"Pompeii Theatrum Mundi" è salvo: al via la sesta edizione
Top

"Pompeii Theatrum Mundi" è salvo: al via la sesta edizione

La rassegna teatrale del Teatro Grande di Napoli rischiava di saltare per via dei tagli della Regione. Ma grazie ai contributi del Ministero della Cultura e del Comune, si svolgerà. dal 16 giugno al 16 luglio. In programma, diversi spettacoli

"Pompeii Theatrum Mundi" è salvo: al via la  sesta edizione
Pompeii Theatrum Mundi
Preroll

redazione Modifica articolo

26 Maggio 2023 - 16.31 Culture


ATF

Una bella notizia per il mondo del teatro. Non è stato cancellato, arrivando alla sua sesta edizione, “Pompeii Theatrum Mundi”, rassegna teatrale del Teatro Grande di Napoli. A minacciarlo un taglio di fondi della Regione, colmato da un contributo speciale del MiC da 500mila euro e da uno del Comune da un milione e 400milaeuro.

“Una bella pagina. Incontrare una sollecitudine così immediata non era scontato. Grazie al sindaco Manfredi e al ministro Sangiuliano. Le cose si risolvono in nome della cultura e di un approccio che si dovrebbe sempre utilizzare” commenta a riguardo Roberto Andò, direttore artistico del Teatro Nazionale di Napoli.

La rassegna, organizzata assieme al patrocinio del Parco Archeologico di Pompei diretto da Gabriel Zuchtriegel, conterà i seguenti quattro spettacoli, tutti con inizio alle ore 21:

– “Clitennestra”, con la regia di Roberto Andò, tratto dal romanzo di Colm Toíbín, protagonista Isabella Ragonese. In programma il 16 e 17 giugno

– “Nozze di Sangue” di Federico García Lorca firmato da Lluís Pasqual, protagonista Lina Sastri, in programma il 23 e 24 giugno

Leggi anche:  Roberto Vecchioni a Narni Città Teatro

– “Medea” di Euripide, nella traduzione di Massimo Fusillo, regia di Federico Tiezzi, con Laura Marinoni. La produzione è dell’Istituto Nazionale del Dramma antico, che ha devoluto alla rassegna un contributo da 120mila euro assieme ad altri 50mila stanziati dal comune di Pompei. In programma l’1 e il 2 luglio.

– “Ulisse, l’Ultima Odissea”, da Omero con la traduzione e la regia di Giuliano Peparini e Francesco Morosi con Giuseppe Sartori. In programma il 15 e 16 luglio.

Native

Articoli correlati