Top

Omicron colpisce di notte: la sudorazione eccessiva è uno dei sintomi del contagio

"Un sintomo extra di BA.5 che ho visto stamattina è la sudorazione notturna. Non è strano?", ha detto il professore a una radio irlandese, 'NewsTalk', nei giorni scorsi.

Omicron colpisce di notte: la sudorazione eccessiva è uno dei sintomi del contagio
Covid

globalist

3 Agosto 2022 - 12.16


Preroll

Il sintomo principale di Omicron 5 si manifesta di notte: semmai dovesse capitare di svegliarsi in un anomalo bagno di sudore, il consiglio è di sospettare il contagio. A suggerire questo nuovo elemento è l’immunologo Luke O’Neill, docente di biochimica al Trinity College di Dublino, in Irlanda.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Un sintomo extra di BA.5 che ho visto stamattina è la sudorazione notturna. Non è strano?”, ha detto il professore a una radio irlandese, ‘NewsTalk’, nei giorni scorsi. Le sue dichiarazioni sono rimbalzate sui media britannici. L’esperto ha spiegato: “La malattia è leggermente diversa perché il virus è cambiato. C’è una certa immunità – ovviamente con i linfociti T e così via – e quel mix tra sistema immunitario” più attrezzato “e virus diverso potrebbe dare origine a una malattia leggermente differente, stranamente i sudori notturni sono una caratteristica. Ma – aggiunge l’esperto – cosa molto importante, se sei vaccinato e hai fatto il booster”, Covid “non progredisce in malattia grave: è questo il messaggio da continuare a ricordare alle persone”.

Middle placement Mobile

Va evidenziato che sudare di notte, nell’estate forse più calda di sempre, è prassi per milioni di persone, Covid o non Covid. Ma le parole dell’immunologo sono comunque da segnalare.

Dynamic 1

Il virus continua inevitabilmente a circolare in Italia. Balzano a 64.861 i nuovi casi di Covid 19 accertati in Italia ieri, con un impennata rispetto ai 18.813 registrati del giorno prima. In aumento a 190 anche il numero dei morti, cifra che fa salire a 172.397 il totale dei decessi dall’inizio della pandemia. Il tasso di positività è al 18,3%. Quel che più conta è che è in diminuzione la pressione sul sistema ospedaliero: il numero dei ricoveri in terapia intensiva scende a 386 e sono in calo anche i posti letto occupati nei reparti ordinari: sono in tutto 10.245 ricoveri.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile