Droni, battaglie navali, cyberattacchi: tra Israele e Iran è di nuovo tempesta

Il ministro della difesa israeliano Gantz ha convocato una consultazione con il Capo di stato maggiore dopo l’attacco alla petroliera israeliana Mercer Streetl, lanciato mentre navigava di fronte all’Oman

La petroliera israeliana Mercer Streetl

La petroliera israeliana Mercer Streetl

Umberto De Giovannangeli 1 agosto 2021

Israele-Iran, i venti di guerra tornano a spirare. In mare.

Il ministro della difesa israeliano Benny Gantz ha convocato una consultazione con il Capo di stato maggiore Aviv Kochavi, e con altri responsabili di sicurezza, in seguito all’attacco alla petroliera israeliana Mercer Streetl, lanciato mentre navigava di fronte all’Oman. Lo ha riferito la televisione commerciale Canale 12.

Israele accusa l’Iran

Israele non ha dubbi che l’attacco - condotto in apparenza con drone esplosivo - sia stato organizzato dall’Iran. Secondo i media locali, la tv iraniana in lingua araba al-Alam ha riferito che l’attacco alla petroliera è stato ordinato in ritorsione per un recente attacco israeliano in Siria. Una fonte ufficiale israeliana, citata dai media, ha commentato: «Con tutta probabilità dovremo reagire. La questione è adesso dove e quando».

Durante l’attacco alla petroliera sono stati uccisi due membri dell’equipaggio, un cittadino britannico e uno della Romania. Lo riporta la Bbc, ricordando che il ministro degli Esteri israeliano, Yair Lapid, ha puntato il dito contro «il terrorismo iraniano». «L’Iran non è solo un problema israeliano», ha dichiarato Lapid, aggiungendo che «il mondo non deve stare in silenzio». 

Il ministero degli Esteri iraniano ha respinto le "accuse infondate" d’Israele.  "Il regime sionista.deve fermare queste accuse infondate, e non è la prima volta che rivolgono tali accuse all'Iran", ha detto ai giornalisti il portavoce del ministero, Saeed Khatibzadeh, durante una conferenza stampa trasmessa in tv.   Intanto gli Stati Uniti hanno accettato di partecipare a un'inchiesta sull'attacco alla petroliera, ha reso noto il dipartimento di Stato Usa. Il segretario di Stato Antony Blinken e il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid hanno concordato di "lavorare con il Regno Unito, la Romania e altri partner internazionali per indagare sui fatti e valutare appropriati prossimi passi", ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato americano, Ned Price, in un comunicato. 

Pericolosa escalation

Di grande interesse è l’analisi di Amos Harel, tra i più autorevoli analisti di geopolitica israeliani.

 

“Il confronto tra Israele e l'Iran  - rimarca su Haaretz Harel - si sta scaldando, e si svolge in vari gradi in tutto il Medio Oriente. Poiché l'escalation è lenta e graduale, alcuni di essi stanno accadendo lontano dai confini di Israele, e sembra che l'opinione pubblica sia molto poco preoccupata da questi eventi. Ci sono ora problemi più urgenti, dalla diffusione del coronavirus ai tentativi di stabilizzare la coalizione di governo. Ma se l'escalation con l'Iran continua, potrebbe gettare un'ombra sul resto dell'estate e prendere una priorità maggiore nell'agenda della difesa di Israele. Le cose sono arrivate a un culmine temporaneo venerdì con un insolito attacco di droni contro una nave indirettamente legata a Israele. Secondo i rapporti, al largo della costa dell'Oman, droni suicidi di fabbricazione iraniana hanno attaccato una petroliera chiamata Mercer Street, una nave gestita da una società di proprietà dell'uomo d'affari israeliano Eyal Ofer. Due membri dell'equipaggio sono stati uccisi, cittadini della Gran Bretagna e della Romania; i droni hanno colpito gli alloggi della nave sotto il ponte. Questo segue quattro attacchi negli ultimi mesi su navi in parte di proprietà di israeliani; i feriti sono stati relativamente leggeri. I siti di notizie iraniani hanno riferito che l'attacco di venerdì era una risposta iraniana a un attacco aereo israeliano più di una settimana prima vicino alla città di Homs, nella Siria centrale. Si ritiene che un alto operativo della Forza Quds delle Guardie Rivoluzionarie sia stato ucciso in quell'attacco, così come un membro di Hezbollah .Le notizie dell'attacco di venerdì hanno imbarazzato Israele; quel pomeriggio, il primo ministro Naftali Bennett ha incontrato il ministro della Difesa Benny Gantz e il capo militare, Aviv Kochavi. Bennett crede che gli iraniani stiano mettendo alla prova Israele. Quando serviva come ministro della difesa sotto Benjamin Netanyahu, e quando era all'opposizione, Bennett ha avuto un approccio combattivo con l'Iran, predicando misure dure per danneggiare gli interessi iraniani ogni volta che Teheran era indirettamente collegata a un attacco contro Israele. Sosteneva che Israele doveva mirare alla testa della piovra, l'Iran, piuttosto che alle sue braccia (Hezbollah, il gruppo palestinese Jihad islamica e, in misura minore, Hamas). Questo approccio può ora dettare una reazione israeliana relativamente dura. Israele può desiderare di dare un colpo clamoroso; questo è lo spirito dei commenti di fonti politiche a Gerusalemme. Questo colpo avrà lo scopo di porre fine alle cose senza un tit-per-tat che potrebbe aggravarsi. Ma come al solito, gli eventi dipendono anche dall'altra parte. L'Iran è nel mezzo dei negoziati per riportare gli Stati Uniti nell'accordo nucleare, ma sullo sfondo c'è il giuramento di questa settimana del suo nuovo presidente, Ebrahim Raisi. Teheran ha anche interesse a proiettare il potere nella regione, e vuole proteggere i suoi interessi. E c'è un'altra questione. Il ping-pong marittimo riflette una tendenza recente. A marzo, il Wall Street Journal e poi Haaretz hanno indicato un nuovo approccio israeliano all'Iran. Negli ultimi due anni, ha riferito il Journal, la marina israeliana ha danneggiato decine di petroliere di proprietà iraniana che trasportavano petrolio in Siria, sventando miliardi di dollari di entrate per Hezbollah. Ad aprile, una nave di comando iraniana ha colpito delle mine al largo delle coste dello Yemen. Gradualmente è diventato chiaro che i pochi attacchi riportati in tempo reale erano la punta dell'iceberg delle operazioni israeliane. Già a marzo, il professor Shaul Chorev e Benny Spanier del Centro di ricerca sulla politica e la strategia marittima dell'Università di Haifa avevano messo in guardia sulle possibili implicazioni della nuova strategia israeliana. Chorev, un generale di brigata riservista che dirige il centro, una volta era vice comandante della marina e capo della Commissione Israeliana per l'Energia Atomica.

