Stupro di gruppo su una ragazzina di 13 anni: sei arresti, un settimo in fuga
Top

Stupro di gruppo su una ragazzina di 13 anni: sei arresti, un settimo in fuga

Una giovane di 13 anni è stata violentata a Catania da sette persone, nei giardini comunali della Villa Bellini.

Stupro di gruppo su una ragazzina di 13 anni: sei arresti, un settimo in fuga
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Febbraio 2024 - 16.07


ATF

Una giovane di 13 anni è stata violentata a Catania da sette persone, nei giardini comunali della Villa Bellini.

Le Procure distrettuale e dei minori hanno disposto il fermo di sei sospettati, eseguito dai carabinieri, mentre il settimo è irreperibile. Tre di loro minorenni, compreso il ragazzo in fuga. La ragazza sarebbe stata stuprata da due degli indagati sotto gli occhi degli altri cinque. Era con il fidanzato che è stato minacciato, bloccato e tenuto lontano dal gruppo. Gli abusi sarebbero avvenuti nei bagni pubblici della villa.

Contestata la violenza di gruppo aggravata

 Agli indagati le due Procure contestano la violenza di gruppo aggravata contro la ragazzina. Il branco avrebbe minacciando lei e il fidanzato, 17 anni, abusando poi della 13enne. Sono stati i due ragazzi a denunciare la violenza facendo avviare le indagini dai carabinieri. All’identificazione dei sei fermati si è arrivati grazia alla testimonianza della vittima e del fidanzato e agli accertamenti successivi.

Un legale rimette il mandato di difesa di un minore

Leggi anche:  Due uomini di 41 e 44 anni arrestati per violenza sessuale di gruppo su una turista in un B&B

 Ha rimesso il mandato uno dei legali delle sette persone fermate. L’avvocato Giovanni Avila ha ritenuto di non accettare l’incarico, che gli era stato affidato d’ufficio, di difensore di un minorenne tra i fermati. Il penalista ha già notificato la sua decisione ritenendo di “non poterla accettare, non sussistendo i profili per assumere l’incarico”. 

Un indagato avrebbe collaborato

 Uno degli indagati nell’inchiesta avrebbe collaborato e fornito riscontri ai carabinieri e alle due Procure che indagano. Si tratta di un egiziano che avrebbe dato indicazioni per identificare gli altri suoi connazionali, poi fermati. 

Native

Articoli correlati