Bennett preoccupato dall'elezione di Raisi in Iran: "Campanello d'allarme per il mondo"

Il premier israeliano: "La suprema guida ayatollah Ali Khamenei che ha permesso la sua nomina, non la gente. Hanno eletto il carnefice di Teheran"

Bennett, premier israeliano

Bennett, premier israeliano

globalist 20 giugno 2021

L’ultraconservatore e guerrafondaio Ebrahim Raisi è il nuovo presidente dell’Iran: una notizia che fa scontenti molti

Naftali Bennett, neo premier israeliano ha commentato con disappunto i risultati del voto.

“L'elezione di Ebrahim Raisi alla presidenza dell'Iran è un campanello di allarme per il mondo intero. Per quelli che hanno dubbi, non è stata la gente a eleggerlo ma - ha aggiunto - la suprema guida ayatollah Ali Khamenei che ha permesso la sua nomina. Hanno eletto il carnefice di Teheran".

A giudizio di Bennett questa potrebbe essere l'ultima occasione per l'Occidente per "capire con chi ha a che fare" prima di ritornare "all'accordo sul nucleare".

"Un regime di carnefici non può avere - ha concluso -armi di distruzione di massa".