Bruxismo: cos'è, i sintomi e come curarlo
Top

Bruxismo: cos'è, i sintomi e come curarlo

Il bruxismo è noto come l'abitudine di digrignare o stringere i denti involontariamente e può verificarsi sia durante la veglia che durante il sonno

Bruxismo: cos'è, i sintomi e come curarlo
Bruxismo
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Gennaio 2024 - 01.11


ATF

Non è un evento raro: moltissime persone digrignano involontariamente i denti. Tantissimi si svegliano con un leggero mal di testa, soffrono di un costante fastidio al collo e, con il tempo, possono notare un graduale logoramento dei denti. Questi sono tutti segni premonitori di una condizione molto comune nota come bruxismo.  Questo disturbo colpisce sempre più persone in tutto il mondo a causa dell’aumento dello stress della vita di tutti i giorni. Vediamo in questo articolo di capire di cosa si tratta, quali possono essere le ripercussioni sulla salute e, soprattutto, come curare questa condizione.

Cos’è il bruxismo?

Il bruxismo è noto come l’abitudine di digrignare o stringere i denti involontariamente e può verificarsi sia durante la veglia che durante il sonno. Il bruxismo può verificarsi in persone di qualsiasi età, ma compare solitamente durante l’adolescenza. Tuttavia, sono sempre più frequenti i casi di bruxismo infantile. 

Le cause del bruxismo possono essere varie e, nella maggior parte dei casi, chi soffre di bruxismo presenta una combinazione di circostanze fisiche e mentali che possono portare a questo disturbo. Ecco quali sono le principali:

  • Alti livelli di ansia o stress.
  • Cattive abitudini come dieta inadeguata, consumo eccessivo di alcol o fumo.
  • Disturbi del sonno che possono essere legati a difficoltà respiratorie o insonnia.
  • Alcuni tipi di malocclusione dentale che aumentano il rischio di digrignamento dei denti per cercare una posizione più comoda per la mascella.
  • Morso incrociato.
  • Malattie parodontali che, provocando dolore e disagio nel cavo orale, aumentano il rischio di bruxismo.
  • Malattie degenerative come la sclerosi multipla.
Leggi anche:  Usare la bicicletta è un aiuto nella prevenzione del tumore: l'oncologo spiega il perché

Come faccio a sapere se soffro di bruxismo?

La manifestazione di questo disturbo orofacciale può essere diversa in ciascun individuo. Tuttavia, ci sono alcuni sintomi caratteristici del bruxismo che aiutano a rilevarlo. Ecco quali:

  • Dolore alla mascella, al collo o forte mal di testa al risveglio al mattino.
  • Sensazione di intorpidimento alla mascella e, in casi più estremi, blocco della mascella quando si cerca di aprire la bocca.
  • Infiammazione delle gengive, che appaiono arrossate, e comparsa di sanguinamento durante lo spazzolamento.
  • Aumento della sensibilità dei denti causato dall’usura.
  • Disturbi del sonno.
  • Sensazione di stress e tensione nell’area craniofacciale.

Digrignare i denti ha purtroppo diverse conseguenze negative sulla salute dentale. Nei casi più lievi di bruxismo, si osserva un’usura dei denti dovuta all’attrito. Nei casi più gravi, invece, si ha una perdita dello smalto che ricopre e protegge la polpa dentale. Ciò aumenta il rischio di carie, sensibilità dei denti e infezioni gengivali ricorrenti.

Esiste una cura per il bruxismo?

In caso di sospetto di bruxismo, è consigliabile consultare un dentista  per ricevere una diagnosi corretta. A seconda del tipo di bruxismo e delle conidzioni di denti e gengive, il trattamento da seguire sarà diverso. Ecco alcuni metodi per migliorare o risolvere questo disturbo: 

Leggi anche:  Dieta di primavera: cosa è meglio mangiare con la nuova stagione

1. Attenzione durante il giorno

Potresti non rendertene conto, ma ci sono diverse abitudini che potresti mettere in atto durante il giorno che ti portano a digrignare i denti di notte. Cerca di evitare qualsiasi situazione in cui stai mordendo o masticando qualcosa che non è cibo. Ciò include le gomme da masticare, mangiarsi le unghie o semplicemente stringere i denti durante la giornata. Se alleni il tuo corpo a svolgere questo movimento durante il giorno, sarà molto più probabile che questo si verifichi anche di notte. Andare in controtendenza ti aiuterà quindi a combattere questa cattiva abitudine.

2. Più esercizio fisico

Gli studi hanno dimostrato che l’esercizio fisico aiuta ad aumentare i livelli di endorfina (l’ormone del benessere), che a sua volta riduce lo stress e l’ansia. Dato che una delle cause principali del bruxismo è proprio lo stress, con uno stile di vita più attivo diventa meno probabile soffrire di questo disturbo.

3. Ridurre l’assunzione di caffeina

Quanti caffè bevi al giorno? Determinate quantità di caffeina possono sicuramente darti una sferzata di energia; tuttavia, la caffeina in eccesso può portare ad un aumento dei livelli di cortisolo, il che porterà a stress cronico. Come regola generale, prova ad eliminare totalmente la caffeina circa 8 ore prima di andare a letto. Questo ti aiuterà a ridurre l’assunzione e ridurre al minimo la probabilità di digrignare i denti a causa di fattori legati allo stress.

Leggi anche:  Dieta di primavera: cosa è meglio mangiare con la nuova stagione

4. Investi in un apparecchio trasparente

Una delle possibili soluzioni per il bruxismo è indossare un bite dentale o un apparecchio trasparente. Questi dispositivi possono allievare i sintomi del digrignamento dei denti nei seguenti modi:

  • Riducendo il dolore e la rigidità della mandibola
  • Riducendo qualsiasi stress nei muscoli facciali
  • Allineando i denti superiori e inferiori nella posizione corretta  per evitare l’attrito

Contrariamente alla credenza popolare, un apparecchio trasparente è assolutamente non invasivo, personalizzato e ti permetterà di stare comodo di giorno e di notte. Contatta oggi il tuo dentista per proteggere i tuoi denti e migliorare il tuo stile di vita!

Native

Articoli correlati