Resta agli arresti l'ex comandante di armata Popov accusato di frode e che criticò come si faceva la guerra in Ucraina
Top

Resta agli arresti l'ex comandante di armata Popov accusato di frode e che criticò come si faceva la guerra in Ucraina

Un tribunale militare russo ha rifiutato di rilasciare Ivan Popov, l'ex comandante della 58a armata russa arrestato con l'accusa di frode

Resta agli arresti l'ex comandante di armata Popov accusato di frode e che criticò come si faceva la guerra in Ucraina
Il generale russo Ivan Popov
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Maggio 2024 - 14.03


ATF

Un tribunale militare russo ha rifiutato di rilasciare Ivan Popov, l’ex comandante della 58a armata russa arrestato con l’accusa di frode, respingendo la richiesta di metterlo agli arresti domiciliari, ha detto un giornalista della Reuters presente presso il tribunale.

A seguito di un ammutinamento del giugno 2023 da parte dei mercenari Wagner contro l’establishment della difesa russo, Popov ha affermato di essere stato licenziato dopo aver raccontato ai vertici della terribile situazione al fronte in Ucraina.

Popov, il cui identificativo militare era “Spartacus” ed era popolare tra le truppe, disse all’epoca che i soldati russi erano stati pugnalati alle spalle a causa dei fallimenti dei loro comandanti anziani.

Il comitato investigativo russo ha affermato che Popov era sospettato di coinvolgimento nel furto di oltre 130 milioni di rubli (1,44 milioni di dollari) di prodotti metallici destinati alla costruzione di fortificazioni lungo il fronte ucraino.

Leggi anche:  In Russia, s'allunga la lista nera di Putin: ricercata l'attrice Tatyana Lazareva contraria alla guerra
Native

Articoli correlati