Top

Ma quale gaffeur, Biden è un "guerriero freddo": non sottovalutatelo

Scrive Pinkas su Haaretz: “Prendete Joe Biden in parola. Intendeva davvero tutto quello che ha detto su Vladimir Putin. Non si è espresso male o ha rilasciato una dichiarazione fuori tema

Ma quale gaffeur, Biden è un "guerriero freddo": non sottovalutatelo

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

17 Aprile 2022 - 12.14


Preroll

C’è una visione dietro quelle “gaffes”. La visione di un “guerriero freddo”. Il suo nome è Joe Biden

OutStream Desktop
Top right Mobile

Altro che gaffe

Middle placement Mobile

Illuminante, a tal proposito, è l’analisi di Alon Pinkas, tra i i più autorevoli analisti israeliani di politica internazionale.

Dynamic 1

Scrive Pinkas su Haaretz: “Prendete Joe Biden in parola. Intendeva davvero tutto quello che ha detto su Vladimir Putin. Non si è espresso male o ha rilasciato una dichiarazione fuori tema. Questo era reale – e deliberato.

Prima Biden ha detto che Putin è un criminale di guerra – e la punditocrazia è rimasta scioccata. Certo, è un dittatore spietato e violento, ma perché chiamarlo criminale di guerra?

Dynamic 2

Poi a marzo, alla fine del suo discorso a Varsavia, Biden ha detto: “Per l’amor di Dio, quest’uomo non può rimanere al potere”. L’ecosistema della politica estera è diventato apoplettico. Biden stava dichiarando una politica di cambio di regime in Russia? Era un importante punto di partenza strategico senza consultare l’ecosistema? Una Casa Bianca ansiosa ha cercato senza successo di riportare indietro la dichiarazione con spiegazioni talmudiche che Biden non intendeva davvero dire ciò che si può dedurre.

Poi, questa settimana a Menlo, Iowa, Biden ha detto che la Russia stava commettendo un genocidio – e gli esperti di Beltway e gli intenditori europei hanno detto che questo era semplicemente inutile. “Il vostro budget familiare, la vostra capacità di fare il pieno, niente di tutto ciò dovrebbe dipendere dal fatto che un dittatore dichiari guerra e commetta un genocidio a mezzo mondo di distanza”, ha detto, qualificando le sue osservazioni aggiungendo: “E lasceremo che siano gli avvocati a decidere a livello internazionale se si qualifichi o meno” come genocidio. Ma si è assicurato che tutti avessero capito il punto aggiungendo: “ma a me sembra proprio così”.

Dynamic 3

Le tre dichiarazioni hanno mandato i media e la comunità di politica estera in pieno pandemonio. Prima sono venuti gli esperti di Putin, sempre sensibili a come il fragile presidente russo potrebbe interpretare tali dichiarazioni dure. Queste osservazioni, hanno detto, lo mettono all’angolo, lo spingono ad un’escalation; lui le vedrà come un’ulteriore prova che gli Stati Uniti gli stanno dietro e creano un disincentivo per lui a terminare la guerra. Poi sono arrivati i gerontologi da poltrona. Si è espresso male, sono gaffes, va fuori copione, non è stato attento. Oltre ad essere sciocche e offensive, queste sono spiegazioni senza fondamento. E l’amministrazione ha fatto del suo meglio inutile per minimizzare quello che i media hanno chiamato “danno”, inquadrando i commenti di Biden non come politica o postura, ma come una naturale reazione umana alle atrocità russe.

Tranne che non c’era alcun danno strategico di cui parlare; nessuna gaffe, niente del genere. Biden non solo ha detto quello che pensava, ma lo ha fatto intenzionalmente. A volte, anche nella politica internazionale, le due cose sono conciliabili.

Dynamic 4

Biden intendeva ogni parola e ogni termine che ha usato. Aveva tre obiettivi. Primo, scuotere la fiducia di Putin e seminare incertezza su quelle che lui crede siano le prossime mosse di Washington. Secondo, bollarlo come un dittatore sconsiderato, brutale e pericoloso, consolidando il suo status di paria. Joe Biden è un guerriero freddo. I suoi anni formativi come politico, e poi come presidente della Commissione per le Relazioni Estere del Senato, sono stati nel contesto della rivalità americano-sovietica e della divisione del mondo in sfere di influenza concorrenti. Ma è stato come vicepresidente sotto Barack Obama tra il 2009 e il 2017 che Biden ha assistito al riemergere di Putin e alla sua ricerca messianica di ripristinare la grandezza russa.

Biden, e in larga misura i tre modellatori della politica estera intorno a lui – il segretario di Stato Antony Blinken, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan e il direttore della Cia William Burns – hanno identificato un Putin risorgente destinato a esercitare un modello di super-sovranità all’interno dell’ex Unione Sovietica (tra cui Ucraina, Georgia e Kazakistan) e delineare una sfera di influenza che copre le ex nazioni del Patto di Varsavia. Hanno capito che Putin era disinibito e pronto a usare la forza.

Dynamic 5

L’invasione dell’Ucraina ha rivendicato quelle supposizioni e Putin si è comportato esattamente come quegli americani si aspettavano: violentemente, spietatamente, commettendo disinvoltamente atrocità, sfidando in ogni fase. Ecco perché Biden crede sinceramente che Putin sia un criminale di guerra che non dovrebbe rimanere al potere.

La dichiarazione di Biden sul genocidio è un po’ più complicata. Il termine fu usato per la prima volta nel 1944 dallo storico polacco Raphael Lemkin per descrivere la politica nazista di annientare gli ebrei d’Europa. Il concetto è stato codificato come un crimine internazionale nella Convenzione sul genocidio del 1948, ora firmata da più di 150 paesi tra cui la Russia come stato successore dell’Unione Sovietica.

In termini di diritto internazionale, è difficile provare l’intenzione di uccidere di un paese, motivo per cui le uccisioni di massa in Cambogia nel 1970, in Ruanda nel 1994 e nei Balcani negli anni ’90 sono state definite come massacri piuttosto che genocidi, come se ci fosse una differenza morale.

Biden ha quindi basato la sua accusa di genocidio contro Putin sulla più ampia e flessibile definizione delle Nazioni Unite, secondo la quale genocidio può significare l’uccisione deliberata e indiscriminata di membri di un gruppo etnico, la creazione di “condizioni insopportabili” o il trasferimento forzato di bambini. Tutti questi elementi sono apparsi in Ucraina dall’invasione di Putin.

Ma non è l’esatto linguaggio legale che è importante qui. Piuttosto, è la valutazione dell’intelligence statunitense e britannica che nelle prossime due settimane, la Russia intende intensificare la guerra nella regione del Donbas dell’Ucraina orientale e possibilmente lanciare nuovi attacchi a Kiev e alle città del Mar Nero nel sud.

Putin ha bisogno di una narrazione trionfale e deve escalation per ottenere questo, dato che le dure sanzioni occidentali stanno prendendo un pedaggio molto alto sull’economia russa. Dati i fallimenti degli ultimi 50 giorni di guerra, Putin ha fatto alcune mosse di HR in stile sovietico.

Il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha avuto una sorprendente serie di problemi cardiaci ed è apparentemente fuori dal potere, anche se non ancora ufficialmente fuori ufficio. E il gen. Sergey Beseda, capo del Quinto Servizio – il controspionaggio nei paesi ex sovietici – sarebbe stato arrestato con oltre 100 dei suoi ufficiali.

È buffamente – e clamorosamente – ironico che il capo di un’organizzazione con sede nella famigerata prigione della Lubyanka a Mosca sia ora dietro le sbarre, anche se nella prigione di Lefortovo dall’altra parte della città.

Questi non sono cambiamenti derivanti da un fallimento militare e da una ricalibrazione, ma epurazioni politiche da parte di un Putin apprensivo. La paranoia del dittatore, secondo l’amministrazione Biden, deve essere esacerbata; ha bisogno di essere costantemente disorientato da ciò che gli Stati Uniti e la Nato stanno facendo.

Questo è il motivo per cui Biden ha fatto le sue dichiarazioni sul genocidio e sul criminale di guerra che non può rimanere al potere. Queste non erano gaffes fuori copione”.

Così Pinkas.

Ebrei vs. Ebrei. Così Putin ha spaccato le diaspore

Vladislav Davidzon, scrittore, traduttore e critico russo-americano, è il corrispondente di Tablet per la cultura europea, caporedattore di The Odessa Review e Non-Resident Fellow presso l’Atlantic Council. È nato a Tashkent, Uzbekistan, cresciuto a Mosca e New York, e vive in Francia e Ucraina. È autore di “From Odessa With Love: Political and Literary Essays in Post-Soviet Ukraine” (2021).

Marina Sapritsky-Nahum è Visiting Fellow nel Dipartimento di Antropologia alla London Scool of Economics and Policial Science. Il suo lavoro si concentra sulla vita ebraica dopo la caduta dell’Unione Sovietica, la migrazione e la vita urbana con particolare attenzione a Odessa, Ucraina.

Ecco la loro analisi-testimonianza che racconta di un dramma nel dramma. 

“La decisione del presidente russo Vladimir Putin di lanciare un’invasione lampo dell’Ucraina il 24 febbraio 2022 ha separato la Russia dal resto del mondo – scrivono in un articolo a doppia firma sempre su Haaretz –  La Russia è ora uno stato paria, con la guerra non provocata di Putin e i crimini di guerra del suo esercito che suscitano sentimenti anti-russi in tutto il mondo – il che è più che ironico, date le frequenti accuse del Cremlino di una campagna organizzata di “russofobia” contro di esso. L’invasione ha anche causato disordini all’interno della Russia e nelle diaspore di lingua russa in tutto il mondo. 

Molti cittadini russi nella diaspora provano rabbia, vergogna e senso di colpa per una guerra scatenata in loro nome. L’animosità provata da molti russi all’estero verso i membri della diaspora che sostengono le azioni di Putin è spesso più intensa di quella diretta a coloro che sono tornati in Russia, che hanno dovuto fare scelte molto più difficili. Le fratture all’interno della più ampia diaspora russofona si rispecchiano nella diaspora ebraica russofona di milioni di persone, che è concentrata in Israele, negli Stati Uniti e in alcune parti dell’Europa occidentale.

Siamo doppi cittadini russo-americani, ebrei di lingua russa che sono cresciuti e vivono in Occidente (Vladislav a Kiev e Parigi, Marina a Londra). Oggi stiamo sperimentando livelli senza precedenti di divisione e scissione nelle diaspore ebraiche russe sia a Parigi che a Londra – e anche all’interno delle nostre famiglie e circoli di amici, che sono divisi dalle loro posizioni sulla guerra.

In effetti, l’irredentismo di Putin, lungi dall’innescare una raccolta di esiliati, ha affossato le numerose comunità della diaspora russa. Ma non è solo una semplice retorica dell’essere pro o contro la guerra che inquadra il conflitto interno dei cittadini russi all’estero. Essi sono ulteriormente divisi dai loro legami personali con le persone che conoscono e amano in Russia e in Ucraina.

La gamma di opinioni nelle diaspore russe abbraccia un ampio spettro: dalla difesa del Cremlino e l’amplificazione della retorica della minaccia Nato e del regime “nazista” di Kiev, alla ferma opposizione alla guerra. Ma alcuni di coloro che sono anti-Putin credono anche che gli Stati Uniti siano da biasimare, mentre altri sono d’accordo sull’attuazione delle sanzioni, ma riconoscono che le sanzioni fanno male alla gente comune. Questi individui hanno empatia per i membri della famiglia e gli amici che sono colpiti dal rapido scivolamento della Russia in una versione surrogata dell’Unione Sovietica (meno la fratellanza dell’uomo). 

Mentre il sentimento anti-russo cresce in Occidente, anche gli ex-sovietici e i russi della diaspora sono profondamente addolorati dal rifiuto all’ingrosso della “russità”, e molti prendono posizione contro il boicottaggio dell’identità e della cultura russa.

I bruschi cambiamenti e le frammentazioni del momento stanno costringendo tutti noi a riesaminare cosa significa essere russi, e a ridefinire le nostre connessioni con il mondo culturale russo e la lingua russa. Una cartina di tornasole sociale potrebbe emergere nella diaspora, dove un singolo fattore cruciale – la tua posizione sulla guerra russa in Ucraina – rivela il tuo vero carattere e stabilisce se sei accettabile o meno nella società russofona all’estero.

Noi stessi abbiamo visto tutte queste dinamiche nei nostri circoli sociali e familiari. Alcuni dei nostri amici sono diventati apologeti della guerra, indicando false equivalenze nel comportamento occidentale. Alcuni dei nostri parenti, cittadini russi, stanno organizzando aiuti umanitari per le vittime della guerra.

Alcuni, tra cui Vladislav, hanno bruciato i loro passaporti russi per protesta. Alcuni si rifiutano di socializzare con i sostenitori di Putin. Altri sostengono che le immagini inquietanti della guerra sono false. Marina ha raccolto consapevolezza e fondi per iniziative di volontariato di base a Odessa e per aiutare i rifugiati ucraini a Berlino, mentre sua sorella, che ha recentemente aperto un ristorante russo a San Francisco, sta ospitando una cena di beneficenza alla vigilia di Pasqua per sostenere la World Central Kitchen in Ucraina e ha dichiarato sui social media che “Noi stiamo con l’Ucraina” e “Noi stiamo per la pace”.

A tutto questo si aggiungono gli enormi cambiamenti demografici in corso, con milioni di rifugiati costretti a lasciare l’Ucraina e un flusso costante di persone che lasciano una Russia sempre più repressiva. Ironicamente, l’imposizione da parte dei governi occidentali del regime di sanzioni più concertato della storia significa anche che la diaspora russa stessa sta per diventare molto più grande, e potrebbe essere più a lungo termine degli ucraini desiderosi di tornare a casa una volta che la guerra finisce. 

È troppo presto per prevedere come la diaspora ebraica russa crescerà come risultato della guerra – ma crescerà. Secondo il Nativ, l’ufficio del governo israeliano che si occupa dell’immigrazione dall’ex Unione Sovietica (FSU) e dall’Europa dell’Est, circa 12.000-13.000 ebrei russi hanno espresso interesse ad immigrare in Israele.

Molti di coloro che stanno lasciando la Russia non sanno se e quando potranno tornare, ma stanno cercando una polizza assicurativa contro la politica imprevedibile e il regime autoritario dello stato russo. Anche se viene loro concesso il diritto di residenza in Europa, o se immigrano in Israele secondo la Legge del Ritorno, non necessariamente si trasferiranno in modo permanente: possiamo aspettarci che gli ebrei russi espatriati continuino a muoversi tra gli stati europei e Israele negli anni a venire.

Fino a questa guerra, le differenze culturali tra le diaspore ebraiche russe e ucraine erano sfumate in molte reti di ebrei russofoni in Occidente. Gli ebrei della FSU si sono storicamente identificati con la lingua russa come un marcatore chiave della loro identità, e la maggior parte lo fa ancora.

