Top

La parabola della nostra lotta al Covid: prima eroi disarmati e adesso fatalisti inconcludenti

Dopo la prima emergenza in questi mesi non abbiamo fatto nulla per migliorarci. Scuola, sanità, trasporti. Però chiudiamo le scuole guida e i ristoranti a mezzanotte

<picture> Coronavirus </picture>
Coronavirus

Claudio Visani

19 Ottobre 2020


Preroll

Siam messi e fatti coì. Quando stiamo per affogare  (guerre, terremoti, alluvioni, pandemia) sappiamo reagire, dare il meglio, riemergere, perfino farci ammirare. Appena il pericolo si allenta torniamo quelli di sempre: incapaci di capire la lezione, borbonici, savoiardi, parolai, specialisti negli annunci di ciò che non facciamo mai.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Sta andando così anche col Covid. Eroi disarmati nella prima fase. Tira a campá nella seconda, fatalisti e inconcludenti, sperando che passi, confidando nell’aiuto esterno (oggi l’Europa, ieri “Franza o Spagna purché se magna”), in Padre Pio, nella Madonna o nel più laico “bus de cul”.

Middle placement Mobile

In questi mesi non abbiamo fatto niente, o quasi, per migliorarci nei fondamentali. E ora che si sta facendo di nuovo gnara; ora che mobilità, sanità, scuola, tecnologia sono di nuovo messi alla prova, scopriamo che ci mancano gli autobus, gli insegnanti, i medici, il personale e le strutture per fare i tamponi, i vigili e i poliziotti per contrastare gli assembramenti, e che Immuni ha scoperto finora la bellezza di 13 positivi. Però chiudiamo i ristoranti a mezzanotte e le scuole guida per fermare l’avanzata del virus.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage