, Alessia Morani, Emanuele Fiano, Filippo Sensi, Enza Bruno Bossio, Alessandro Zan”.

Native

Articoli correlati