Israele, dolore e sgomento: il responsabile del disastro è Benjamin Netanyahu
Top

Israele, dolore e sgomento: il responsabile del disastro è Benjamin Netanyahu

Israele il giorno dopo. Il giorno del dolore e, soprattutto, dello sgomento per  il “nuovo Yom Kippur”. Che ha un responsabile assoluto: il primo ministro Benjamin Netanyahu.

Israele, dolore e sgomento: il responsabile del disastro è Benjamin Netanyahu
Militare israeliano
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

8 Ottobre 2023 - 11.56


ATF

Israele il giorno dopo. Il giorno del dolore e, soprattutto, dello sgomento per  il “nuovo Yom Kippur”. Che ha un responsabile assoluto: il primo ministro Benjamin Netanyahu.

Il “giorno dell’infamia”

Scrive su Haaretz Alon Pinkas, un passato da diplomatico, tra i più autorevoli analisti israeliani: Non si può minimizzare l’ampiezza, la portata e il riverbero delle onde d’urto dell’attacco di sabato a Israele. Si tratta di un nuovo Yom Kippur 1973, con una differenza fondamentale: il tributo a Israele nel 1973 (3.000 morti) fu imposto ai militari. L’attacco di sabato, destinato ad aggravarsi, ha causato la morte di civili, ha terrorizzato un intero Paese ed è stato tanto offensivo quanto letale. 

Lo Stato di Israele e le Forze di Difesa Israeliane hanno fallito miseramente nel proteggere gli israeliani. È così semplice. La velocità con cui i leader del Paese hanno iniziato a liberarsi delle responsabilità e a scaricare l’onere della colpa sull’IDF è sbalorditiva, anche per i bassissimi standard israeliani di responsabilità politica. Questo è il fiasco del Primo Ministro Benjamin Netanyahu. È sua la responsabilità, e dovrebbe essere chiamato a risponderne il giorno dopo la fine della guerra. 

Sì, Israele è forte. Sì, la risposta di Israele sarà feroce e distruttiva e sì, Israele uscirà da questa calamità. Ma la dura verità deve essere detta chiaramente, anche quando il numero e i nomi degli assassinati non sono confermati e lo strazio è solo all’inizio: Questa è una debacle epica, e non c’è modo di evitarla. 

Ci saranno sicuramente ripercussioni militari, diplomatiche, regionali e politiche, ma valutarle in questa fase sarebbe grossolanamente prematuro e selvaggiamente speculativo. Ciò che è abbondantemente chiaro è che il paradigma israeliano dell’approccio politico e di sicurezza a Gaza, e di fatto alla questione palestinese, è completamente crollato. 

Non c’è dubbio che il fallimento dell’intelligence sia devastante per portata e profondità, certamente considerando le capacità e le reti HUMINT (human intelligence), SIGINT (signals intelligence) ed ELINT (electronic intelligence) di Israele, che si suppone siano all’avanguardia. L’inadeguatezza dell’intelligence è una questione complessa, che verrà sicuramente approfondita in seguito.  

A livello tattico e operativo, il fallimento è evidente e tragicamente visibile. L’IDF ha fallito grossolanamente nell’anticipare l’attacco coordinato, non ha previsto ed è stata mal preparata a contrastare la sorpresa tattica, non concependo mai che un attacco di tale portata e audacia fosse anche solo plausibile. Anche se si aderisce alla teoria secondo cui Hamas non ha mai pianificato un tale successo e mirava a obiettivi limitati, il fallimento è incomprensibile.

A livello strategico – che combina intelligence, pianificazione, dispiegamento delle forze e processo decisionale politico – i risultati sono contrastanti. Da un lato, c’è un colossale errore di politica e di calcolo di proporzioni pari alla guerra dello Yom Kippur del 1973.  L’idea che Israele potesse rafforzare efficacemente Hamas per indebolire l’Autorità Palestinese e rendere impraticabile qualsiasi soluzione politica è crollata nel modo più vistoso, sconvolgente e sanguinoso. 

