Palestina: fratelli uccidono fratelli. In memoria di Nizar Banat, eroe non violento

Hanno ucciso un combattente per la libertà. Un attivista per i diritti umani: Nizar Banat. A darne conto è Luisa Morgantini, Luisa Morgantini, già Vice Presidente del Parlamento Europeo, a nome di AssoPacePalestina.

Palestinesi  ricordano la morte di Nizar Banat

Palestinesi ricordano la morte di Nizar Banat

Umberto De Giovannangeli 28 giugno 2021

Hanno ucciso un combattente per la libertà. Un attivista per i diritti umani: Nizar Banat. A darne conto è Luisa Morgantini, Luisa Morgantini, già Vice Presidente del Parlamento Europeo, a nome di AssoPacePalestina.

Chi scrive conosce Luisa da una vita e sa di un impegno mai venuto meno a fianco della lotta di liberazione del popolo palestinese. Le “Donne in nero”, il sostegno alle azioni di resistenza non violenta alla colonizzazione israeliana, l’impegno per la campagna di boicottaggio dei prodotti delle colonie israeliane. Luisa è tutto questo. Ma è anche una persona che non ha mai celato critiche nei confronti di una leadership palestinese sempre uguale a se stessa, incapace di fare i conti con i suoi fallimenti e a lasciare il campo a una nuova classe dirigente. Per questo la sua testimonianza ha uno straordinario valore, che va al di là di sigle e di appartenenze.

Un dolore ed una ferita profonda per tutto il popolo palestinese, l’assassinio da parte delle Forze di Sicurezza Palestinese, di Nizar Banat, militante e attivista indomito per la libertà del Villaggio di Dura – rimarca Morgantini -. Un dolore ed una ferita profonda per tutti noi e per me che conoscevo Nizar da molti anni, sono stata ospite della sua famiglia, nel suo villaggio ed abbiamo, varie volte manifestato insieme ad Hebron nella campagna Open Shuhada Street.

 AssoPacePalestina porge alla famiglia di Nizar e ai palestinesi tutti le più sentite condoglianze, con l’impegno di continuare ad esigere con Nizar il rinnovamento, la trasparenza, la democrazia e la partecipazione popolare per liberarsi dall’occupazione, dalla colonizzazione e dall’apartheid israeliana.

                                                                 Ci auguriamo. che la sollevazione popolare e l’indignazione contro questo crimine possa portare ad un cambiamento dei metodi usati dalle Forze di Sicurezza Preventive e del Mukhabarat Palestinese, non è possibile che per un “reato d’opinione” si faccia incursione nelle case nelle prime ore del mattino, si facciano saltare porte con ordigni, si terrorizzi la famiglia e si uccida di botte una persona. Certo  succede   anche in Italia che si muoia durante gli interrogatori o gli arresti fatti dalla polizia, quest’anno in Italia, ricorderemo i 20 anni dal massacro di Genova compiuto dalla nostra polizia contro inermi manifestanti.                         

Ci auguriamo che l’ Anp, il Presidente, il primo Ministro e il Capo del General Intelligence Service (GIS) si assumano la responsabilità di questo tragico evento, cessando ogni tipo di intimidazione e repressione verso chi esprime critiche alla leadership palestinese o manifesta pacificamente subendo gli attacchi e gli arresti , non solo dei servizi di sicurezza in divisa, ma anche da individui in abiti civili. 

Per onore della franchezza, dobbiamo dire che ci stupisce che Hamas si faccia paladino della libertà nella Cisgiordania, visto che a Gaza dove ha preso il potere, pratica la pena di morte ed in questi anni ha ucciso e incarcerato molti militanti e attivisti. 

Fratelli che uccidono fratelli.

Ci auguriamo, ed abbiamo la speranza, che il popolo palestinese sappia trovare l’unità, non perdendosi in reciproci discrediti o accuse, non cercando in Fatah il facile capro espiatorio ma mettendo in discussione tutta la rappresentanza dei partiti e perché no anche dei movimenti, ed invece di delegare la ricerca dell’unità solo alle vecchie rappresentanze formi una commissione di riconciliazione che possa trovare una mediazione e soluzione alle divisioni cosi profonde che indeboliscono tutti i palestinesi, nei territori occupati, in Israele e nella diaspora. 

Confidiamo anche in nuove elezioni nelle quali la popolazione palestinese possa liberamente scegliere le proprie rappresentanze capaci di essere il rinnovamento necessario per la costruzione di un paese che sappia riconciliarsi e raggiungere la libertà.

Noi di AssoPacePalestina ci sentiamo responsabili, in quanto italiani ed europei, della iniquità della politica del nostro governo e dell’Unione Europea, che permette ad Israele di essere totalmente impunita per le violazioni continue dei diritti del popolo palestinese. Per questo, continueremo, insieme a tutti quelli che hanno amore per un mondo giusto ed umano ad agire per la  libertà e autodeterminazione del popolo palestinese”.

