Risolto il giallo dei cadaveri in strada: erano ladri investiti dal rapinato
Top

Risolto il giallo dei cadaveri in strada: erano ladri investiti dal rapinato

L'uomo era stato aggredito da due individui a bordo di uno scooter, li ha speronati e travolti con l'auto. Poi è andato dai carabinieri

Rapina a Marano
Rapina a Marano
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Marzo 2021 - 09.17


ATF

E’ stato risolto il giallo dei due cadaveri trovati in strada a Marano, comune del napoletano.

Ha confessato tutto quanto Giuseppe Greco, 25 anni, incensurato, figlio di un uomo con precedenti per traffico di droga, che si è recato in caserma nella notte a raccontare la sua versione dei fatti, ed è stato interrogato dal pm.

Vittima di una rapina da parte di due individui a bordo di uno scooter, li ha speronati e travolti con l’auto.

Greco è il conducente della Smart For 4 trovata contro un muro in via Antica consolare campana, a Marano, ai confini con Villaricca, nel Napoletano, poco distante dai cadaveri di due uomini, da uno scooter T-Max, da una pistola e da un prezioso orologio Rolex.

E’ sembrata subito la scena di una rapina finita nel sangue.

I due rapinatori, entrambi pregiudicati di Sant’Antimo, Domenico Romano, 39 anni, e Ciro Chirollo, 29 anni, gli hanno sottratto il Rolex in via San Rocco sotto minaccia della pistola.

Leggi anche:  Rapina a mano armata in appartamento nel quartiere Balduina: madre e figlia in casa, rubati 100mila euro

Ma il venticinquenne li ha inseguiti, speronati e travolti con l’auto. I primi ad arrivare sono stati agenti della polizia municipale, che hanno avvertito i carabinieri. I rilievi della Scientifica sono partiti subito, così come la ricerca di immagini da sistemi di videosorveglianza, poi trovate.

Nella zona non ci sono telecamere pubbliche, ma solo quelle di qualche privato. L’urto violento tra auto e scooter era testimoniato dai pezzi di carrozzeria dei due mezzi sparsi in strada.

Poi, volontariamente o meno, l’auto è passata sui corpi dei rapinatori, che infatti a un primo esame esterno non presentavano ferite d’arma da fuoco, ma politraumi.

Anche alcune testimonianze hanno confermato questa prima ricostruzione.

Resta da capire se l’investimento sia stato o meno volontario.

Native

Articoli correlati