I nazisti dell'Illinois a Roma sognano l'impero e copiano la Lega
Top

I nazisti dell'Illinois a Roma sognano l'impero e copiano la Lega

Come non provare tenerezza per il manipolo di fasci in camicia bruna che hanno proclamato a Roma la nascita del III impero romano. Con ampolla di acqua zozza del Tevere.

L'ampolla dei nazisti dell'Illinois
L'ampolla dei nazisti dell'Illinois
Preroll

globalist Modifica articolo

1 Novembre 2016 - 11.47


ATF

Sono comunque meravigliosi. Somigliano come gocce d’acqua ai nazisti dell’Illinois magistralmente narrati dai Blues Brothers. Eccoli alle prese con l’impero romano in camicia bruna. Lo scorso 29 ottobre, quella che il sito destra.it definisce “una comitiva di mattacchioni, capitanata dalla vedova di un noto mitomane, certo Saya noto come massone e pseudo spia”, ha occupato in forze il lungotevere per una cerimonia che non passerà alla storia e neanche alla cronaca, ma che resterà fugacemente incisa nella fenomenologia delle bizzarrie a cavallo tra complottismo e fregnacce.


La signora Maria Antonietta Cannizzaro, presidente nazionale del Msi-Dn, nota per essere stata al fianco del chiacchierato Gaetano Saya finito più volte nella rete della cronaca per iniziative in apparenza strambe, in salsa fascista-massonica, si è presentata con otto camerati imperiali a Castel Sant’Angelo dove con una certa eleganza e sobrietà ha dato vita al III impero di Roma. 
La duchessa ha raccolto l’acqua inquinata del Tevere, del biondo fiume, e impugnando l’ampolla sacra ha ufficiato il rito che ai posteri sembrerà una pallida scopiazzatura del rito leghista inventato da Bossi, quando almeno andava a raccogliere l’acqua del Dio Po alle sorgenti. Pulita e fresca. I nazisti dell’Illinois potevano provare ad arrivare sul Monte Fumaiolo, almeno per avere un’ampolla di acqua sacra meno opaca.

Leggi anche:  I fascisti di CasaPound aggrediscono un giornalista de La Stampa

Native

Articoli correlati