La rabbia e la rivolta

La rabbia si è trasformata in rivolta. Una rivolta contro “il regime”. Globalist ha documentato con analisi, interviste, reportage sul campo, il malessere montante contro l’Autorità nazionale palestinese (Anp) del presidente Mahmoud Abbas. Una rivolta politica e generazionale che investe una gerontocrazia disposta a tutto pur di mantenersi al potere. Disposta a rinviare sine die le elezioni. A frapporre mille ostacoli, e altrettante intimidazioni, a quanti, fuori dalle vecchie logiche di fazione, intendono partecipare con liste della società civile alla competizione elettorale. Una nomenclatura che reprime con la forza le proteste popolari, che arresta e uccide, come testimonia la morte di Nizar Barat.

 

A raccontare questa rivolta repressa con la forza è la giornalista israeliana che meglio conosce la realtà palestinese: Amira Hass. 

“Un gruppo di uomini vestiti in abiti civili  - scrive Hass su Haaretz - è apparso improvvisamente dal nulla e ha iniziato a caricare i manifestanti che marciavano lungo Radio Street nel centro di Ramallah e cantavano: "Il popolo vuole abbattere il regime" e "Disgrazia e vergogna - la P sta uccidendo i rivoluzionari". Le loro proteste riguardavano l'attivista politico Nizar Banat, che è stato picchiato a morte dopo il suo arresto da parte del personale di sicurezza palestinese giovedì scorso. Molti degli uomini che hanno caricato i manifestanti tenevano dei manganelli e uno aveva un'asse in mano. Erano membri delle forze di sicurezza palestinesi senza uniforme, o membri di Fatah, o entrambi. È lo stesso modus operandi che il mondo ha visto durante le proteste contro Hosni Mubarak in Egitto 10 anni fa: Personale della sicurezza che dà l'aspetto di teppisti viene inviato per reprimere le proteste. Un annuncio di Fatah poche ore dopo, e le osservazioni fatte da alti funzionari alla radio ufficiale Voice of Palestine, hanno elaborato: Gli aggressori sono stati inviati per dimostrare che le forze di sicurezza palestinesi non sono sole ad opporsi a coloro che calunniano il governo. L'efficiente repressione delle proteste di sabato sera dimostra che le forze di sicurezza hanno coordinato i loro sforzi e si sono divise i compiti. I palestinesi si lamentano sempre della mancanza di pianificazione o di una pianificazione difettosa quando l'AP è impegnata in progetti civili o nell'opposizione all'occupazione israeliana. Ma qui le istituzioni dell'AP hanno dimostrato la loro capacità di pensare a tutto in anticipo. Hanno disperso i manifestanti con violenza, attaccato i giornalisti, sequestrato i cellulari dei manifestanti e preso il controllo di piazza Al-Manara mentre producevano una manifestazione a sostegno del presidente dell'AP Mahmoud Abbas.

Facendo tutto questo, Fatah ha inviato un messaggio preciso a chiunque non lo sapesse già: Fatah e le forze di sicurezza dell'AP sono due facce della stessa medaglia. Le forze di sicurezza e l'AP sono unite. Solo loro rappresentano la lotta palestinese. Sono la lotta palestinese e la lotta palestinese è loro. Chiunque cerchi di danneggiarle, danneggia la lotta e la nazione.

La dimostrazione di forza indica che sono nel panico? L'Unione Europea ha espresso shock per l'assassinio di Banat e ha subito annunciato che non finanzia le forze di sicurezza palestinesi, tranne la polizia. Altri attivisti palestinesi hanno chiesto negli ultimi giorni ai paesi che sostengono l'AP di smettere di darle denaro.

Questo ha preoccupato così tanto il movimento Fatah o l'AP che hanno fatto ricorso ad atti di intimidazione, confermando così quello che dicono i critici - che il regime è autoritario e distaccato dal popolo? O forse è l'esatto contrario? Forse si sono permessi di agire in questo modo perché credevano che il sostegno mondiale per loro fosse garantito? Perché loro, in virtù del rapporto speciale che hanno costruito con l'autorità di occupazione israeliana, forniscono una certa stabilità, lasciando la lotta contro l'occupazione ostacolata - limitata a proteste decentralizzate e non pianificate mentre Israele continua ad appropriarsi della maggior parte delle terre della West Bank e a distruggere la presenza palestinese contigua a Gerusalemme Est. I paesi dell'Occidente, che non osano prendere provvedimenti contro Israele per aver violato il diritto internazionale e le risoluzioni delle Nazioni Unite, apprezzano la stabilità e il governo palestinese che la assicura.

La tattica della repressione violenta è stata scelta per paura che le proteste si espandessero? O forse per la consapevolezza che la maggior parte dell'opinione pubblica palestinese - indipendentemente dalla sua avversione per l'AP - teme di minare la stabilità che esiste all'interno delle enclavi palestinesi e non si unirà alle proteste in gran numero? L'universo alternativo che il portavoce di Fatah ha creato nelle sue dichiarazioni pubbliche si presenta così: Si è verificato un incidente e Banat è stato ucciso. Condividiamo il dolore della famiglia. È stata istituita una commissione governativa d'inchiesta, che accogliamo con favore. Ma elementi sospetti, mercenari che vogliono incitare all'odio e alla lotta, tra cui Hamas a Gaza, approfittano dell'incidente per fomentare la violenza e spargere veleno contro l'apparato di sicurezza palestinese, che protegge il nostro popolo, i suoi diritti e la sua causa. Il movimento Fatah nel suo annuncio ufficiale ha detto che colpirà con il pugno di ferro chiunque osi diffamare il personale delle istituzioni di sicurezza dell'AP.

