Top

Perché il Mediterraneo è sempre più il "Mare della morte"

Sebbene il numero di rifugiati e migranti che attraversano il Mediterraneo per raggiungere l’Europa sia diminuito rispetto al 2015, le traversate stanno diventando sempre più fatali.

Perché il Mediterraneo è sempre più il "Mare della morte"
Migranti nel Mediterraneo

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

11 Giugno 2022 - 10.42


Preroll

Nel silenzio complice dei grandi mas media. Nell’inerzia criminale della comunità internazionale, il Mediterraneo è sempre più il “Mare della morte”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

La denuncia dell’Unhcr

Middle placement Mobile

Sebbene il numero di rifugiati e migranti che attraversano il Mediterraneo per raggiungere l’Europa sia diminuito rispetto al 2015, le traversate stanno diventando sempre più fatali. Questi i dati che emergono dalla Rappresentazione grafica pubblicata dall’Unhcr, Agenzia Onu per i Rifugiati.
Dopo il picco del 2015, quando più di un milione di rifugiati e migranti hanno attraversato il Mediterraneo per raggiungere l’Europa, il numero delle persone che affrontano questo tipo di traversate ha registrato una tendenza al ribasso, anche precedentemente alla pandemia di Covid-19. Nel 2021 sono stati segnalati 123.300 attraversamenti individuali, a cui precedevano 95.800 nel 2020, 123.700 nel 2019 e 141.500 nel 2018.
Nonostante la diminuzione del numero di attraversamenti, il bilancio delle vittime ha visto un forte aumento. L’anno scorso sono stati registrati circa 3.231 morti o dispersi in mare nel Mediterraneo e nell’Atlantico nord-occidentale. Nel 2020 il numero registrato corrispondeva a 1.881, 1.510 nel 2019 e oltre 2.277 nel 2018. Il numero potrebbe essere ancora più elevato con morti e dispersi lungo le rotte terrestri attraverso il deserto del Sahara e zone di confine remote.

Dynamic 1


L’Unhcr ha costantemente richiamato l’attenzione sulle terribili esperienze e sui pericoli affrontati dai rifugiati e dai migranti che intraprendono queste rotte. Molti di loro sono individui in fuga da conflitti, violenze e persecuzioni. La rappresentazione grafica dei dati si concentra in particolare sulla rotta che va dall’Est e dal Corno d’Africa al Mediterraneo centrale.
Oltre al crescente numero di morti in mare, l’Unhcr manifesta preoccupazione per le morti e gli abusi diffusi lungo le rotte terrestri, più comunemente all’interno e attraverso i Paesi di origine e di transito, tra cui Eritrea, Somalia, Gibuti, Etiopia, Sudan e Libia, dove viene segnalata la preoccupante maggioranza dei rischi e degli incidenti.


Durante il loro percorso, i rifugiati e i migranti hanno poche opzioni se non quella di affidarsi ai trafficanti per attraversare il deserto del Sahara, esponendosi a un rischio molto alto di abusi. Le rotte della morte

Dynamic 2

Dalla Libia e dalla Tunisia, sono molti i tentativi di attraversare il mare, il più delle volte verso l’Italia o Malta.
In molti casi, coloro che sopravvivono al passaggio attraverso il Sahara e tentano la traversata in mare vengono abbandonati dai trafficanti, mentre alcuni di coloro che partono dalla Libia vengono intercettati e riportati nel Paese di partenza, dove vengono successivamente detenuti. Ogni anno, migliaia di persone muoiono o scompaiono in mare senza lasciare traccia.
Invitando a intensificare le azioni per prevenire le morti e proteggere i rifugiati e i richiedenti asilo che intraprendono queste rotte, all’inizio di aprile l’Unhcrha pubblicato una strategia aggiornata concernente la protezione e le soluzioni, insieme a un appello per i finanziamenti.
L’appello chiede di aumentare l’assistenza umanitaria, il sostegno e le soluzioni per le persone che necessitano di protezione internazionale e per i sopravvissuti a gravi abusi dei diritti umani. Coinvolge circa 25 Paesi in tre regioni diverse, collegate dalle stesse rotte terrestri e marittime utilizzate da migranti, richiedenti asilo e rifugiati. Allo stesso tempo, l’Unhcr esorta gli Stati a garantire alternative sicure alle traversate pericolose e a impegnarsi a rafforzare l’azione umanitaria, di sviluppo e di pace per affrontare le sfide della protezione e delle soluzioni.
L’Unhcr, insieme ad altre agenzie Onu, ha sollecitato gli altri Stati 

ad adottare misure che garantiscano che i rifugiati e i migranti soccorsi in mare vengano fatti sbarcare in luoghi dove la loro vita e i loro diritti umani siano salvaguardati.

Dynamic 3

Salvare vite umane e prevenire morti e feriti deve rimanere una priorità collettiva degli Stati. Il diritto del mare richiede che le persone in pericolo in mare siano soccorse e assistite.

