Sparatoria a Palermo, un morto e un ferito: fermati padre e figlio, sullo sfondo le scommesse clandestine
Top

Sparatoria a Palermo, un morto e un ferito: fermati padre e figlio, sullo sfondo le scommesse clandestine

Sparatoria a Palermo, lo scontro sarebbe nato da una lite probabilmente legata alla spartizione dei proventi delle scommesse clandestine che poi sarebbe degenerata in una resa dei conti a colpi di pistola.

Sparatoria a Palermo, un morto e un ferito: fermati padre e figlio, sullo sfondo le scommesse clandestine
Il luogo della sparatoria a Palermo
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Febbraio 2024 - 09.40


ATF

Per la sparatoria avvenuta a Palermo, durante la quale è morto il 37enne Giancarlo Romano, le forze dell’ordine hanno fermato padre e figlio. Nella sparatoria è rimasto gravemente ferito anche Alessio Salvatore, che si trova all’ospedale Buccheri La Ferla ed è stato sottoposto ad un intervento chirurgico all’addome. 

I due fermati vivono a pochi passi dal luogo dell’omicidio, in via XXVII Maggio, poco distante da corso dei Mille. Nel corso delle perquisizioni uno dei due sarebbe stato trovato in casa con una ferita da arma da fuoco alla gamba. 

Ci sarebbe stata una lite probabilmente legata alla spartizione dei proventi delle scommesse clandestine che poi sarebbe degenerata in una resa dei conti a colpi di pistola. In via XXVII Maggio nel corso dei rilievi scientifici sarebbero stati rinvenuti bossoli di due calibri diversi, questo lascerebbe presupporre che siano state usate due armi da fuoco. a sparare siano state due. Non è dunque chiaro chi abbia sparato e se ci siano altre persone coinvolte. 

Leggi anche:  Giovane operaio ucciso a colpi di pistola: il 24enne era incensurato e non aveva contatti con la criminalità organizzata
Native

Articoli correlati