Crocus: anche l'Iran aveva avvertito la Russia di un imminente grave attacco terroristico
Top

Crocus: anche l'Iran aveva avvertito la Russia di un imminente grave attacco terroristico

Pure l'Iran aveva avvertito la Russia di un imminente grave attacco terroristico. L'allarme di Teheran, poco prima che i terroristi attaccassero il Crocus Center, a Krasnogorsk, vicino a Mosca, lo scorso 22 marzo.

Crocus: anche l'Iran aveva avvertito la Russia di un imminente grave attacco terroristico
Preroll

globalist Modifica articolo

1 Aprile 2024 - 16.39


ATF

Pure l’Iran aveva avvertito la Russia di un imminente grave attacco terroristico. L’allarme di Teheran, poco prima che i terroristi attaccassero il Crocus Center, a Krasnogorsk, vicino a Mosca, lo scorso 22 marzo. Lo riferisce Reuters, citando sue fonti.

“Pochi giorni prima dell’attacco terroristico, Teheran ha condiviso con Mosca informazioni su un possibile grave attacco terroristico in Russia, informazione che erano state ottenute durante gli interrogatori delle persone arrestate in relazione ad attentati mortali in Iran”, ha detto una delle fonti.

Una seconda fonte ha detto che le informazioni di Teheran non contenevano dettagli specifici sulla tempistica e lo scopo esatto dei terroristi. “Uno dei terroristi [arrestati in Iran] ha detto che alcuni membri del gruppo erano già in Russia”, ha detto la fonte.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, rispondendo a una domanda della Reuters, ha detto ai giornalisti: “Non ne so nulla”.

A gennaio l’Iran aveva arrestato 35 persone che le autorità ritengono collegate a due attentati avvenuti il 3 gennaio nella città di Kerman. Circa 100 persone erano state uccise. L’attacco a Kerman è stato uno dei più sanguinosi nel Paese dalla rivoluzione islamica del 1979.

Leggi anche:  La sfida degli iraniani alle restrizioni del governo per preservare tradizione e identità

Come si sa, l’organizzazione terroristica dello Stato islamico ha rivendicato la responsabilità di attacchi terroristici in Russia del 22 marzo e in Iran il 3 gennaio. L’intelligence statunitense ritiene anche che i terroristi dell’ISIS siano dietro gli attacchi, ricorda Reuters.

Dopo l’attacco alla sala concerti del Crocus City Hall, l’organizzazione terroristica ha diffuso un video girato dagli stessi autori dell’attacco terroristico. Ciononostante, le autorità russe continuano ad accusare l’Ucraina, ritenendola coinvolta nell’attacco terroristico, anche se non ci sono prove a sostegno di questa versione. L’Ucraina nega le accuse.

Gli Stati Uniti, come si sa, avevano avvertito in anticipo la Russia dell’imminente attacco terroristico, senza fornire dettagli per non mettere a rischio la fonte di questa informazione. Fornito dettagli specifici.

Native

Articoli correlati