In Russia microchip (anche per usi militari) per 502 milioni di dollari nonostante le sanzioni
Top

In Russia microchip (anche per usi militari) per 502 milioni di dollari nonostante le sanzioni

La Russia ha importato più di 502 milioni di dollari di microchip fabbricati all'estero nei primi sei mesi del 2023 nonostante le sanzioni degli Stati Uniti e dell'UE

In  Russia microchip (anche per usi militari) per 502 milioni di dollari nonostante le sanzioni
Microchip
Preroll

globalist Modifica articolo

31 Luglio 2023 - 14.02


ATF

La Russia ha importato più di 502 milioni di dollari di microchip fabbricati all’estero nei primi sei mesi del 2023 nonostante le sanzioni degli Stati Uniti e dell’UE: lo ha riferito lunedì il sito di notizie indipendente Vyorstka, citando dati doganali riservati.

Da quando ha lanciato la sua invasione su vasta scala dell’Ucraina, la Russia è stata colpita dalle restrizioni occidentali sulle esportazioni di semiconduttori avanzati e altri beni che possono essere riutilizzati per uso militare, inclusi i microchip utilizzati nei missili e nei droni.

Undici dei 25 maggiori importatori russi di chip stranieri dual-purpose, come quelli prodotti da Analog Devices, Infineon e Texas Instruments, riforniscono direttamente l’industria della difesa russa, secondo l’indagine di Vyorstka.

Almeno quattro delle società quotate hanno continuato a riesportare chip in Russia nonostante le sanzioni statunitensi.

Nel complesso, Vyorstka osserva che “centinaia” di aziende sono coinvolte nella fornitura di chip a duplice uso, principalmente dalla Cina e da Hong Kong, alla Russia.

Oltre ai microchip, l’analisi di Vyorstka rileva che le sanzioni occidentali non sono riuscite a bloccare la riesportazione di iPhone per un valore di 389 milioni di dollari dal 25 febbraio, quando gli Stati Uniti hanno imposto un divieto di esportazione alla Russia di smartphone per un valore superiore a 300 dollari.

Leggi anche:  L'intelligence: "Putin punta a far collassare l'Ucraina per installare un regime fantoccio come la Bielorussia"

“La nostra indagine ha dimostrato che praticamente qualsiasi cosa può essere importata in Russia da qualsiasi parte del mondo, da un chip a doppio uso a un motore a turbogetto per un Airbus”, ha detto il punto vendita.

“Le società occidentali sono coinvolte in schemi attraverso paesi terzi, mentre le autorità russe eludono in sicurezza le sanzioni europee e americane”, ha aggiunto.

Native

Articoli correlati