Comitato per la Protezione dei Giornalisti conferma: nella guerra di Gaza tragico record di reporter uccisi
Top

Comitato per la Protezione dei Giornalisti conferma: nella guerra di Gaza tragico record di reporter uccisi

Il Comitato per la Protezione dei Giornalisti (CPJ) afferma che le sue indagini preliminari mostrano che la guerra di Israele a Gaza è il periodo più mortale per i giornalisti da quando il gruppo ha iniziato a raccogliere dati nel 1992.

Comitato per la Protezione dei Giornalisti conferma: nella guerra di Gaza tragico record di reporter uccisi
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Maggio 2024 - 16.08


ATF

Il Comitato per la Protezione dei Giornalisti (CPJ) afferma che le sue indagini preliminari mostrano che la guerra di Israele a Gaza è il periodo più mortale per i giornalisti da quando il gruppo ha iniziato a raccogliere dati nel 1992.

Il CPJ sta indagando su quasi 350 ulteriori casi di potenziali omicidi, arresti e ferimenti, si legge in una nota.

“Da quando è iniziata la guerra a Gaza, i giornalisti hanno pagato il prezzo più alto – la vita – per i loro reportage. Senza protezione, attrezzature, presenza internazionale, comunicazioni, cibo e acqua, stanno ancora svolgendo il loro lavoro cruciale per dire al mondo la verità”, ha affermato a New York il direttore del programma CPJ, Carlos Martinez de la Serna.

“Ogni volta che un giornalista viene ucciso, ferito, arrestato o costretto all’esilio, perdiamo frammenti di verità. I responsabili di queste vittime devono affrontare un duplice processo: uno ai sensi del diritto internazionale e l’altro davanti allo sguardo spietato della storia”, ha aggiunto.

Leggi anche:  Una indagine delle Nazioni Unite accusa Israele di “sterminio” nella guerra a Gaza
Native

Articoli correlati