I due dicono che la marina ha ottenuto grandi risultati, ma in termini di conseguenze strategiche, il bilancio potrebbe non essere positivo. Dicono che siccome abbiamo visto solo la punta dell'iceberg, dovremmo porci due domande sull'iceberg stesso.

La prima: In che misura queste operazioni contribuiscono alla battaglia di Israele contro le aspirazioni nucleari dell'Iran? Secondo: I politici che hanno approvato queste missioni hanno tenuto conto delle possibili reazioni iraniane in mare? Chorev e Spanier notano che questa è una sfera in cui Israele dipende dal suo commercio estero. Gli attacchi marittimi attribuiti a Israele hanno effettivamente ampliato la guerra tra la guerra in cui l'Iran e i suoi satelliti sono stati colpiti in attacchi aerei israeliani in Siria, e secondo alcuni rapporti, anche in Libano e in Iraq. Questi non hanno cambiato la situazione nel contesto nucleare e non hanno fermato l'Iran nella sua marcia per accumulare grandi quantità di uranio arricchito.

D'altra parte, l'Iran ha cambiato la sua politica di risposta in mare. Gli ultimi attacchi sono avvenuti vicino al Golfo Persico e hanno colpito Israele solo indirettamente, coinvolgendo navi con complicati accordi di proprietà senza membri dell'equipaggio israeliano. Ma mostrano che il traffico marittimo israeliano è vulnerabile a ulteriori attacchi. La marina non ha modo di mettere in sicurezza ogni nave di proprietà di israeliani, o ogni nave diretta verso Israele. Come notano Chorev e Spanier, la maggioranza assoluta del commercio israeliano avviene via mare.

L'angolo politico

I funzionari della difesa israeliana sostengono, tuttavia, che la scelta degli obiettivi marittimi è legata più alle costrizioni iraniane che alla consegna di un messaggio a Israele. L'Iran ha subito colpi di vario tipo negli ultimi due anni, alcuni dei quali attribuiti a Israele, altri agli Stati Uniti. Tra questi, l'assassinio di due alti ufficiali, il generale Qassem Soleimani e lo scienziato nucleare Mohsen Fakhrizadeh, e due esplosioni all'impianto nucleare di Natanz. L'Iran ha tentato diverse risposte militari che non sono andate bene. Questa volta, è stato scelto un obiettivo relativamente vicino a casa. I droni sono ovviamente decollati dall'Iran e sono stati gestiti dalle forze aeree delle Guardie Rivoluzionarie. L'Iran ha così rinunciato all'opzione della negabilità plausibile. Insieme a una possibile reazione militare israeliana, molto sta accadendo nell'arena diplomatica. Israele cercherà di sfruttare il fatto che l'attacco iraniano ha colpito aziende e cittadini di altri paesi, tra cui Giappone, Gran Bretagna e Romania. Ha preso di mira un obiettivo puramente civile, anche se gli iraniani sapevano che le possibilità che gli israeliani fossero a bordo erano minuscole. Durante il fine settimana, si sono tenuti colloqui con il Dipartimento di Stato e il Pentagono, così come con i paesi europei, nel tentativo di far condannare questo attacco al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Israele sottolineerà la responsabilità delle Guardie Rivoluzionarie. Gli Stati Uniti hanno dichiarato le guardie un'organizzazione terroristica, e l'Iran chiede che questo sia annullato come parte dei negoziati per un nuovo accordo nucleare. L'ultimo incidente, con i suoi rischi di escalation, ha avuto luogo sullo sfondo di una pausa nei negoziati sul nucleare. Il presidente eletto Raisi, che è descritto come un falco molto duro, dovrebbe cambiare la squadra dei negoziatori iraniani. Israele si sta preparando alla possibilità che i negoziati si blocchino, il che potrebbe rappresentare un'opportunità per convincere l'amministrazione Biden a intensificare le sanzioni all'Iran, in contrasto con le sue intenzioni iniziali. L'attrito tra Israele e l'Iran si sta verificando anche su un altro livello. Ulteriori tentativi di cyberattacchi contro Israele sono stati notati di recente. Il mese scorso ci sono stati rapporti di un cyberattacco che ha fortemente interrotto il traffico ferroviario in Iran”, conclude Harel.

Droni, battaglie navali, cyberattacchi. Tra Israele e Iran è di nuovo tempesta.