Gianni Togni, arriva l'Edizione Straordinaria
Top

Gianni Togni, arriva l'Edizione Straordinaria

‘Edizione Straordinaria’ è il titolo del nuovo album di Gianni Togni in uscita il 19 aprile nei principali digital store e in vinile, musicassetta e cd

Gianni Togni, arriva l'Edizione Straordinaria
Gianni Cipriani
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Aprile 2024 - 01.08


ATF

di Marzia Mancini

Edizione Straordinaria’ è il titolo del nuovo album di Gianni Togni in uscita il 19 aprile nei principali digital store e in vinile, musicassetta e cd. «Ascoltatelo senza pensare al mio passato». Così suggerisce l’artista per comprenderne fino in fondo il significato più autentico e lasciarsi nuovamente stupire.

Il disco, che l’artista ha realizzato in più di tre anni, è stato anticipato lo scorso mese dal singolo ‘Parole in Libertà’, definito dal cantautore un’intervista a sé stesso, altresì il risultato di una profonda analisi introspettiva  compiuta dentro di sé, scovando e trasformando in strofe le risposte che si è dato sul senso profondo del suo fare musica, un’avventura che paragona ad un’impresa in cui è difficile trovare la propria destinazione. Con la pazienza e senza mai arrendersi di rifare e sbagliare, poi alla fine c’è sempre qualcosa che ancora ti sorprende. 

Un viaggio che somiglia molto a quello della vita in cui, implicitamente incoraggia a non fermarsi davanti alle sconfitte ma a guardare il risultato d’insieme, ovvero una sinfonia di emozioni.

Leggi anche:  Dopo la direzione di “Messa Arcaica” in Duomo, il pianista Antonio Ballista è in concerto alla Triennale

Il brano, ha il sapore di un sagace anticonformismo che deve necessariamente fare i conti con continui e veloci cambiamenti in risposta ai quali il Gianni Togni non si chiude a riccio ma opta per un atteggiamento curioso che al tempo stesso non lo allontana dalla ricerca della propria strada artistica senza essere condizionato da classifiche o fallimenti: «Ogni generazione/ ha gli eroi di un minuto/camminare al contrario/ vale il sacrificio». A sostenerlo, come sempre è la passione che cura ogni suo dolore. 

«Tutte le mattine – racconta Gianni Togni – oltre a leggere i quotidiani, passo in rassegna le tante fanzine musicali che trovo su internet. Questa piccola mania aiuta a non perdere curiosità verso le tante e nuove avventure musicali. Scrivendo ‘Parole in libertà’ ho tenuto conto delle domande che mi sono fatto in questi anni rispetto al mio modo di vivere le esperienze artistiche e del perché continuo a cercare sempre nuovi arrangiamenti per vestire le melodie che creo».

In occasione del lancio del singolo, disponibile già dal 22 marzo, è stato pubblicato il videoclip creato da Federico Romanazzo, responsabile del progetto grafico.

Leggi anche:  L’immortale Bach chiude il MedRadioFest

Nel video ogni scena è concepita come un’opera pittorica, adottando un approccio grafico più che filmico. Si tratta di un’esperienza visiva che si articola come una serie di dipinti in movimento.

GIANNI TOGNI: è un’icona della musica italiana, la cui carriera si è distinta per la sua versatilità artistica e

la sua costante ricerca di innovazione. L’artista ha mosso i primi passi nel mondo della musica negli anni ‘70, esibendosi con regolarità al Folkstudio giovani durante le domeniche pomeriggio. Il suo debutto discografico avviene nel 1975 con l’uscita del suo primo album “In una simile circostanza” per la IT.

Tuttavia, è negli anni successivi che la sua carriera prende slancio, diventando supporter di spicco dei Pooh e firmando un contratto con la CGD nel 1979. L’anno successivo, nel 1980, pubblica l’album “…e in quel momento, entrando in teatro vuoto, un pomeriggio vestito di bianco, mi tolgo la giacca, accendo le luci e sul palco m’invento”, accompagnato dal singolo “Luna”. Seguono altri successi con album come “Le mie strade” nel 1981 e “Gianni Togni” nel 1983, quest’ultimo contenente il celebre singolo “Per noi innamorati”. La sua versatilità si manifesta anche nella collaborazione con altri artisti e nella composizione per colonne sonore, come il brano “Dancing” per il film “Il futuro è donna” di Marco Ferreri nel 1984. 

Leggi anche:  Un matrimonio riuscito: al MedRadioFest la musica classica incontra il nuovo tango di Piazzolla 

Negli anni successivi, continua a produrre musica di successo, pubblicando album come “Segui il tuo cuore” nel 1986 e “Di questi tempi” nel 1987. Dal 1997, si distingue per la creazione di musical come “Hollywood – ritratto di un divo”, “G & G” su Greta Garbo nel 2001-2002 e “Poveri ma belli” nel 2008 per il Sistina. 

Togni continua in seguito a sperimentare e creare la sua musica, pubblicando album come “La vita nuova” nel 2006 e “Futuro improvviso” nel 2019. Nonostante le sfide, come il rinvio del suo tour a causa della pandemia nel 2020, Togni torna nel 2022 con una serie di esibizioni live e nel 2024 con l’uscita del suo nuovo disco “Edizione straordinaria”.

Native

Articoli correlati