– Pur riconoscendo che lo Stato responsabile della regione di ricerca e soccorso (Sar) in cui sono state recuperate le persone soccorse è il principale responsabile di fornire un “luogo di sicurezza” o di garantire che tale “luogo di sicurezza” sia fornito, il concetto di “luogo di sicurezza” dovrebbe essere interpretato alla luce del diritto internazionale, in modo che quando i migranti e i rifugiati sono soccorsi in mare, i diritti umani internazionali, il diritto dei rifugiati e le norme di diritto penale transnazionale devono essere presi in considerazione nell’identificare e decidere dove possono essere sbarcati1.

Dynamic 4

– L’impegno proattivo di tutti gli Stati è fondamentale per creare condizioni che possano garantire il rispetto dei principi dei diritti umani, tra cui l’accesso alle procedure pertinenti, il divieto di respingimento e la prevenzione di danni gravi o altri rischi, per assicurare che le persone soccorse in mare, anche in alto mare, siano sbarcate rapidamente in un luogo sicuro e ricevano un trattamento sicuro e umano, indipendentemente dal loro status giuridico e in linea con il diritto del mare e altri obblighi di diritto internazionale.

In quest’ottica, le organizzazioni citate di seguito:

Dynamic 5

-Incoraggiare gli Stati a considerare la necessità di sviluppare ulteriormente, in linea con il diritto internazionale, l’obbligo di consegnare le persone recuperate in mare a un luogo di sicurezza, come elaborato nelle Linee guida contenute nella risoluzione Msc 167(78).

– Incoraggiare gli Stati a intensificare gli sforzi per rafforzare la cooperazione internazionale e multilaterale per smantellare le reti criminali organizzate che facilitano la migrazione irregolare.

– Invitare gli Stati a indagare e perseguire efficacemente gli abusi commessi contro i migranti di passaggio, anche nei Paesi di transito e di destinazione, perseguendo i reati relativi alle forme aggravate di contrabbando.

– Invitare tutti gli Stati, compresi tutti gli Stati costieri, a creare le condizioni per il rispetto dei diritti umani delle persone soccorse in mare sul loro territorio, compresa, tra l’altro, la libertà da persecuzioni, torture, trattamenti crudeli, disumani o degradanti, detenzioni arbitrarie, traffico di esseri umani, violenza e sfruttamento sessuale, schiavitù, estorsione, lavoro forzato, arruolamento forzato e altri maltrattamenti, proteggendo al contempo i diritti e l’interesse superiore dei bambini, compresi i minori non accompagnati, e garantendo l’accesso ai diritti economici, sociali e culturali, tra cui salute, alloggio, cibo, acqua e lavoro dignitoso; in linea con i loro obblighi di diritto internazionale;

– Invitare gli Stati che hanno istituito una regione Sar ai sensi della Convenzione Sar a garantire il rispetto del diritto del mare, del diritto internazionale dei rifugiati e dei diritti umani e delle norme di diritto penale transnazionale nell’individuare un luogo di sicurezza per lo sbarco delle persone soccorse in mare;

– Incoraggiare gli Stati a prestare particolare attenzione al recupero dei cadaveri e agli sforzi volti a determinarne l’identità, a fornire alle famiglie informazioni sulla loro sorte e sul luogo in cui si trovano e a impedire che diventino persone scomparse;

– Incoraggiare gli Stati a prendere misure per prevenire la separazione delle famiglie durante le operazioni di salvataggio in mare e le procedure di sbarco, in linea con il diritto internazionale dei diritti umani;

– Incoraggiare gli Stati a garantire la rapida identificazione di tutte le persone in situazioni di vulnerabilità, in particolare i bambini, e ad adottare misure sensibili ai minori.

procedure di sbarco, compresa la valutazione dell’interesse superiore del minore e la fornitura di un’adeguata assistenza e accoglienza non detentiva. Per i bambini non accompagnati, la priorità deve essere l’avvio immediato del rintracciamento della famiglia e il ricongiungimento con la stessa. Dovrebbero essere fornite loro cure alternative sicure e temporanee e protezione mentre il rintracciamento della famiglia è in corso, preferibilmente presso una famiglia allargata o in un contesto familiare.

– Invitare gli Stati a lavorare insieme, guidati dallo spirito di condivisione delle responsabilità e di solidarietà, per garantire che si possano trovare soluzioni a lungo termine coerenti con il diritto internazionale per i rifugiati e i migranti salvati dopo lo sbarco.

– Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

– Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

– Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani

– Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine

– Fondo di emergenza per l’infanzia delle Nazioni Unite

– Relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti dei migranti

A questo documento se ne aggiunge un altro, sempre nel periodo aprile-maggio 2022.

