Top

Francesco tuona sulle sofferenze dei migranti: "Quante vittime, scandalo sociale dell'umanità"

Il Papa all'udienza generale, l'ultima dell'anno ha pregato per i migranti e ha dato voce al suo dolore

Francesco tuona sulle sofferenze dei migranti: "Quante vittime, scandalo sociale dell'umanità"
Papa Francesco

globalist

29 Dicembre 2021 - 10.08


Preroll

Durante l’ultima udienza generale dell’anno Papa Francesco ha pregato per i migranti dando voce al suo dolore: lo ha definito uno scandalo sociale dell’umanità intera.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“E’ una realtà, quella dei migranti di oggi, davanti alla quale non possiamo chiudere gli occhi. E’ uno scandalo sociale dell’umanità”.

Middle placement Mobile

“Pensiamo a tutti i perseguitati, – dice a braccio – a quanti sono vittima di circostanze avverse, siano politiche, storiche o personali. Pensiamo a tanta gente vittima di guerre che vuole fuggire dalla sua patria e non può, pensiamo ai migranti che cominciano quella strada per essere liberi e finiscono sulla strada o nel mare, pensiamo a Gesù nelle braccia di Giuseppe e Maria fuggendo, e vediamo ognuno dei migranti di oggi”.

Dynamic 1

Bergoglio invita quindi fedeli e pellegrini a pregare per tutti i migranti, tutti i perseguitati e tutti coloro che sono vittime di circostanze avverse: San Giuseppe, tu che hai sperimentato la sofferenza di chi deve fuggire per salvare la vita alle persone più care, proteggi tutti coloro che fuggono a causa della guerra, dell’odio, della fame. Sostienili nelle loro difficoltà, rafforzali nella speranza e fa che incontrino accoglienza e solidarietà. Guida i loro passi e apri i cuori di coloro che possono aiutarli”.

Fratelli e sorelle vivono una ingiustizia
“Ancora oggi tanti nostri fratelli e tante nostre sorelle sono costretti a vivere la medesima ingiustizia e sofferenza. La causa è quasi sempre la prepotenza e la violenza dei potenti”, ha detto ancora il Papa.

Dynamic 2

La catechesi è incentrata sulla figura di San Giuseppe “come migrante perseguitato e coraggioso. Così lo descrive l’Evangelista Matteo.

Questa particolare vicenda della vita di Gesù, che vede come protagonisti anche Giuseppe e Maria, è conosciuta tradizionalmente come ‘la fuga in Egitto’. La famiglia di Nazaret ha subito tale umiliazione e sperimentato in prima persona la precarietà, la paura, il dolore di dover lasciare la propria terra. Ancora oggi tanti nostri fratelli e tante nostre sorelle sono costretti a vivere la medesima ingiustizia e sofferenza”.

Dynamic 3
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage