Pompei come un set cinematografico: una miniserie dedicata ai grandi tesori emersi grazie al lavoro degli archeologi
Top

Pompei come un set cinematografico: una miniserie dedicata ai grandi tesori emersi grazie al lavoro degli archeologi

La miniserie di tre puntate, prodotta da Lion TV per BBC2 é stata da poco presentata all’Istituto Italiano di Cultura a Londra

Pompei come un set cinematografico: una miniserie dedicata ai grandi tesori emersi grazie al lavoro degli archeologi
Preroll

redazione Modifica articolo

18 Aprile 2024 - 22.59 Culture


ATF

La curiosità nei confronti degli ultimi ritrovamenti e delle ultime operazioni a Pompei non ha tardato ad attirare un pubblico internazionale, sempre più interessato ad indagare la natura e le modalità di questi portentosi lavori. E’ così che la Lion tv, per la BBC2, ha deciso di dedicare una miniserie di tre puntate agli scavi dal titolo “Pompeii- The new dig” puntando l’obbiettivo della camera direttamente sul team degli archeologi.

Attualmente Pompei è investita da nuovo interesse e da nuove ricerche, dati gli importanti risultati del lavoro di scavi più consistente degli ultimi 60 anni. La superficie interessata è, infatti, di 9000 mq, riccha di segreti e storie da svelare, utile alla ricostruzione della fiorente comunità spazzata via dall’eruzione di quel lontano 79 d.C.

L’apprezzamento verso le ultime scoperte è emerso con grade forza dalle parole di Francesco Bongarrà, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura a Londra, che si è espresso in merito dicendo: “Siamo davanti ad una scoperta sensazionale, che sicuramente incrementerà l’interesse già grande per i beni storici ed archeologici del nostro Paese: un tesoro inestimabile che appartiene all’Italia ed al mondo e per questo va salvaguardato e curato”.

Leggi anche:  “Pompei per tutti”: l’insula dei casti amanti apre con un nuovo percorso sopraelevato

Favorevolmente accolto da un pubblico caloroso e d’eccezione, “Pompeii- The new dig” è destinato a diventare un documentario di grande respiro, come afferma il Direttore del Parco, Gabriel Zuchtriegel. Né si tratta solo di questo. Molti sono infatti gli elementi da ricondurre ad un unico grande progetto di messa in sicurezza, restauro, accessibilità e novità promosso nell’area storica, grazie anche ad una proficua collaborazione con il governo.

Native

Articoli correlati