Vigevano, la giunta leghista non paga la mensa ai bambini ucraini scappati dalla guerra
Top

Vigevano, la giunta leghista non paga la mensa ai bambini ucraini scappati dalla guerra

A Vigevano, in provincia di Pavia, la giunta a guida leghista ha confermato che non intende concedere deroghe al regolamento sulla mensa ai bambini profughi ucraini.

Vigevano, la giunta leghista non paga la mensa ai bambini ucraini scappati dalla guerra
Mensa
Preroll

globalist Modifica articolo

31 Marzo 2022 - 15.21


ATF

Solidarietà un tanto al chilo: questa la linea della Lega, che non si smentisce mai, nemmeno quando si tratta di accoglienza ai ‘profughi veri’. Perché saranno veri e vera sarà la guerra in Ucraina, ma sempre profughi sono. E prima gli italiani, sempre e comunque. Anche se a rimetterci sono i bambini. 

A Vigevano, in provincia di Pavia, la giunta a guida leghista ha confermato che non intende concedere deroghe al regolamento sulla mensa ai bambini profughi ucraini. Tradotto, significa che il buono pasto sarà da pagare, sempre a tariffa massima, e non verrà offerto dal comune.

Non esistono indicazioni a livello nazionale, ogni comune deve decidere da sé come risolvere la questione. Molti comuni hanno pensato che la solidarietà ai bambini non ha prezzo e hanno deciso di pagare la mensa per chi è scappato dalle bombe. Vigevano no. E la decisione ha scatenato le opposizioni. 

Il Polo Laico parla di “solidarietà svenduta per un pugno di voti”. Dal Pd, Arianna Spissu parla di “etichette e distinguo tra chi ha diritti e chi no, tra chi ci piace e chi non ha questo privilegio”. Emanuele Corsico Piccolini ha fatto due conti: “Si tratta di 8 bambini, non più di qualche centinaia di euro fino a fine anno. Un comune con 80 milioni di bilancio che non trova qualche centinaia di euro per dei bimbi scappati dalla guerra”.

Leggi anche:  Kharkiv ancora sotto attacco droni russi
Native

Articoli correlati