Strage di Cutro, il racconto del primo soccorritore: "Il mare era pieno di morti"
Top

Strage di Cutro, il racconto del primo soccorritore: "Il mare era pieno di morti"

«Il mare era pieno di morti» racconta Francesco Greco, autista di ambulanze del Suem 118 di Crotone. Il soccorritore è stato il primo ad arrivare sul posto e a portare a riva i primi corpi.

Strage di Cutro, il racconto del primo soccorritore: "Il mare era pieno di morti"
Il naufragio sulla costa di Cutro.
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Febbraio 2023 - 12.10


ATF

A Cutro sono morte decine di persone, al momento la conta delle vittime è ferma a 62 ma i tanti dispersi potrebbero far lievitare il numero. Una strage che poteva essere evitata. Tra i primi ad essere accorsi sul luogo della tragedia Francesco Greco, un autista di ambulanze del Suem 118 di Crotone.

Alle ore 4.50, appena ricevuta la segnalazione dalle forze di polizia, è stato il primo ad arrivare insieme ai suoi colleghi a Steccato di Cutro dove era naufragato un barcone carico di migranti, uomini, donne, bambini. «Il mare era pieno di morti» racconta Francesco che non ci ha pensato un attimo a gettarsi tra le onde alte del mare in tempesta. Ne è uscito con in braccio una bimba di pochi anni, ormai priva di vita.

L’acqua era impregnata di kerosene, sversato dai serbatoi e dal motore del barcone ormai distrutto. Francesco Greco lo ha ingerito ed inalato ed è rimasto intossicato dal carburante, così come molti dei superstiti del disastro che più tardi hanno dovuto fare ricorso alle cure dei medici del pronto soccorso. Ha adagiato quel piccolo corpo sulla battigia ed è scoppiato a piangere.

Leggi anche:  Migranti ambientali crescono: i numeri di una tragedia di cui si parla poco
Native

Articoli correlati