Roberto Cacciapaglia ricompone l’adagio di Mozart e annuncia il prossimo album di inediti
Top

Roberto Cacciapaglia ricompone l’adagio di Mozart e annuncia il prossimo album di inediti

Il brano è stato presentato in anteprima a Edimburgo

Roberto Cacciapaglia ricompone l’adagio di Mozart e annuncia il prossimo album di inediti
Roberto-Cacciapaglia - credits-Alice-Santi
Preroll

globalist Modifica articolo

6 Aprile 2024 - 01.13


ATF

di Giordano Casiraghi

Annunciando un prossimo album di inediti, il compositore milanese di tante avventure Roberto Cacciapaglia ha presentato un nuovo brano in prima mondiale in Scozia nella prestigiosa venue Qeen’s Hall di Edimburgo. Si tratta di “Incip Moz-Art K.488 Re Composed”.

Nelle parole dello stesso Cacciapaglia «L’Adagio del concerto K.488 di Mozart mi ha sempre toccato profondamente per l’apparente semplicità. Sin da bambino ascoltavo affascinato ogni nota e ogni passaggio e leggendo il libro “Complice la Notte” di Giuseppina Manin che mi ha colpito fortemente ho ritrovato quell’emozione, in particolare nella figura di Marija Judina, interprete straordinaria che incarna il volto più alto della musica. In questo lavoro ho voluto scomporre e ricomporre la forma e gli intrecci alchemici per fermare e sentire la profondità che ogni nota contiene. All’ascolto potrebbe sembrare che ci siano delle parti aggiunte, suoni elettronici o digitali, ma in realtà tutto quello che ascoltiamo deriva unicamente dall’esecuzione pianistica grazie all’utilizzo di software che espandono il potere dello strumento acustico di manifestarsi nello spazio. Ogni nota è come un rintocco per portare le note mozartiane fuori dal tempo storicizzato, nell’attimo presente».

Leggi anche:  Sicilia: un urlo corale contro la mafia


Il brano è stato registrato negli studi Glance di Milano da Giampiero Dionigi e mixato in stereo e Dolby Atmos nel Pinaxa Studio da Pino Pischetola. Il “Concerto per pianoforte e orchestra n. 23 in La maggiore K 488” di Wolfgang Amadeus Mozart fu composto per una serata pubblica delle Accademie Viennesi per la stagione di Quaresima del 1786, fu uno dei più eseguiti tra i concerti di Mozart e appartiene alle opere di maggior rilevanza dell’autore.

Native

Articoli correlati