In secondo luogo, l’ipotesi di lavoro secondo cui Hamas (e la Jihad islamica palestinese) è realmente interessata a “governare la Striscia di Gaza”, è avversa al confronto ed è scoraggiata dalla potenziale rappresaglia sproporzionata di Israele, si è abbattuta sulle menti arroganti e miopi che l’hanno concepita. Questo vale sia per Netanyahu che per l’IDF.

D’altra parte, l’IDF ha avvertito Netanyahu per mesi  che la prontezza e la preparazione delle forze armate è diminuita in modo significativo come risultato del suo colpo di stato costituzionale. Egli ha notoriamente rifiutato di incontrare il Capo di Stato Maggiore, il TEn.Gen. Herzl Halevi,  che aveva cercato di metterlo in guardia. La sezione di intelligence militare dell’esercito ha valutato – e riferito al governo – che i nemici e gli avversari di Israele stanno percependo una vulnerabilità e un’opportunità create dalla sfiducia nei confronti di Netanyahu in ampie fasce dell’opinione pubblica e dalla perdita di coesione e unità sociale come risultato di uno scisma politico senza precedenti. Netanyahu e il suo governo hanno deriso, respinto e ignorato gli avvertimenti, incolpando invece le “élite” che costituiscono i ranghi superiori dell’IDF di minare la sua agenda politica.

Leggi anche:  L'Aia: gli Stati Uniti contrari al ritiro di Israele dai territori palestinesi occupati

Ora, anche se i combattimenti continuano nel sud di Israele e i razzi cadono – oltre 5.000 mentre scriviamo – si pone la questione dell’escalation. Questa si divide in tre questioni: l’inevitabile escalation dovuta alla naturale e giustificabile risposta di Israele; la possibilità di un’escalation in Cisgiordania; e la scoraggiante prospettiva di un’escalation nel nord, dove Hezbollah ha oltre 75.000 missili di precisione a lungo raggio. Qualsiasi discorso sul fatto che l’organizzazione sciita sia “scoraggiata” è assurdo. Può scegliere di non intervenire, ma non perché sia scoraggiata. 

La portata e il successo dell’attacco di Hamas sono destinati a provocare un’escalation di azioni da parte di Israele, sia per quanto riguarda la portata sia per quanto riguarda gli individui presi di mira. Non si tratta solo di “un’altra serie di scontri tra Israele e Hamas a Gaza”. È molto più grande e potrebbe includere un attacco di terra completo, con l’effettivo sequestro della Striscia di Gaza e dei suoi 2 milioni di cittadini. 

Netanyahu è un prolifico sostenitore dell'”annientamento di Hamas”, così come è un militante accanito contro l’Iran ogni volta che è fuori dal potere. Nel 2014, durante l’operazione Protective Edge, qualcuno del governo di Netanyahu ha ritenuto opportuno far trapelare un documento dell’IDF che illustrava i rischi di conquistare Gaza – un prerequisito per sradicare efficacemente l’infrastruttura militare di Hamas. In esso, l’intelligence militare valutava che un’operazione del genere avrebbe richiesto cinque anni, un alto tasso di vittime, lo sviluppo di una rete di intelligence completamente nuova e avrebbe potuto mettere in pericolo l’accordo di pace con l’Egitto. Negli ultimi nove anni, poco è cambiato.

Sia che Hamas abbia agito contro l’occupazione israeliana o l’annessione strisciante, sia che si sia trattato di un opportunismo reso possibile dalla crisi politica di Israele, sia che si sia opposto al ventilato accordo di normalizzazione saudita, che non favorisce i palestinesi, sabato 7 ottobre ha cambiato le carte in tavola. Un giorno che vivrà nell’infamia”.

Il “Re è nudo”

Altrettanto dura, sempre su Haaretz, è l’analisi di Uri Misgav: “Dopo molte ore dall’attacco, gli israeliani si sono chiesti dove fossero le Forze di Difesa Israeliane. La risposta è stata: in Cisgiordania, o a casa. Quasi tutte le unità di leva dell’esercito erano impegnate a controllare e mantenere l’occupazione e l’insediamento. Un battaglione è stato direttamente coinvolto nella protezione di una sessione di preghiera e di una lezione di Torah tenute nella strada principale della città palestinese di Hawara. 

