NewsGuard: "Identificati 250 siti che diffondono la disinformazione russa sulla guerra"
Top

NewsGuard: "Identificati 250 siti che diffondono la disinformazione russa sulla guerra"

NewsGuard, una società con sede a New York che studia e tiene traccia della disinformazione online, ha identificato 250 siti Web che diffondono attivamente la disinformazione russa sulla guerra, con dozzine di nuovi aggiunti negli ultimi mesi

NewsGuard: "Identificati 250 siti che diffondono la disinformazione russa sulla guerra"
La bandiera russa
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Agosto 2022 - 18.19


ATF

Guerra in Ucraina e guerra di propaganda. E poi c’è la propaganda sulla propaganda. E c’è chi si auto-elegge giudice al di sopra di quello che dicono enti istituzionali.

 NewsGuard, una società con sede a New York che studia e tiene traccia della disinformazione online, ha identificato 250 siti Web che diffondono attivamente la disinformazione russa sulla guerra, con dozzine di nuovi aggiunti negli ultimi mesi. Lo riporta il Guardian.

Questi siti sembrano far parte di uno sforzo concertato per aggirare gli sforzi dell’Unione Europea per bloccare la propaganda russa e la disinformazione sulla guerra. Le affermazioni su questi siti includono accuse secondo cui l’esercito ucraino ha organizzato alcuni mortali attacchi per generare sostegno globale, che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy sta simulando apparizioni pubbliche o che i rifugiati ucraini stanno commettendo crimini in Germania e Polonia.

Alcuni dei siti si presentano come think tank o organi di informazione indipendenti. Circa la metà sono in lingua inglese, mentre altre sono in francese, tedesco o italiano.

Leggi anche:  Europee, la 'vendetta' russa: "Macron e Scholz puniti per aver sostenuto la guerra ucraina contro Mosca"

«Potrebbero creare siti dormienti», ha affermato il co-Ceo di NewsGuard Gordon Crovitz. I siti dormienti sono siti Web creati per una campagna di disinformazione che rimane in gran parte dormiente, costruendo lentamente un pubblico attraverso post innocui o non correlati e quindi passando alla propaganda o alla disinformazione a un orario prestabilito. 

Native

Articoli correlati