I servizi segreti ucraini dietro l'attacco dei droni al Cremlino
Top

I servizi segreti ucraini dietro l'attacco dei droni al Cremlino

I servizi di sicurezza ucraini sarebbero dietro l'attacco con droni al Cremlino di inizio mese, nonostante la smentita del presidente Volodymyr Zelensky. Agenti Usa lo hanno detto al Nyt

I servizi segreti ucraini dietro l'attacco dei droni al Cremlino
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Maggio 2023 - 10.05


ATF

Tante voci ma nessuna certezza: i servizi di sicurezza ucraini sarebbero dietro l’attacco con droni al Cremlino di inizio mese, nonostante la smentita del presidente Volodymyr Zelensky.

Lo riporta il New York Times, citando funzionari dell’intelligence statunitense, i quali hanno spiegato di non sapere quale unità speciale abbia effettuato l’attacco il 3 maggio o se Zelensky o altri esponenti del governo ne fossero a conoscenza. Alcuni funzionari ritengono che il presidente non lo sapesse. Ma il consenso, a seguito di una valutazione preliminare, è che siano stati gli ucraini a inviare due droni verso il Cremlino, come sostenuto dalla Russia.

Questa ipotesi si basa su comunicazioni intercettate sia dalla Russia che dall’Ucraina nelle quali da una parte funzionari russi hanno incolpato Kiev per quello che hanno definito un attacco a sorpresa, alimentando dubbi sulla teoria dell’operazione sotto `falsa bandiera´, dall’altra funzionari ucraini, pur non essendo a conoscenza diretta dell’attacco, hanno affermato di ritenere che il loro Paese fosse il responsabile ultimo dell’operazione, precisa il Nyt.

Leggi anche:  Il Cremlino condanna il 'linguaggio aggressivo' di Biden nei confronti di Putin
Native

Articoli correlati