Gaza, l'ex capo dello Shin Bet: "Avremo la nostra sicurezza solo quando i palestinesi avranno speranza"
Top

Gaza, l'ex capo dello Shin Bet: "Avremo la nostra sicurezza solo quando i palestinesi avranno speranza"

Omer Bar-Lev, un coraggioso guerriero che una volta comandava Sayeret Matkal, la forza d'elite dello stato maggiore, è stato trasformato dai social media in un "traditore", un "assassino" e un "terrorista"

Gaza, l'ex capo dello Shin Bet: "Avremo la nostra sicurezza solo quando i palestinesi avranno speranza"
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Ottobre 2023 - 13.04


ATF

Un saggio detto popolare recita “chi si loda, si sbroda”. Un altro, altrettanto sagace, afferma “carta canta, villan dorme”. La prendiamo un po’ per le lunghe per dire che nei mesi, se non anni, di colpevole silenzio dei media mainstream sulla tragedia di Gaza e sullo sconquassamento interno a Israele, Globalist si è discostato dal coro silente, raccontando in continuità ciò che gli altri, con rare eccezioni, tacevano e, unici, abbiamo fatto questo lavoro di informazione con il prezioso contributo di personalità di primissimo piano del mondo della politica, della cultura, dell’informazione, israeliani. Persone dalla schiena dritta che in tempi non sospetti, ma avvelenati, prima del tragico 7 Ottobre, avevano apertamente denunciato i guasti prodotti dal governo Netanyahu.

La denuncia di Ayalon

In tempi non sospetti, nel silenzio complice di cui sopra, Globalist pubblicava questi due contributi.

“Quella che segue è una denuncia senza precedenti. Perché ad avanzarla è una leggenda vivente dell’intelligence d’Israele,  l’uomo che ha guidato alcune delle azioni più spettacolari nella storia dello Shin Bet, il servizio di sicurezza interno israeliano. Il suo nome è Ami Ayalon, ed oggi è Maggiore della Riserva.

La sua denuncia su Haaretz

“Omer Bar-Lev, un coraggioso guerriero che una volta comandava Sayeret Matkal, la forza d’elite dello stato maggiore, è stato trasformato dai social media in un “traditore”, un “assassino” e un “terrorista”. Tra i suoi detrattori, alcuni dei quali hanno dichiarato: “Il sangue ebraico è sulle tue mani”, c’erano sindaci e altre figure pubbliche.

Per loro, il suo peccato imperdonabile era quello di dire la verità. In un incontro con un diplomatico americano in visita, il ministro della pubblica sicurezza ha usato un termine che riflette una situazione esistente: “violenza dei coloni”. La vituperazione che ha subito come risultato dimostra che la lezione dell’assassinio di Yitzhak Rabin non è stata imparata. Anche dopo che il servizio di sicurezza Shin Bet ha assegnato una scorta a Bar-Lev in seguito alle minacce, il ministro dell’Interno Ayelet Shaked aggiunge benzina al fuoco, continuando ad accusarlo falsamente e così facendo a difendere i coloni violenti. I critici di Bar-Lev sono veloci ad espandere la definizione di “terrore” quando gli autori della violenza sono palestinesi. Quando i palestinesi attaccano i soldati israeliani in servizio in Cisgiordania, si tratta di “terrore”, ma quando gli ebrei attaccano palestinesi innocenti, si tratta di “crimine politicamente motivato”, “azione a prezzi stracciati” o “violenza giovanile sulle colline”. Il rifiuto di chiamare il terrore ebraico per nome e l’uso di eufemismi permettono ai moralisti tra noi di lavarsi le mani della questione e di ignorare le gravi implicazioni del terrore ebraico, che sfida le istituzioni di governo e minaccia il futuro dello stato. Ciononostante, non pochi membri della Knesset e ministri di gabinetto ignorano il pericolo, considerandolo un comportamento marginale, persino giustificato di fronte alla violenza palestinese. Bisogna dirlo chiaramente: C’è il terrore ebraico! Il terrore è quello che ha portato all’assassinio di Rabin e all’incendio della casa della famiglia Dawabsheh, uccidendo un bambino e i suoi genitori. È il terrore che ha portato al rogo vivo di Mohammed Abu Khdeir, 16 anni, e il terrore che ha portato all’omicidio e al ferimento grave di altri palestinesi innocenti da parte degli ebrei. La distruzione di proprietà palestinesi, come alberi d’ulivo, fonti d’acqua e campi coltivati, e il vandalismo di case e veicoli, sono anche atti criminali di terrore. Bisogna dirlo senza mezzi termini: Un atto di terrore è qualsiasi azione intesa a raggiungere obiettivi politici danneggiando intenzionalmente i civili; danni alla vita, all’integrità fisica e alla proprietà senza riferimento all’identità degli autori, siano essi palestinesi o ebrei.