L’anno scorso più di 3.000 persone sono morte o disperse nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale e occidentale e l’Atlantico per raggiungere l’Europa. È quanto emerge da un nuovo rapporto pubblicato dall’Unhcr,  che chiede un sostegno urgente per prevenire le morti e proteggere i rifugiati e i richiedenti asilo che intraprendono pericolosi viaggi via terra e via mare.

Sul totale di 2021, 1.924 persone sono state segnalate come morte o disperse sulle rotte del Mediterraneo centrale e occidentale, mentre altre 1.153 sono morte o disperse sulla rotta marittima dell’Africa nord-occidentale verso le Isole Canarie. Il numero di morti e dispersi riportato nel 2020 è stato di 1.776 per le tre rotte. Dall’inizio dell’anno, inoltre, altre 478 persone sono morte o scomparse in mare.

La maggior parte delle traversate in mare è avvenuta a bordo di gommoni stracolmi e non adatti alla navigazione, molti dei quali si sono rovesciati o sgonfiati causando la perdita di vite umane. Il viaggio in mare dagli Stati costieri dell’Africa occidentale, come il Senegal e la Mauritania, alle Isole Canarie è lungo e pericoloso e può durare fino a 10 giorni. Molte imbarcazioni sono andate alla deriva o sono scomparse senza lasciare traccia in queste acque.

Anche le rotte terrestri continuano a essere altamente pericolose, dove un numero ancora maggiore di persone potrebbe essere morto durante i viaggi attraverso il deserto del Sahara e le remote zone di confine, nei centri di detenzione o durante la prigionia di contrabbandieri o trafficanti. Tra la litania degli abusi denunciati dalle persone che percorrono queste rotte ci sono: esecuzioni extragiudiziali, detenzioni illegali e arbitrarie, violenza sessuale e di genere, lavoro forzato, schiavitù, matrimoni forzati e altre gravi violazioni dei diritti umani.

La pandemia Covid-19 e le relative chiusure delle frontiere, che sono continuate nel 2021, hanno avuto un impatto anche sui movimenti verso il Nord Africa e i Paesi costieri europei, con molti rifugiati e migranti disperati che si sono rivolti ai contrabbandieri per facilitare questi viaggi pericolosi.

L’Unhcr avverte che il perdurare dell’instabilità politica e dei conflitti, il deterioramento delle condizioni socioeconomiche e l’impatto dei cambiamenti climatici potrebbero aumentare gli spostamenti e i pericolosi movimenti successivi.

Lanciando una strategia aggiornata di protezione e soluzioni per i rifugiati in viaggio pericoloso lungo le rotte verso l’Europa attraverso il Mediterraneo centrale e occidentale e l’Atlantico, l’Unhcr chiede 163,5 milioni di dollari per assistere e proteggere migliaia di rifugiati e altre persone.  

L’Unhcr chiede un sostegno per contribuire a fornire alternative significative a questi viaggi pericolosi ed evitare che le persone diventino vittime dei trafficanti. L’approccio chiede di aumentare l’assistenza umanitaria, il sostegno e le soluzioni per le persone che necessitano di protezione internazionale e per i sopravvissuti a gravi abusi dei diritti umani. 

L’appello riguarda circa 25 Paesi in quattro regioni diverse, collegate dalle stesse rotte terrestri e marittime utilizzate da migranti, richiedenti asilo e rifugiati.  Si tratta di Paesi di origine, di partenza, di primo asilo, di transito e di destinazione.

Allo stesso tempo, l’Unhcr esorta gli Stati a impegnarsi a rafforzare le azioni umanitarie, di sviluppo e di pace per affrontare le sfide della protezione e delle soluzioni.

L’Unhcr chiede inoltre agli Stati delle regioni – sia in Africa che in Europa – di migliorare i quadri giuridici e le capacità operative alle frontiere terrestri e marittime e nei centri urbani, e di garantire alternative credibili ai viaggi pericolosi attraverso l’inclusione, il rafforzamento della programmazione giovanile e lo sviluppo delle comunità locali.

Gli Stati devono garantire un accesso umanitario senza ostacoli per la fornitura di servizi essenziali alle persone in movimento o bloccate lungo la rotta, intercettate in mare o detenute nei centri di detenzione, e per determinare se hanno bisogno di protezione internazionale.

In caso contrario, i rifugiati, i richiedenti asilo, gli sfollati interni e altri continueranno a spostarsi in viaggi pericolosi alla ricerca di sicurezza e protezione. Altre persone, tra cui i migranti, si sposteranno per cercare una vita migliore, sperando di trovare opportunità di lavoro o di istruzione altrove, in assenza di sufficienti percorsi legali stagionali o a lungo termine per una migrazione sicura e ordinata.

Grafici, testimonianze, richieste, appelli. Tutti affondati nel “Mare della morte”. E le responsabilità sono note. Ma nessuno è chiamato a darne conto. Quando una Norimberga del Mediterraneo?

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile