Violenza sessuale a bordo di un treno: "Un passeggero ha visto ma è andato via"
Top

Violenza sessuale a bordo di un treno: "Un passeggero ha visto ma è andato via"

Una ragazza di 21 anni, di origini toscane, ha denunciato uno stupro a bordo di un treno regionale a Milano: "La cosa terribile è che c’era un altro passeggero che, intuita la situazione, ci ha lasciati soli". 

Violenza sessuale a bordo di un treno: "Un passeggero ha visto ma è andato via"
Stupro
Preroll

globalist Modifica articolo

6 Aprile 2023 - 10.06


ATF

Un’altra storia di violenza sessuale contro una donna, questa volta a bordo di un treno regionale che viaggiava nei pressi di Milano. “Mi ha afferrata e tirata verso di sé facendomi stendere con la forza sui sedili, in un secondo mi ha immobilizzata, stretta tra il finestrino e un sedile”, racconta la ragazza vittima della violenza. “Per lo shock ho perso conoscenza”.

A parlare, sconvolta, mentre è al pronto soccorso dell’ospedale di Treviglio accompagnata dagli agenti della Polfer, è una ragazza di 21 anni, di origini toscane. L’aggressore , riporta il Corriere della Sera, ha agganciato la sua vittima nel sottopasso della stazione di Porta Garibaldi. 

“Stavo cercando delle informazioni – ha raccontato la giovane -. Dovevo raggiungere il mio fidanzato a Bergamo per recuperare una borsa che avevo dimenticato a casa sua. Mi si è avvicinato un uomo, sui 40 anni, dalla carnagione scura, all’apparenza sudamericano, invitandomi a prendere il passante”.

“Una volta a bordo ho cercato altre persone per accertarmi di non aver sbagliato treno, finché, in un vagone, me lo sono ritrovato davanti. La cosa terribile è che c’era un altro passeggero che, intuita la situazione, ci ha lasciati soli”. 

Leggi anche:  Adescava ragazzine online per fare sexting, fino a minacciarle di diffondere i video: arrestato un egiziano 23enne

A quel punto, tutto è successo molto in fretta senza che lei potesse reagire. La ragazza è stata immobilizzata, stretta tra il finestrino e i sedili, subendo la violenza per dieci interminabili minuti, quelli che intercorrono tra le fermate di Porta Garibaldi e Porta Vittoria.

“Ero nel panico assoluto, non riuscivo a reagire e ho perso i sensi. Poi, quando ho ripreso conoscenza, ho urlato più forte che potevo e gli ho sferrato un colpo sotto il mento. Sono scappata finché ho trovato il controllore e con lui siamo corsi fino in cima al treno dove c’era la polizia. Mi ha salvato l’istinto di sopravvivenza”. Le porte del treno sono state immediatamente chiuse. Ma l’aggressore era riuscito a dileguarsi tra le fermate di Porta Vittoria e Forlanini.

Native

Articoli correlati