Leggi anche:  Dozzine di palestinesi uccisi nei raid israeliani a Gaza: tra loro un giornalista con moglie e due bambine

Dovrebbe quindi essere spiegato a Shaked, al ministro dei servizi religiosi Matan Kanaha e ai legislatori che difendono apertamente il terrore ebraico: Bar-Lev non si sbaglia. Capisce bene il pericolo per lo stato della violenza da parte di quei rampanti che si vedono come i successori del “sottosuolo ebraico” e del rabbino Meir Kahane; che si identificano con Baruch Goldstein, che uccise 29 fedeli musulmani nella Tomba dei Patriarchi di Hebron e che hanno a cuore l’assassino di Rabin, Yigal Amir.

La lezione che Bar-Lev ha imparato e che i suoi critici non hanno imparato è che questa manciata di attivisti violenti è solo la punta dell’iceberg. Rabin è stato assassinato da Amir, che si considerava un emissario pubblico, e che non avrebbe agito se non fossero prevalse alcune altre condizioni: un gruppo sociale vicino che appoggiava l’idea, leader religiosi che modellano l’ideologia che cambia le regole della morale e legittima l’omicidio e leader politici che ignorano gli appelli all’omicidio – ignoranza che gli attivisti del terrore percepiscono come sostegno.

L’assassinio di Rabin ci ha insegnato che le parole uccidono. I trasgressori ebrei interpretano “nazista”, “traditore”, “criminale con le mani sporche di sangue ebraico” come licenza di uccidere. Le persone che dicono che sono solo una manciata – poche centinaia al massimo – hanno ragione, e la maggior parte dei coloni sono persone rispettose della legge che si considerano i successori dei pionieri. Ma coloro che tacciono e a volte perdonano i terroristi ebrei si sbagliano di grosso. Non denunciando chiaramente i terroristi ebrei e non chiamandoli per nome, danno loro un vento di coda metaforico. Bar-Lev ha combattuto il terrore come soldato e comandante per anni, e continua a portare questo peso come ministro della pubblica sicurezza. Per affrontare questa sfida, dobbiamo aderire coraggiosamente alla verità. A differenza dei suoi detrattori, Bar-Lev è fermo di fronte a queste prove impegnative”, conclude Ayalon. 

Secondo contributo

«Quando sei militare in un campo di battaglia non devi sapere nulla dei nemici che ammazzi – io non ne vado orgoglioso, ma ne ho uccisi molti -, quando combatti la guerra al terrorismo però, devi sapere tutto di ognuno di loro».

Quella che segue è una denuncia senza precedenti. Perché ad avanzarla è una leggenda vivente dell’intelligence d’Israele,  l’uomo che ha guidato alcune delle azioni più spettacolari nella storia dello Shin Bet, il servizio di sicurezza interno israeliano. Il suo nome è Ami Ayalon,

 “Omer Bar-Lev, un coraggioso guerriero che una volta comandava Sayeret Matkal, la forza d’elite dello stato maggiore, è stato trasformato dai social media in un “traditore”, un “assassino” e un “terrorista”. Tra i suoi detrattori, alcuni dei quali hanno dichiarato: “Il sangue ebraico è sulle tue mani”, c’erano sindaci e altre figure pubbliche.

