Madrid si ripulisce dal fascismo: tolti i nomi di Franco e dei franchisti da vie e piazze

Si tratta di una cinquantina di targhe che nei prossimi giorni lasceranno il posto ai vecchi nomi o saranno dedicate a donne e uomini illustri, politici e istituzioni educative.

Hitler e Francisco Franco

Hitler e Francisco Franco

globalist 28 aprile 2018

Non lo dite ai fascisti italiani che vorrebbero dedicare le strade a uno come Almirante: Madrid si lascia alle spalle la macchia nera dell'era fascista di Francisco Franco: l'amministrazione municipale ha dato il via alla rimozione dei nomi di vie, piazze e strade che finora hanno celebrato il dittatore, scomparso nel 1975, e i generali che presero parte alla rivolta del 1936 contro la Seconda Repubblica spagnola e alla guerra civile, costate la vita a 500 mila persone.
Si tratta di una cinquantina di targhe che nei prossimi giorni lasceranno il posto ai vecchi nomi o saranno dedicate a donne e uomini illustri, politici e istituzioni educative. La legge che permette di rimuovere i simboli del fascismo era stata approvata nel 2007 ma non è mai stata applicata a causa dei ricorsi che l'hanno tenuta bloccata in tribunale: non tutti infatti sono a favore del lavoro di 'pulizia' storica da un passato oscuro. Qualche giorno fa un'iniziativa simile è stata presa a Berlino: questa volta a essere cancellati erano stati i riferimenti al colonialismo africano, sostituiti con i nomi dei combattenti per la liberazione. In Italia, invece, resta acceso il dibattito sulla presenza in numerose città di imponenti simboli mussoliniani.