Inchiesta Ischia: Cantone chiede gli atti per verifiche sugli appalti
Top

Inchiesta Ischia: Cantone chiede gli atti per verifiche sugli appalti

Il commissario anti-corruzione propone di estendere alle Grandi Opere i controlli previsti per l'Expo.

Inchiesta Ischia: Cantone chiede gli atti per verifiche sugli appalti
Preroll

Desk2 Modifica articolo

31 Marzo 2015 - 12.25


ATF

Raffaele Cantone, presidente della commissione anti-corruzione, ha chiesto gli atti dell’inchiesta di Ischia che ha portato all’arresto del sindaco, Giosi Ferrandino. L’obiettivo è quello di fare verifiche per eventuali commissariamenti di appalti. “Abbiamo chiesto gli atti ufficialmente al procuratore della Repubblica di Napoli – ha detto Cantone – per capire se ci siano appalti che possono essere commissariati: verificheremo, prima dobbiamo leggere gli atti”. Cantone ha sottolineato, inoltre la necessità di “una legge sui finanziamenti delle fondazioni” e ha proposto di estendere l’esperienza dei controlli eccezionali fatti per Expo alle grandi opere.

I gip di Napoli, raccontano che l’inchiesta vedrebbe coinvolto il sindaco in un giro di mazzette da parte della Cpl che per i pagamenti avrebbe costituito fondi neri per una società tunisina riconducibile al proprio responsabile per le relazioni istituzionali, Francesco Simone. Corrotti anche il direttore della banca (“ce l’ho a libro paga”, dice Simone) e il capo della dogana di Tunisi, che avrebbero favorito l’esportazione dei fondi neri. Soldi in contante che, sempre Francesco Simone, in un caso, ha “occultato e fatto passare alla dogana di Fiumicino… nascondendoli nel passeggino della figlioletta”, annota il gip. Questa l’intercettazione in cui lo stesso dirigente CPL racconta: “..ho detto.. metto sotto il passeggino.. il passeggino cioè chi cazzo lo controlla…”.

Leggi anche:  Morte di Andrea Purgatori, i medici sbagliarono la diagnosi: una una terapia antibiotica avrebbe prolungato la vita

[GotoHome_Torna alla Home]

Native

Articoli correlati