Per loro, il suo peccato imperdonabile era quello di dire la verità. In un incontro con un diplomatico americano in visita, il ministro della pubblica sicurezza ha usato un termine che riflette una situazione esistente: “violenza dei coloni”. La vituperazione che ha subito come risultato dimostra che la lezione dell’assassinio di Yitzhak Rabin non è stata imparata. Anche dopo che il servizio di sicurezza Shin Bet ha assegnato una scorta a Bar-Lev in seguito alle minacce, il ministro dell’Interno Ayelet Shaked aggiunge benzina al fuoco, continuando ad accusarlo falsamente e così facendo a difendere i coloni violenti. I critici di Bar-Lev sono veloci ad espandere la definizione di “terrore” quando gli autori della violenza sono palestinesi. Quando i palestinesi attaccano i soldati israeliani in servizio in Cisgiordania, si tratta di “terrore”, ma quando gli ebrei attaccano palestinesi innocenti, si tratta di “crimine politicamente motivato”, “azione a prezzi stracciati” o “violenza giovanile sulle colline”. Il rifiuto di chiamare il terrore ebraico per nome e l’uso di eufemismi permettono ai moralisti tra noi di lavarsi le mani della questione e di ignorare le gravi implicazioni del terrore ebraico, che sfida le istituzioni di governo e minaccia il futuro dello stato. Ciononostante, non pochi membri della Knesset e ministri di gabinetto ignorano il pericolo, considerandolo un comportamento marginale, persino giustificato di fronte alla violenza palestinese. Bisogna dirlo chiaramente: C’è il terrore ebraico! Il terrore è quello che ha portato all’assassinio di Rabin e all’incendio della casa della famiglia Dawabsheh, uccidendo un bambino e i suoi genitori. È il terrore che ha portato al rogo vivo di Mohammed Abu Khdeir, 16 anni, e il terrore che ha portato all’omicidio e al ferimento grave di altri palestinesi innocenti da parte degli ebrei. La distruzione di proprietà palestinesi, come alberi d’ulivo, fonti d’acqua e campi coltivati, e il vandalismo di case e veicoli, sono anche atti criminali di terrore. Bisogna dirlo senza mezzi termini: Un atto di terrore è qualsiasi azione intesa a raggiungere obiettivi politici danneggiando intenzionalmente i civili; danni alla vita, all’integrità fisica e alla proprietà senza riferimento all’identità degli autori, siano essi palestinesi o ebrei.

Leggi anche:  Reportage dall'inferno: la guerra finirà, ma i gazawi continueranno a morire mesi e anni dopo

Dovrebbe quindi essere spiegato a Shaked, al ministro dei servizi religiosi Matan Kanaha e ai legislatori che difendono apertamente il terrore ebraico: Bar-Lev non si sbaglia. Capisce bene il pericolo per lo stato della violenza da parte di quei rampanti che si vedono come i successori del “sottosuolo ebraico” e del rabbino Meir Kahane; che si identificano con Baruch Goldstein, che uccise 29 fedeli musulmani nella Tomba dei Patriarchi di Hebron e che hanno a cuore l’assassino di Rabin, Yigal Amir.

La lezione che Bar-Lev ha imparato e che i suoi critici non hanno imparato è che questa manciata di attivisti violenti è solo la punta dell’iceberg. Rabin è stato assassinato da Amir, che si considerava un emissario pubblico, e che non avrebbe agito se non fossero prevalse alcune altre condizioni: un gruppo sociale vicino che appoggiava l’idea, leader religiosi che modellano l’ideologia che cambia le regole della morale e legittima l’omicidio e leader politici che ignorano gli appelli all’omicidio – ignoranza che gli attivisti del terrore percepiscono come sostegno.