Nel mondo reale, circa 100-150 persone, la maggior parte delle quali giovani, hanno marciato lì sabato sera. Si erano appena separati da un gruppo più grande, ma ancora non molto numeroso - diverse centinaia di persone che protestavano per la morte di Banat, che si erano riunite circa un'ora prima in piazza Al-Manara. Non ci sono stati discorsi. Pochi poliziotti sono stati visti lì. Le auto hanno continuato a circolare nella piazza; solo una strada era bloccata. Alcuni dei manifestanti hanno portato i loro bambini piccoli e li hanno portati sulle spalle o in braccio: un chiaro segno che credevano che l'AP avrebbe esercitato la moderazione. La maggior parte dei manifestanti erano affiliati a organizzazioni di sinistra - membri o sostenitori attuali o passati. Qualcuno ha detto che anche i sostenitori di Marwan Barghouti sono stati visti tra i manifestanti. Se c'erano sostenitori di Hamas o della Jihad islamica, non erano riconosciuti o evidenti. Qualcuno ha gridato ‘Allahu akbar’, ma nessuno si è unito all'appello. ‘Questo è un segno persuasivo che la maggioranza [dei manifestanti] è di sinistra’,  ha osservato qualcuno. E a sinistra come a sinistra: è sorto un dibattito se marciare a nord verso il palazzo presidenziale (la Muqata), o accontentarsi di marciare nelle strade intorno alla piazza.

Il piccolo gruppo che aveva scelto di marciare verso la Muqata ha gridato slogan, nominando Abbas come "collaboratore" e chiedendo le sue dimissioni. I manifestanti hanno invitato i passanti a lasciare i marciapiedi e ad unirsi a loro. I passanti li hanno guardati con curiosità ma non hanno accettato l'offerta. I manifestanti hanno continuato verso la Muqata. Non si era ancora visto nessun poliziotto. Questo era strano. E poi, improvvisamente, sono scesi i teppisti. Hanno cominciato a lanciare bottiglie d'acqua vuote e altri oggetti contro i manifestanti, che erano ancora a 20-30 metri da loro. Gli hooligan hanno urlato cose che non erano chiare. È incredibile vedere come le urla possano creare scompiglio e confusione. Altri uomini in abiti civili sono corsi giù dalle strade adiacenti verso i manifestanti e indietro, urlando. I negozianti hanno abbassato le loro serrande di metallo. I passanti cercavano posti per ripararsi.

Poi gli uomini in abiti civili hanno iniziato a lanciare pietre contro i manifestanti. Ricordate, questa era una strada asfaltata nel centro di Ramallah. Non ci sono pietre a portata di mano sul terreno. Da dove mi trovavo non ho potuto vedere se i manifestanti hanno tirato pietre ai loro aggressori, come uno dei rapporti ha affermato. Ma certamente ho visto che i primi a lanciare pietre sono stati i Baltagiya.

Una batteria di poliziotti con la faccia severa è stata scoperta più avanti nella strada. Non si sono mossi. Si sentivano suoni di esplosioni - granate stordenti e lacrimogene. Apparentemente sono state lanciate dai poliziotti che erano vicini a piazza Al-Manara. Il gas lacrimogeno ha iniziato a bruciare. Di tanto in tanto i teppisti colpivano qualcuno con le loro mazze, o saltavano su qualcuno e lo trascinavano verso i poliziotti, mentre lo colpivano sulla schiena. Sembrava che alcune delle persone attaccate fossero passanti non coinvolti. Giovani donne, rifugiate dalla manifestazione, hanno urlato contro i teppisti. Si è scoperto che gli aggressori avevano strappato i loro cellulari, con i quali stavano filmando. "Se vi state comportando correttamente, perché dovreste preoccuparvi che le vostre foto vengano pubblicate?", hanno chiesto. Domenica pomeriggio un giudice del tribunale magistrale ha rilasciato 10 dei 14 manifestanti che erano stati arrestati, senza imporre alcuna restrizione.

Non sembra esserci una tensione insolita a Ramallah. Il Partito del Popolo si è ritirato dal governo per protestare contro la sua condotta. Ma sembra che l'AP si sia permessa qualche repressione violenta, perché sa che l'incertezza su cosa accadrebbe se crollasse spaventa l'opinione pubblica. Perché è certo che gli europei, l'America e l'opinione pubblica palestinese non possono fare a meno dei suoi servizi e del briciolo di stabilità che fornisce attraverso la sua cooperazione civile e di sicurezza con Israele”.

Così Amira Hass. La libertà non s’imprigiona. La resistenza non si arrende. Né a Israele né agli squadristi dell’Anp.