La voce di Lucio Dalla torna sul palco dell’Ariston per un concerto tributo
Top

La voce di Lucio Dalla torna sul palco dell’Ariston per un concerto tributo

Venerdì 22 marzo, Lucio Dalla torna a "cantare" al teatro Ariston con con Pierdavide Carone in occasione di 'Lucio in orchestra'.

La voce di Lucio Dalla torna sul palco dell’Ariston per un concerto tributo
Preroll

redazione Modifica articolo

9 Marzo 2024 - 16.50 Culture


ATF

Nell’atmosfera suggestiva dell’Ariston, il leggendario Lucio Dalla tornerà “a cantare” durante un concerto tributo unico nel suo genere. Due delle sue celebri composizioni, “Caruso” e “Anna e Marco”, verranno eseguite con la voce originale registrata durante un memorabile concerto benefico organizzato da Ron nel 2010. La musica sarà sapientemente riarrangiata sulla base di quelle registrazioni, promettendo un’esperienza straordinaria per gli appassionati della sua arte.

L’ispirazione di questo straordinario evento proviene da un’idea del direttore d’orchestra Diego Basso e di Marcello Balestra, collaboratore di lunga data e amico di Lucio Dalla. Il concerto-racconto prenderà vita grazie alla fusione di racconti intimi e inediti della vita di Dalla, tratti dal prossimo libro di Balestra, “Lucio c’è”. Un’esperienza unica, in cui le emozioni del passato si intrecceranno con la potenza dell’orchestra ritmico sinfonica italiana, diretta da Basso.

Le note più iconiche di Lucio Dalla saranno reinterpretate dalle Voci di Art Voice Academy, mentre sul palco sarà presente l’eccezionale contributo di Ron, Luca Jurman e Marco Ferradini. La presenza straordinaria di Gigi D’Alessio e di Luca Carboni aggiungerà ulteriore prestigio a questo evento epocale.

Leggi anche:  L’immortale Bach chiude il MedRadioFest

“Portare Lucio Dalla sul palco dell’Ariston è un’emozione senza pari per me”, ha dichiarato emozionato Diego Basso. “Dirigere l’orchestra mentre la sua voce riempie la sala è un momento di pura magia, un’esperienza che va ben oltre il semplice spettacolo. Con questo tributo, vogliamo onorare la sua eredità musicale e celebrare il suo immenso contributo all’arte della canzone italiana”.

Native

Articoli correlati