Il nemico, nella sua scaltrezza ha scelto ancora una volta di sorprenderci in un giorno festivo e di Shabbat, e si è trovato a penetrare in uno spazio non presidiato e non protetto, con i kibbutzim, i moshavim e le città che giocavano il ruolo delle roccaforti lungo il Canale di Suez nella guerra dello Yom Kippur del 1973. Se ci fossero stati altri due o tre battaglioni di fanteria in stato di massima allerta lungo il confine di Gaza, e non alla Tomba di Giuseppe o di Rachele, tutto sarebbe stato diverso.

Leggi anche:  L'autorità palestinese contro Netanyahu: "Non vuole la creazione del nostro stato"

Gli israeliani hanno anche chiesto: Dov’erano i membri del gabinetto e il loro capo? La risposta: in viaggio, in volo da qualche parte, a twittare. Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu era appena tornato da un’altra settimana di vacanza in un hotel di lusso. L’attacco combinato lanciato da Hamas è iniziato alle 6:30. Il convoglio del Primo Ministro ha lasciato la sua residenza di fine settimana a Cesarea alle 8:00 del mattino. 

Sono trascorse altre quattro ore prima che rilasciasse il suo primo videomessaggio (con le solite dichiarazioni “ho dato istruzioni, ho convocato, ho comandato”), apparendo ben curato, con tutto il suo trucco. Il gabinetto non ha parlato con i cittadini per tutta la mattina. L’impressione è che l’incidente sia stato gestito da corrispondenti e presentatori dei media (alcuni dei quali hanno dimostrato intraprendenza e una compostezza impressionante, arrivando persino a chiamare le forze sul posto e a dirigerle una volta arrivate).

Il colpo iniziale ha colto Israele, il suo esercito e i suoi servizi di intelligence impreparati e non funzionanti. Il prezzo del sangue è terribilmente alto, l’effetto sulla sua immagine è drammatico. La sensazione di molti israeliani negli ultimi mesi, che lo Stato sia stato distrutto e stia crollando sotto i loro occhi, ha assunto un’espressione nitida e tangibile, diversa da qualsiasi altra. Anche il momento è stato scelto con cura e significato. Questa è la più grande umiliazione a cui i nemici di Israele l’hanno sottoposto dalla guerra del 1973, forse anche una più grande. 

Cinquant’anni fa, gli eserciti di Egitto e Siria hanno lanciato una guerra contro di essa, armati e addestrati da una superpotenza globale; nell’ottobre 2023, le sue frontiere aperte sono state violate da terroristi in jeans, che brandivano fucili e smartphone. Così facendo, hanno provocato un enorme disastro ai loro miseri fratelli di Gaza, le cui dimensioni saranno chiare solo nei prossimi giorni e settimane. Tuttavia, sono già riusciti a scuotere alle fondamenta la società israeliana, già lacerata ed esausta.

Questi eventi sono il culmine di processi storici di lungo periodo. L’occupazione e il suo mantenimento hanno distolto l’IDF, il servizio di sicurezza Shin Bet e la Polizia di frontiera dal loro ruolo originario. I governi di destra guidati da Netanyahu hanno persistentemente indebolito Israele e i suoi sistemi, dirottando enormi somme di denaro verso gli ultraortodossi e i coloni, che non contribuiscono alla sicurezza dello Stato, ma anzi, spesso la danneggiano. 

Le avvisaglie si sono avute in episodi isolati di malfunzionamento del sistema, come nel caso del disastro del Monte Meron, per il quale Netanyahu e il ministro della Pubblica Sicurezza Amir Ohana si sono affrettati a non assumersi alcuna responsabilità, insieme ai loro partner ultraortodossi. Non sappiamo ancora come finirà l’attuale tragedia, ma una cosa è già chiara: l’idea di seppellire l’elefante palestinese a Gaza e in Cisgiordania (chiamata “gestione del conflitto” o “schegge nel sedere”) in nome di accordi di normalizzazione con gli Emirati del Golfo, ricchi di petrolio, è appena fallita con un enorme botto. 

