L'Onu chiede un cessate il fuoco mondiale: "La vera lotta è quella contro il Coronavirus"

Lo ha chiesto Antonio Guterres: "Nei paesi in guerra il sistema sanitario è crollato e il virus non fa distinzioni di nazionalità. Ritiratevi dalle ostilità"

Antonio Guterres

Antonio Guterres

globalist 23 marzo 2020
Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha chiesto un 'cessate il fuoco mondiale' per meglio fronteggiare l'epidemia di Coronavirus: "La furia del coronavirus mostra la follia della guerra. Ecco perché oggi chiedo un cessate il fuoco globale e immediato in tutti gli angoli del mondo. È tempo di bloccare i conflitti armati e concentrarsi sulla vera lotta delle nostre vite. Alle parti in guerra dico: ritiratevi dalle ostilità". 
"Non dimentichiamo che nei Paesi devastati dalla guerra, i sistemi sanitari sono crollati", ha aggiunto.
"Gli operatori sanitari, che sono già pochi, sono stati spesso presi di mira - ha continuato il segretario generale dell'Onu durante una conferenza stampa virtuale con i giornalisti del Palazzo di Vetro - Rifugiati e sfollati sono doppiamente vulnerabili".
"Il virus non si preoccupa di nazionalità, etnie, fede religione e nel frattempo i conflitti armati infuriano in tutto il mondo. I più vulnerabili, donne e bambini, persone con disabilità, emarginati e sfollati, pagano il prezzo più alto", ha aggiunto. Guterres ha chiesto di "aiutare a creare corridoi per aiuti salvavita, aprire preziose finestre per la diplomazia, portare speranza in luoghi che sono tra i più vulnerabili per il coronavirus".