Polemiche su Il Foglio e Mengele ‘brillante scienziato’, Giuliano Ferrara: “Chi parla di riabilitazione è un idiota”

In seguito alle feroci polemiche contro l'articolo riguardo una nuova biografia del medico nazista di Auschwitz, Giuliano Ferrara ha risposto piccato

L'articolo de Il Foglio

L'articolo de Il Foglio

globalist 2 febbraio 2020

L’articolo comparso ieri sul Foglio su Mengele, il medico di Auschwitz che si macchiò di orrendi crimini e che morì in Brasile nel 1979 senza aver mai scontato una condanna per i suoi orrori, sta ancora suscitando polemiche.


L’articolo di Giulio Meotti riguardava una nuova biografia di Mengele (Unmasking the Angel of Death) scritta da David Maxwell, che al Dottor Morte diede la caccia fino in Brasile, senza riuscire a consegnarlo alla giustizia.


Il titolo scelto ("Il Professor Mengele. Non solo un assassino. Un brillante ricercatore al fianco dei grandi scienziati del tempo. Una nuova biografia”.) aveva suscitato parecchie polemiche online, specie su twitter dove in molti avevano attaccato il direttore de Il Foglio Cerasa.


Molti hanno accusato il giornale di riabilitazione di un criminale nazista e su Globalist avevamo scritto come il pezzo, in realtà, di veramente infelice avesse solo il titolo. In ogni caso, le accuse sono state ripetute anche da Virginia Raggi, che ha scritto un tweet contro il direttore: “Mentre a Roma abbiamo cambiato nomi a strade dedicate a chi ha firmato Manifesto della Razza, Claudio Cerasa e il Foglio provano a riabilitare un assassino come il medico nazista Josef Mengele l' ''angelo della morte" di Auschwitz, che usava bambini come cavie. Vergogna!”.


Tweet cui ha risposto un piccato Cerasa: “Caro sindaco, questo tweet puzza più delle strade della città che lei non governa. Ma capisco che dopo aver devastato Roma manipolare la realtà è l’unico modo che le resta per andare avanti. Si legga l’articolo e quando vuole le facciamo una lezione gratuita di antisemitismo”.


Ma più di tutti è Giuliano Ferrara che ha reagito con violenza agli attacchi, scrivendo sempre su twitter: “Meotti ha scritto che Mengele non era diabolico per suo conto ma la perfetta incarnazione di uno scientismo eugenetico che trovava nell'inferno di Auschwitz il laboratorio delle sue idee progressiste. Chi parla di riabilitazione è un cretino ignorante, inutile discutere”.