Ora abbiamo la disfatta dell’ottobre 2023, di cui il disastroso governo di Netanyahu e i suoi complici sono pienamente responsabili. Non appena questa guerra sarà finita, il fallimento dovrà essere indagato da una commissione come la Commissione Agranat, che ha indagato sulla preparazione della guerra del 1973. 

Dovrebbe inoltre essere guidata da un presidente della Corte Suprema in pensione, Esther Hayut, che terminerà il suo mandato tra una settimana. A differenza di quella commissione, non possiamo accontentarci di licenziare solo il capo di stato maggiore dell’IDF, il capo dell’Intelligence militare e il capo del Comando meridionale dell’esercito. Anche Netanyahu e i suoi complici devono andarsene”.

Leggi anche:  Gideon Levy: "Israele farà di tutto per negare la possibilità di uno stato di Palestina"

Attacco a sorpresa

Scrive Roberto Bongiorni su Il Sole24Ore: “Il mondo si domanda come possano non aver colto i segnali di un attacco certo non improvvisato, i cui preparativi hanno senz’altro richiesto molto tempo. In un conflitto dove il manicheismo è eletto la regola del sistema, la versione di Sami è, naturalmente, una versione palestinese degli eventi. Ma il tono appare comunque pacato. Il giornalista racconta che gli stessi palestinesi di Gaza se lo aspettavano, questo attacco. «Pochi giorni fa c’erano stati numerosi messaggi da parte dei gruppi armati palestinesi. Avevano minacciato gli israeliani di non fare provocazioni nella moschea di al Aqsa (a Gerusalemme, moschea che è il terzo luogo sacro per i musulmani, ndr) e non intraprendere ulteriori azioni ostili contro i prigionieri palestinesi. Queste sono due linee rosse per i gruppi armati palestinesi che non devono essere superate».

Non appare dunque un caso se le milizie di Hamas abbiano definito «Operazione al-Aqsa» la loro aggressione in territorio israeliano, rivolta peraltro anche contro i civili, uccisi, feriti o presi in ostaggio.

Una drammatica prima volta

«È la prima volta che vediamo le milizie palestinesi sfondare il confine ed entrare in profondità nel territorio israeliano, prendendo il controllo di diversi centri abitanti lungo il confine. È la prima volta che vediamo rapire così tanti soldati israeliani. I valichi di accesso alla Striscia di Gaza sono tutti chiusi. Il valico di Erez (a nord, per il passaggio delle persone, ndr) è stato distrutto dopo un durissimo confronto militare tra israeliani e palestinesi. Diverse persone sono scese in strada a festeggiare».

Ma c’è poco in verità da festeggiare. La risposta israeliana sarà durissima, come ha promesso il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Era l’ultima cosa di cui aveva bisogno questo fazzoletto di terra lungo 40 chilometri e largo pochi km nel punto più stretto, in cui vivono due milioni di persone in condizioni non certo facili. Due terzi dei palestinesi di Gaza vivono sotto la soglia di povertà, da 16 anni sotto l’assedio israeliano, 16 anni che hanno quasi distrutto l’economia palestinese locale…”

«L’ospedale di Gaza è pieno di feriti – riprende Sami – e purtroppo anche di morti. Non sono preparati per un evento di questa portata. Continuano a circolare appelli alla popolazione affinché siano portati tutto ciò che può esser utile per prestare le cure ai feriti».

La voce comincia ad andare e venire. Il tempo perché Sami faccia un’ultima considerazione. «Ogni tanto avvertiamo il boato di qualche esplosione nelle vicinanze. Ma sappiamo che è poco rispetto a quello che ci attenderà nei prossimi giorni».

E’ quello che ha promesso Netanyahu: lavare col sangue il “giorno dell’infamia”. 

Intanto cresce il bilancio delle vittime. Sono più di 350 le persone, tra cui 30 militari, che hanno perso la vita in Israele a causa dell’attacco sferrato dai miliziani di Hamas  e oltre 1800 quelle che sono rimaste ferite, tra cui alcuni in modo grave. A fornire l’ultimo bilancio delle vittime è l’emittente Channel 12. In campo palestinese i morti sono oltre 400, tra cui bambini, e migliaia i feriti. Un bilancio di sangue destinato a crescere. La guerra è solo agli inizi.

Native

Articoli correlati