Fino a poco tempo fa, questo legame linguistico era sufficiente per organizzare iniziative come Limmud FSU, il ramo di lingua russa di un programma globale culturale ed educativo ebraico non confessionale, senza distinzione di origine geografica, e per unire le comunità di casa e di diaspora dell’ebraismo di lingua russa.   

La nuova realtà della guerra della Russia contro l’Ucraina rimodellerà le strutture, le relazioni e le istituzioni della filantropia nella diaspora ebraica post-sovietica per generazioni. I ricchi individui le cui fortune oligarchiche sono legate a Putin saranno rimossi dai consigli e dalle liste dei donatori ufficiali, mentre la legittimità di molti altri sarà messa in discussione.

Gli effetti della guerra stanno già iniziando a colpire il tessuto sociale della vita sinagogale e la rete dei gruppi ebraici globali. I leader delle congregazioni e delle organizzazioni vengono condannati per aver “preso soldi russi” e aver mantenuto legami con la Russia; l’allontanamento degli oligarchi ora sanzionati dai circoli filantropici delle comunità ebraiche a Londra e altrove metterà a repentaglio l’infrastruttura delle partnership ebraiche russofone volte a rafforzare l’identità ebraica degli ebrei russofoni di tutto il mondo.

Da quando sono emigrati in piccolo numero negli anni ’70 e in massa dopo la perestroika e, più tardi, la caduta dell’URSS, gli ebrei di lingua russa hanno aumentato il loro profilo, la loro reputazione e la loro voce nelle più grandi comunità ebraiche che li hanno accolti. Alcuni studiosi dell’ebraismo di lingua russa hanno visto l’identità ebraica transnazionale della diaspora globale ebraica ex-sovietica come il futuro dell’esperienza ebraica, capace di illuminare la strada per gli ebrei americani e altri.

Molti leader delle comunità ebraiche si preoccupano che più di 30 anni di investimenti nel mondo ebraico ex-sovietico siano ormai irrecuperabili. Gli investimenti fatti dai ricchi ebrei russi per promuovere l’identità ebraica, la cultura, la storia e l’educazione, così come la formazione dei leader della comunità e la lotta all’antisemitismo in tutto il mondo, sono ora scrutinati (anche se alcune di queste ultime iniziative sono state criticate per essere andate piano con il problema dell’antisemitismo della Russia e le tendenze al revisionismo della seconda guerra mondiale).

Ognuno di noi ha una scelta nel negoziare questo territorio inesplorato. Le diaspore ebraiche russe, russofone ed ex-sovietiche nel mondo hanno bisogno di un dialogo aperto per iniziare a ricostruire relazioni familiari e amicizie. 

C’è speranza che i liberali russi che vivono all’estero, insieme a quelli che cercano di sopravvivere in Russia, stiano aprendo la strada attraverso questo paesaggio inesplorato verso un nuovo tipo di “russità” – una che è contro il regime russo ma collegata alla cultura e alla lingua russa – e usando questi strumenti come armi di potere per parlare contro la guerra, per esprimere il loro sostegno all’Ucraina, per difendere la loro identità e per ritrovare l’orgoglio di essere russofoni. 

I cittadini russi che sono pronti ad affrontare il carcere per dimostrare che Putin e la sua guerra non sono solo contro l’Ucraina, “ma contro la parte migliore del suo stesso paese”, sanno che una formidabile diaspora russa sta dietro di loro. Spetta alle comunità ebraiche di lingua russa rivendicare anche loro un posto in questo movimento.

Molti cittadini russi all’estero si sentono estremamente angosciati dalla guerra in Ucraina, temendo per il futuro dell’Ucraina, della Russia e del mondo, e per i loro parenti stretti oltre confine. L’abisso causato dalla guerra nelle diaspore russofone probabilmente persisterà per anni, causando amare divisioni che sono sia durature che imprevedibili nella loro portata e ripercussioni”. 

Niente sarà più come prima della guerra in Ucraina. Vale anche per le diaspore ebraiche ad Est.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile