Top

Il 25 aprile di Bersani: "I partigiani non sono morti per niente"

L'esponente di Leu ricorda sette combattenti fucilati dai fascisti nel marzo del 1945

<picture> Pierluigi Bersani </picture>
Pierluigi Bersani

globalist

25 Aprile 2021


Preroll

Una data che deve essere fissata nella memoria per ricordare bene quale sia stato l’orrore fascista, da cui fortunatamente ci siamo liberati (a parte qualche nostalgico di oggi).

OutStream Desktop
Top right Mobile

Pierluigi Bersani ricorda su Facebook un episodio che dà un grande valore alla Liberazione.

Middle placement Mobile

“Un mese prima del 25aprile del ’45 sette partigiani, quasi tutti sui vent’anni, vengono portati dal carcere di Monza a Pessano per essere fucilati. Il cappellano di Monza, che li confortò, ci ha lasciato un ricordo. Avviandosi al patibolo, uno di quei giovani è preso da una disperata crisi di pianto. Il suo compagno, altrettanto giovane, gli dice “Ma che cosa piangi? Non moriamo mica per niente, moriamo per qualcosa”. Decidere se quel giovane sia morto per niente o per qualcosa tocca anche a noi. Il senso del 25 aprile è tutto qui. Strade di liberazione”.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage