Hamas tifa per Naftali Bennett: il "Nemico" di comodo

Undici giorni di guerra nella Striscia di Gaza da parte d’Israele questo ha prodotto sul piano politico: il rafforzamento del movimento islamista

Yahya Sinwar

Yahya Sinwar

Umberto De Giovannangeli 5 giugno 2021

Quella foto di lui sorridente con le dita alla “Churchill”, con il v di vittoria. La folla che lo acclama.  Che acclama Yahya Sinwar, il capo politico di Hamas. 

Undici giorni di guerra nella Striscia di Gaza da parte d’Israele questo ha prodotto sul piano politico: il rafforzamento di Hamas,

A darne conto è uno degli analisti di punta di Haaretz, Amos Harel

Hamas rafforzato

“Ce ne siamo quasi dimenticati – scrive Harel sul giornale progressista di Tel Aviv -  ma fino a due settimane fa infuriava una piccola guerra con Hamas nella striscia di Gaza. Il fatto che il cessate il fuoco sia entrato in vigore immediatamente ha contribuito a spingere rapidamente Gaza fuori dall'agenda israeliana. L'Idf, che ora sta imparando le lezioni del conflitto, riassume l'operazione come un successo e si sforza di presentarla come tale al pubblico. Ma a questo proposito può imparare da Hamas. Il leader dell'organizzazione, Yahya Sinwar, è stato fotografato dopo l'operazione mentre sedeva, sorridendo, su una poltrona nel suo ufficio distrutto, bombardato dall'aviazione. Il messaggio era forte e chiaro: finché siamo in piedi (o seduti, a seconda dei casi) non ci avete sconfitto. Il consulente dei media che ha concepito e diretto quel servizio fotografico merita un premio da Hamas.

Le conversazioni con gli ufficiali dell'Idf dopo la conclusione dell'operazione rendono chiaro che stanno avendo difficoltà a cogliere la disparità nella loro percezione dei combattimenti e il chiaro senso di frustrazione che prevale tra il pubblico. Nella sua percezione, l'Idf ha migliorato le sue capacità di attacco, ha colpito duramente Hamas, ha completamente silurato le mosse offensive dei palestinesi ed è riuscito, per mezzo di Iron Dome, a ridurre quasi al minimo le perdite nel fronte interno civile a causa degli attacchi missilistici. Ma per i cittadini del paese, tutti questi risultati sono compensati dalla foto della sorridente Sinwar (per non parlare dei disordini sul Monte del Tempio e nelle città miste, e degli attacchi missilistici su Tel Aviv). C'è un grande divario di aspettative qui, che l'esercito fa fatica a colmare. Due reclami principali, che si riflettevano anche in articoli di Haaretz, sono stati lanciati contro l'Idf dopo l'operazione. Una riguardava l'uccisione di civili palestinesi, tra cui 66 bambini e adolescenti. La seconda riguardava l'incapacità dell'aviazione di sopprimere il fuoco dei razzi durante i combattimenti. Nonostante tutte le munizioni che Israele ha sparato nella Striscia di Gaza, secondo l'accusa, Hamas ha continuato a sparare nel sud e nel centro del paese.

Israele non può scrollarsi di dosso la sua responsabilità per la morte dei bambini palestinesi. Sono stati uccisi durante i bombardamenti israeliani, e la maggior parte delle vittime sono state colpite come risultato di questi raid. (Ci sono stati anche apparentemente casi in cui le vittime civili sono state causate da razzi palestinesi esplosi per errore all'interno della Striscia di Gaza). Ma bisogna notare alcune altre cose. Primo, è stato Hamas che ha iniziato questa serie di combattimenti lanciando razzi da Gaza nella zona di Gerusalemme. Secondo, il fuoco di Hamas era diretto quasi totalmente contro i centri della popolazione civile in Israele (in alcuni casi i razzi sono stati lanciati anche contro le basi dell'aviazione e le infrastrutture). E terzo, l'intero metodo operativo di Hamas, in quanto parte debole, si basa sull'occultamento e sullo sparare dall'interno della popolazione civile palestinese, con l'obiettivo di ridurre la capacità di risposta di Israele, e di ingarbugliarlo se risponde. Questo potrebbe sembrare una piccola contabilità, ma la verità è che la proporzione tra il numero di civili uccisi rispetto al numero di militanti armati uccisi questa volta è stata molto più bassa che nelle tre precedenti operazioni a Gaza. Qui potrebbe avvicinarsi, in una sintesi finale, a un rapporto di 1:1. Nei bombardamenti delle forze aeree occidentali nella campagna contro l'Isis in Siria e Iraq, per esempio, il rapporto è stato molto peggiore a scapito dei civili. Ed è meglio non parlare affatto a questo proposito dei bombardamenti a tappeto dei russi sui ribelli in Siria, una campagna i cui obiettivi erano in parte di intimidire e uccidere i civili.

A differenza delle precedenti operazioni dell'Idf, tutte le munizioni utilizzate dalle forze aeree questa volta erano del tipo di precisione - controllate e guidate a distanza. I grattacieli che sono stati bombardati sono stati evacuati in anticipo sulla scia degli avvertimenti dell'Idf, e per quanto si sa nessun civile è stato ucciso al loro interno. In altri casi, gli aerei hanno colpito con precisione appartamenti specifici, evitando l'uccisione di persone negli appartamenti vicini. Sono stati commessi errori anche nell'intelligence pre-attacco e nell'esecuzione degli attacchi, che hanno portato all'uccisione di civili. L'intoppo peggiore riguarda l'uccisione di più di 20 civili in due edifici che sono crollati sui loro occupanti. Questo è successo durante il primo grande attacco ai tunnel difensivi la notte del 13 maggio. L'Idf non sapeva che lo scavo dei tunnel aveva creato spazi sotto i due edifici. Quando i tunnel furono attaccati, con missili che colpirono le strade sopra di essi, si scatenò un'onda d'urto letale a catena che fece crollare gli edifici. Per quanto riguarda la soppressione dei razzi di Gazan, questa affermazione dell'Idf riflette un certo malinteso sui combattimenti. Già nella seconda guerra del Libano (2006) è diventato chiaro che l'Idf, nonostante la sua enorme superiorità tecnologica, è incapace di dare la caccia al lanciatore solitario nel corso dei combattimenti. Gli attacchi delle forze aeree a Gaza erano rivolti a una varietà di obiettivi - siti di produzione di armi, lanciatori a più canne, militanti e figure di alto livello nelle organizzazioni - al fine di degradare la capacità delle organizzazioni e dissuaderle.

La soppressione completa non è possibile di fronte all'immenso numero di razzi, anche se negli ultimi giorni dell'operazione il tiro al sud è diminuito, e nel caso di Tel Aviv si è fermato completamente. Un miglioramento della risposta, se ci sarà, potrebbe avvenire quando Israele inizierà a integrare i sistemi di intercettazione con laser elettrici. I primi esperimenti in questa direzione sono previsti già quest'anno. L'obiettivo futuro dell'Idf è che sistemi di questo tipo siano in grado di intercettare le minacce mentre sono ancora sul suolo nemico, senza mettere in pericolo e molestare le retrovie civili israeliane. Ma passerà del tempo prima che questo accada, e non sembra che Hamas o Hezbollah accetteranno di aspettare”, conclude Harel.

Autorità cercasi

In tutto questo brilla, si fa per dire, la totale assenza sulla scena politico-diplomatica, e su quella militare, dell’Autorità nazionale palestinese dell’anziano e malandato Mahmoud Abbas. Delegittimata da Netanyahu, spiazzata, a colpi di missili, da Hamas, l’Anp è rimasta una sigla. Senza grande peso politico, senza alcuna capacità di attrazione soprattutto tra i giovani protagonisti della “rivolta” di Gerusalemme Est. Una nomenclatura che si perpetua e che, pur di non essere spazzata via, rinvia le elezioni. Abbas ha alzato la voce quando non poteva più tacere, quando i morti civili nella Striscia configuravano una mattanza da parte d’Israele. Ma nessuno se l’è filato. Tant’è che in Egitto, a negoziare la tregua è arrivato, dal Qatar che l’ospita, il primo ministro di Hamas, Ismail Haniyeh.

 

Naftali, il tecno-colono che non “ama” i palestinesi

E le cose non sono destinate a cambiare in maglio se a succedere a Netanyahu, come Primo ministro, sarà il leader di Yamina, Naftali Bennett. Il “tecno-colono” nel 2009, Bennett è stato nominato direttore generale del Consiglio Yesha, che raggruppa gli insediamenti israeliani in Cisgiordania, considerati illegali secondo il diritto internazionale. Nel 2013, Bennet  se n’era uscito dichiarando che i prigionieri palestinesi potevano essere giustiziati senza processo e ammettendo  candidamente di aver ucciso lui stesso numerosi arabi “senza problemi”. Per esempio, come direttore del Consiglio Yesha, Bennett  ha guidato la lotta per annullare il blocco delle costruzioni israeliane nei Territori Palestinesi e per rafforzare la politica degli insediamenti e delle annessioni, nonostante l’opposizione delle Nazioni Unite. 

Il probabile nuovo Primo ministro d’Israele (a rotazione, con il leader del partito centrista Yash Atid, Yair Lapid)  ha  anche affermato che non esisteva un'occupazione della Cisgiordania dal momento che “non c’è mai stato uno Stato palestinese qui”. Sarà stata pure una battuta in un comizio elettorale, fatto sta che la posizione di Bennett nei confronti della questione palestinese è chiara: nessuno Stato palestinese indipendente e sovrano potrà mai vedere la luce. Grande sostenitore dalla costruzione di insediamenti nei Territori occupati, Bennett ha proposto di annettere a Israele l’area C della Cisgiordania offrendo ai palestinesi che vi risiedono la possibilità di ottenere la cittadinanza israeliana. Le aree A e B dovrebbero invece essere amministrate dall’Anp, con Idf e Shin Bet ad occuparsi della sicurezza. Il piano di Bennett prevede anche la costruzione di maggiori infrastrutture nell’area annessa e nelle restanti per garantire la crescita economica di tutto il territorio. Gaza dovrebbe invece passare sotto il controllo dell’Egitto.

Con questi chiari di luna, a godere resta Hamas. Il “Nemico” di comodo dei falchi di Tel Aviv.