Italo-russo arrestato in Russia dall'Fsb: "E' un terrorista reclutato dai servizi ucraini"
Top

Italo-russo arrestato in Russia dall'Fsb: "E' un terrorista reclutato dai servizi ucraini"

Italo-russo di 35anni fermato in Russia con l’accusa di essere "reclutato dall'intelligence militare ucraina e di aver commesso attacchi terroristici".

Italo-russo arrestato in Russia dall'Fsb: "E' un terrorista reclutato dai servizi ucraini"
Servizi di sicurezza russi
Preroll

globalist Modifica articolo

1 Dicembre 2023 - 13.03


ATF

Un cittadino italo-russo del 1988, residente a Ryazan, è stato fermato in Russia con l’accusa di essere “reclutato dall’intelligence militare ucraina e di aver commesso attacchi terroristici”. Lo ha riferito a Ria Novosti il Centro relazioni con il pubblico dell’FSB russo e il servizio stampa del comitato investigativo russo.

Il 35enne sarà accusato in un procedimento penale per l’esplosione di un treno merci, ai sensi della parte 2 dell’art. 205 (attentato terroristico) e comma 3 dell’art. 222.1 (acquisizione illegale, detenzione esplosivi o ordigni esplosivi) del codice penale della Federazione Russa. “

Si stanno adottando misure per verificare il suo coinvolgimento in altri attacchi terroristici e sabotaggi su istruzioni dei servizi speciali ucraini”, ha osservato l’FSB.

Il sospettato è stato identificato durante un’indagine penale sulla detonazione di un ordigno esplosivo improvvisato l’11 novembre 2023 sulla sezione Rybnoye – Checkpoint nella regione di Ryazan, quando 15 vagoni di un treno merci in transito si sono ribaltati.

“Secondo la testimonianza del detenuto, nel febbraio 2023 a Istanbul, è stato reclutato da un dipendente della direzione principale dell’intelligence del Ministero della difesa ucraino, dopo di che ha seguito un addestramento al sabotaggio a Jekabpils (Lettonia) con la partecipazione diretta delle forze armate lettoni servizi speciali e nel marzo 2023 sono tornati a Ryazan”, ha osservato l’FSB.

Leggi anche:  Virginia Raggi: "Continuare a inviare armi a Kiev è un errore, la via diplomatica è l'unica possibile"
Native

Articoli correlati