L’assassinio di Rabin ci ha insegnato che le parole uccidono. I trasgressori ebrei interpretano “nazista”, “traditore”, “criminale con le mani sporche di sangue ebraico” come licenza di uccidere. Le persone che dicono che sono solo una manciata – poche centinaia al massimo – hanno ragione, e la maggior parte dei coloni sono persone rispettose della legge che si considerano i successori dei pionieri. Ma coloro che tacciono e a volte perdonano i terroristi ebrei si sbagliano di grosso. Non denunciando chiaramente i terroristi ebrei e non chiamandoli per nome, danno loro un vento di coda metaforico. Bar-Lev ha combattuto il terrore come soldato e comandante per anni, e continua a portare questo peso come ministro della pubblica sicurezza. Per affrontare questa sfida, dobbiamo aderire coraggiosamente alla verità. A differenza dei suoi detrattori, Bar-Lev è fermo di fronte a queste prove impegnative”, conclude Ayalon. 

Leggi anche:  A Gaza continuano i raid israeliani: i pochi ospedali semi-distrutti non reggono il flusso di feriti

La pace non s’impone con la forza

Quelli che seguono sono alcuni brani di una interessante intervista ad Ami Ayalon, a firma Davide Mattei per La Stampa.

 “Ami Ayalon […] ha iniziato a capire chi avesse di fronte quando è stato nominato a capo dello Shin Bet, i servizi segreti israeliani, da allora il suo sguardo è cambiato: «Quando sai tutto del tuo nemico, lui diventa un essere umano, lo capisci, anche se non condividi nulla, alla fine non hai più paura di lui».

 […] «L’equazione è semplice: noi avremo la nostra sicurezza solo quando i palestinesi avranno speranza», ripete instancabilmente. […] La sua preoccupazione di “colomba” si è trasformata in amara costernazione: «Hanno ucciso bambini, donne, li hanno bruciati, è stato un massacro», mentre sull’intervento di terra pronuncia oggi parole di “falco” quasi lottando contro se stesso.

 Un’operazione di terra dello Tsahal è necessaria?

«Non è solo necessaria, è fondamentale per la sopravvivenza di Israele. Non possiamo lasciare che Hamas controlli i palestinesi a poche centinaia di metri da villaggi israeliani: per quanto alti saranno i nostri muri e sofisticata la nostra tecnologia, troveranno il modo di penetrare di nuovo e ucciderci».

 C’è chi teme si trasformi in una guerra contro i palestinesi di Gaza.

«Dobbiamo innanzitutto dire che la nostra guerra è contro il braccio armato di Hamas, le brigate Ezzedin al-Qassam e i leader politici, cinque o sei capi che hanno diretto l’orribile assalto del 7 ottobre. Dobbiamo dire al mondo che non combattiamo l’Islam, ma un’ideologia che non accetta il nostro diritto a creare uno Stato. E poi dobbiamo assicurarci che uno dei parametri sia evitare quante più vittime civili possibili. Quanto meno saranno le vittime, quanto prima arriverà la nostra vittoria e la comprensione delle persone che oggi odiano quello che stiamo facendo».

 […] Lei però ha sempre detto che la vittoria non sarà militare.

«Hamas è anche un’ideologia e non si sconfigge con la forza militare, ma contrapponendo un’altra ideologia. Israele ha smesso di farlo dalla seconda Intifada (2000), noi non proponiamo più un orizzonte politico ai palestinesi, se loro pensassero che possono ottenere la loro libertà – con uno Stato palestinese a fianco di uno ebraico – la maggior parte appoggerebbe qualsiasi sforzo per ottenerlo in modo diplomatico, perché in quel modo non morirebbero in strada. Oggi appoggiano Hamas perché si presenta come l’unica organizzazione che lotta per mettere fine all’occupazione e per la libertà dei palestinesi».

Insomma, uno Stato in cambio di pace.

«Noi avremo la nostra sicurezza solo quando i palestinesi avranno speranza, è semplice. Glielo posso tradurre in termini militari: lei non può dissuadere qualcuno dal fare qualcosa se questo non ha paura. Quello che abbiamo visto il 7 ottobre è questo, persone che sono uscite da Gaza in missione suicida, sapendo che non sarebbero tornate, perché non avevano nulla da perdere. Questa è l’equazione, fino a che non la capiremo continueremo a combatterci».

Native

Articoli correlati